Baseball grossetano in lutto: è morto Armando Falconi

Aveva 76 anni. Fu il presidente del Bbc dal 1985 al 1994. Grazie a lui la squadra toscana divenne una delle grandi e conquistò gli storici scudetti del 1986 e del 1989 in due indimenticabili finali ai danni del Rimini

Il baseball maremmano è in lutto per la scomparsa di Armando Falconi, 76 anni, l'indimenticato presidente del Bbc Grosseto dei primi due scudetti, quelli conquistati nel 1986 e nel 1989 a spese del Rimini, al termine di due indimenticabili finali, forse le più belle di sempre in quanto ad emozioni. Falconi ha perso martedì pomeriggio, all'ospedale di Grosseto,  la partita più difficile della sua vita, dopo aver lottato per alcuni mesi con un male incurabile. Agente di commercio (è stato per una vita rappresentante della Perfetti) con il pallino della giurisprudenza, tanto da diventare dottore in legge poco più di tre anni fa, guidò la più prestigiosa società baseballistica cittadina dal 1985 al 1994. Fu grazie a lui ed ovviamente alla competenza dei suoi più stretti collaboratori il general manager Luigi Pegoraro e vicepresidente Stefano Palmieri e al manager Vic Luciani, che la squadra biancorossa fece il salto di qualità, il diventando una delle grandi del panorama italiano e di quello internazionale, con l'argento in Coppa Campioni a Parigi nel 1987, alle spalle della World Vision Parma, e il bronzo di Anversa nel 1990.

Falconi ha avuto, oltre a quello per la moglie e le figlie, un grande amore, il baseball. Amore che sbocciò negli anni Sessanta, durante il periodo trascorso a Torino. Dalla città della Mole non si perdeva un appuntamento della sua squadra, spostandosi su tutti i diamanti dove giocava il Bbc per far sentire il suo calore ai ragazzi. Negli anni Settanta entrò nel consiglio e nei primi anni Ottanta sostituì alla presidenza l'allora vicesindaco Aldo Tonini. Nonostante fosse presidente la passione lo portava ad essere dirigente accompagnatore e all'occorrenza anche speaker. Dopo aver passato la mano nel 1995 alla cordata capeggiata da Baricci, Polverini e Banchi, è rimasto al fianco del suo Bbc fino all'ultimo, entrando nel pool degli sponsor e partecipando anche alla festa dei sessant'anni e a tutti gli eventi che ricordavano l'epoca d'oro del batti e corri in Maremma, quando gli spettatori dovevano andare allo stadio con tre ore d'anticipo per essere sicuri di trovare il  posto ideale per seguire la partita. Armando Falconi lascia la moglie Luciana, le figlie Beatrice e Monica, i generi Marco e Marco, e due splendide nipotine. I funerali si svolgeranno mercoledì mattina alle 11,30 nella chiesa di San Francesco, nel centro storico di Grosseto.

Alla famiglia Falconi le più sincere condoglianze di tutta la redazione di Baseball.it

Maurizio Caldarelli
Informazioni su Maurizio Caldarelli 453 Articoli
Giornalista del quotidiano "Il Tirreno" di Grosseto, collabora anche con la Gazzetta dello Sport.

Commenta per primo

Lascia un commento