Bryce Harper al "festival dei fuoricampo"

Il 22enne esterno destro dei Nationals realizza 3 homerun in una sola partita, mentre Alex Rodriguez raggiunge Willie Mays per maggior numero di fuoricampo in carriera (660). Eddie Rosario la butta fuori al debutto in MLB

Tre fuoricampo in una sola partita di per se è una bella soddisfazione. Se poi arrivano a soli 22 anni diventa quasi un record. E' quello che è accaduto giovedì scorso all'esterno destro dei Nationals Bryce Harper che sale agli onori della cronaca sportiva per essere divenuto il più giovane giocatore a sbattere la palla al di là del campo dal 1969 (45 anni or sono fu il turno dell'esterno dei Red Sox Joe Lahoud). Prima di lui solo altri tre giocatori di Washington erano riusciti nell'impresa di battere tre fuoricampo in una sola partita: Alfonso Soriano nel 2006, Adam Dunn nel 2010 e Ryan Zimmerman nel 2013. Per Harper, al suo terzo anno da pro, si tratta dell'ottavo fuoricampo in 29 partite giocate. Un contributo importante per i Nationals che, grazie alle 7 vittorie nelle ultime 10 gare, si sono rilanciati nella rincorsa al primo posto della East Division di National League, al momento ancora saldamente nelle mani dei New York Mets che nello stesso periodo hanno portato a casa solo 4 vittorie. La classifica recita Metropolitans 18-10 ed il trio Atlanta (-4), Washington (-4.5) e Miami (-5) a inseguire.
Ancora "milestone" sui fuoricampo: stavolta però il protagonista è il controverso 39enne Alex Rodriguez, il cui ritorno nel roster dei New York Yankees negli scorsi spring-training hanno fatto storcere la bocca a più di qualche appassionato. Dopo aver saltato tutto il 2014 per i noti problemi di doping, A-Rod si sta rivelando determinate nella corsa dei "Bronx Bombers", e lo scorso 1 maggio, nella gara di apertura contro i rivali di sempre dei Red Sox al Fenway Park, si è tolto lo sfizio di battere il fuoricampo numero 660 in carriera, raggiungendo al quarto posto nella classifica dei fuoricampisti di tutti i tempi un certo Willie Mays. Gli Yanks, che per inciso a Boston hanno chiuso la serie contro i BoSox con un cappotto, sono al momento in testa alla East Division di American League, il girone più "compatto" della MLB. Tra loro ed il roster del Massachusetts, al momento fanalino di coda, passano solo 4 partite.
Esordio con fuoricampo per il 23enne Eddie Rosario. Il giovane esterno centro dei Twins è il primo giocatore nella storia di Minnesota ed il 29esimo nella storia di tutta la MLB a centrare un "home-run" al primo lancio della sua carriera. L'involontario complice è stato il partente degli Oakland A's Scott Kazmir nel corso della sfida persa 13-0 in quel del Target Field. L'ultimo esordiente a centrare un fuoricampo al primo lancio da pro è stato Starling Marte dei Pirates nel 2012. A proposito dei Twins va detto che nella Central Division di AL il roster affidato all'esordiente Paul Molitor si è inserito nel dualismo tra Detroit e Kansas City che dallo scorso anno contraddistingue il girone, riducendo la distanza dalla vetta (al momento i Royals sono 0.5 sopra i Tigers), a -2.5
Lo scorso 3 maggio è saltata la prima panchina della stagione. Ad essere licenziato dalla guida dei Brewers è stato il 58enne Ron Roenicke, a Milwaukee dal 2011. Il pessimo inizio di stagione dei Crews (7-18 nelle prime 25 gare della stagione), è costato caro al manager che chiude la sua avventura al Miller Park con un complessivo .508 (342 vittorie e 331 sconfitte). A sostituirlo il giovanissimo Craig Counsell ex interno dei Brewers nel 2004 e dal 2007 al 2011, al suo primo incarico alla guida di un roster. Il 44enne nativo dell'Indiana, ha firmato un contratto triennale e dovrà faticare non poco per togliere dal pantano i Brewers che al momento occupano l'ultimo posto della Central Division di NL con 9 vittorie e 19 sconfitte (.321, il peggior record della MLB), a -11.5 dai St.Louis Cardinals, a momento in testa al giorne a +5.5 dai Chicago Cubs e +6 dai Cincinnati Reds.
Nonostante il cappotto interno subito contro Texas, continua la favola degli Houston Astros nella West Division di American League. Dopo aver vinto 10 partite di fila, due sweep esterni contro Oakland e San Diego a cui ha fatto seguito quello interno nella serie da 4 contro Seattle, alla fine i ragazzi di A.J. Hinch sono crollati sotto i colpi dei Rangers che stanno faticosamente cercando di risalire la china dopo il pessimo avvio di stagione (penultimi a -6.5 dalla vetta in condominio con gli A's). Il record di 18-10 con cui Houston guida il girone (il migliore di tutta la AL), messo a confronto con il 9-18 dello scorso anno nello stesso periodo. Le statistiche dei texani fin qui sono impressionanti. Difensivamente sono al nono posto nel ranking della media ERA (3.49), primi nella classifica WHIP, la particolare statistica del numero di basi per ball e valide concesse per inning giocati (1.10), ed ottavi in quella degli errori difensivi (14). Per l'attacco i 42 fuoricampo li porta al secondo posto per numero di "home-run", mentre le 33 basi rubate li conferma leader di questa particolare classifica. A provare ad inseguire gli Astros ci sono gli Angels che però al momento sono a -5.
Sette sconfitte consecutive costano l'ultimo posto nella West di NL ai Colorado Rockies che dopo aver perso le ultime due gare nella serie esterna contro Arizona ed aver subito lo sweep in quel di San Diego, non hanno raccolti vittorie neanche nella miniserie interna da due contro i D-Backs. Per Tulowitzki e compagni il momento non è dei migliori anche se la vetta, al momento in mano ai Dodgers che sono a +3 da San Diego e +3.5 da San Francisco, dista solo 5.5. A preoccupare principalmente la fase difensiva. La media ERA del monte di lancio è preoccupantemente alta (5.38 la peggiore della MLB), al pari della media WHIP (1.56, anche questa la peggiore di tutti).

Informazioni su Andrea Tolla 532 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.