Interrogazione M5S online sul sito della Camera

Il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente insieme ai co-firmatari Maria Marzana, Francesco D'Uva, Sergio Battelli, Luigi Gallo, Davide Crippa, Gianluca Vacca e Massimo Baroni hanno presentato un'interrogazione a risposta in Commissione

Ora è ufficiale. L'interrogazione del M5S è stata pubblicata anche sul sito della Camera dei deputati. Il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente insieme ai colleghi co-firmatari Maria Marzana, Francesco D'Uva, Sergio Battelli, Luigi Gallo, Davide Crippa, Gianluca Vacca e Massimo Baroni hanno presentato ieri un'interrogazione a risposta in Commissione. Destinatario è la Presidenza del Consiglio e allo stato attuale non è ancora noto quando è prevista la risposta.
Come anticipato da Baseball.it, sono due gli argomenti oggetto dell'interrogazione.
Al centro dell'attenzione l'Accademia di Tirrenia, le società Fibs Academy e Teammate.
Nella prima società (che non esclude scopo di lucro), la FIBS è socio unico e si contesta il versamento di contributi pubblici provenienti dai contributi CONI, contravvenendo quindi al decreto legislativo 242 del 1999, come meglio specificato dal Procuratore regionale della Corte dei Conti per il Lazio nella memoria del 22 febbraio 2012.
Nell'interrogazione inoltre, si fa riferimento ad un intervento di Riccardo Schiroli, dell'ufficio comunicazione della FIBS al sito MyBaseball.altervista.org dove pare avesse affermato che "un Accademista di Tirrenia che firma un contratto da professionista ha l'obbligo di girare il 10 per cento del bonus di firma all'Accademia. Questa cifra viene poi suddivisa: il 70 per cento va all'Accademia e il 30 per cento alla società per cui il ragazzo è tesserato". Si evidenzia come risulta agli interroganti che la FIBS aggiri i vincoli statutari e che in sintesi lucri, esattamente come un agente, sul contratto di lavoro subordinato di un atleta professionista, precedentemente iscritto presso l'Accademia di Tirrenia, in spregio alla vigente normativa e agli stringenti vincoli imposti dal CONI.
I deputati chiedono se tutto quanto sopra esposto corrisponda a verità e, in caso affermativo, quale sia l'orientamento del Presidente del Consiglio dei ministri in merito.
Stesse domande anche sul fronte Teammate, con in più le considerazioni del fatto che la Federazione risulta socia al 70% mentre il 30% è detenuto da soggetti privati (della società Teammate fanno parte Fabio Betto e Alessandro Tommasi).
Secondo i deputati pentastellati, la Teammate srl avendo come oggetto sociale attività esclusivamente commerciali e non escludendo nello statuto lo scopo di lucro, sembra aver consapevolmente violato tutte le disposizioni vincolanti e obbligatorie, emanate dal CONI il 25 febbraio 2008 sulla scorta della vigente normativa.

Alessandro Labanti
Informazioni su Alessandro Labanti 936 Articoli
Webmaster e responsabile del dominio Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento