Fantastica Italia: siamo di nuovo in finale

L'Italia annienta i padroni di casa (9-1) in un ambiente caldissimo. Domani la sfida contro l'Olanda servirà solo per determinare la squadra di casa nella finalissima di domenica. Florian, Crepaldi, D'Amico e Avagnina sugli scudi

E sono tre! Con una gara capolavoro contro i padroni di casa e un pubblico accesissimo, gli azzurri trovano la terza finale europea consecutiva. Successo legittimato già al terzo con cinque punti segnati. Bene il monte di lancio, il line-up ha trovato in Infante un grande protagonista, anche in difesa, autore di alcune giocate da Major league. Domani sera l'Olanda, ma serve solo per determinare la squadra di casa nella finalissima di domenica.
Gli azzurri cercano il pass per la finale in una sfida incandescente contro i padroni di casa, sostenuti da un gran tifo e determinati a giocarsi l'ultima chance dopo la vittoria della Spagna sulla Germania che ha escluso i teutonici dalla gara decisiva. Seguendo la rotazione prestabilita il manager Mazzieri schiera Fraiylin Florian partente contro il ceko Novak e ripresenta Avagnina all'esterno sinistro escludendo stavolta Ermini. La partita dell'Italia si mette bene al primo inning, quando Infante, dopo essere giunto fino in seconda con un bunt spinto, aiutato da un errore difensivo e successivamente in terza sulla valida a destra di Desimoni, segna il primo punto sulla lunga volata di sacrificio al centro eseguita da Vaglio. I ragazzi di Mazzieri potrebbero incrementare ma l'attacco si chiude con l'esterno centro del Lino's Coffee in terza base. Repubblica Ceka porta i corridori agli angoli al cambio campo, ma con due fuori Florian fa battere a Malik una lunga volata che si spegne nel guanto di Desimoni. 
Al terzo l'Italia mette altri cinque punti sul tabellone con due out: Alex Liddi sul conto di due out,tre ball e due strike piazza uno splendido doppio in mezzo agli esterni e spinge a casa base Desimoni e Vaglio. E' l'ultima azione per il partente ceko Novak che lascia il monte a Toufar, ma il neo entrato subisce immediatamente le valide di Chiarini, Mineo e Reginato che fissano il risultato sul 6-0. Al quarto il vantaggio azzurro diventa di sette punti, ma al quinto i padroni di casa mettono paura alla squadra di Mazzieri che soffre, subisce un punto con tre valide interne e tira un sospiro di sollievo quando la legnata di Sladek esce di un soffio in foul al limite del fuoricampo. Sale Pippo Crepaldi al sesto e con tre strike-out annulla sul nascere le speranze ceche, ad eccezione di un doppio subito all'ottavo. Ma nel frattempo una valida di Epifano da due punti ha fissato il risultato sul 9-1 che D'Amico difende nell'ultima ripresa. Si può festeggiare, moderatamente, l'accesso in finale, perché Mazzieri domani vuole la squadra al 100{8f32ef77258d52ad595d667c0f67cfebc828b9bed1b23e8e0b2784027556346a} per mettere subito l'Olanda sotto pressione. E' la terza finale europea consecutiva e non ci sono dubbi: questa è una grande squadra!

INTERVISTA AUDIO AD INFANTE 

Avatar
Informazioni su Matteo Desimoni 337 Articoli
Nato a Parma l'8 febbraio 1978, laureato all'Università di Parma in Scienze della comunicazione, con tesi di laurea "La comunicazione in una società sportiva: il caso dell'A.S.D. Baseball Parma", collaboratore della "Gazzetta di Parma", iscritto all'ordine dei giornalisti, elenco pubblicisti, dal settembre 2009. Ha collaborato nel 2005 anche con "L'informazione di Parma". Dal luglio 2009 a fine agosto 2011 ha ricoperto l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa della società A.S.D. Baseball Parma. E' l'ideatore e direttore responsabile del periodico gratuito "Baseballtime" distribuito sui campi da baseball della provincia di Parma. Ha iniziato la carriera da giocatore a 8 anni, nel 1986 nelle giovanili dell'Aran Group, poi ha militato in diverse squadre della provincia di Parma e debuttato in serie B con il Sala Baganza e in serie A2 con la Farma Crocetta nel 1998. Dal 2002 al 2008 ha allenato le giovanili di Crocetta e Junior Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento