Il Solingen travolge il Nettuno prima del limite

I tedeschi, grazie a 7 punti nel secondo attacco, vincono per 11 a 1 per manifesta inferiorità. Migliore del match Leighton, 4 su 4 con un doppio e un triplo

Sette punti subiti al secondo inning e il Nettuno Bc esce sconfitto (11-1 per manifesta inferiorità al settimo) anche dalla seconda partita di European Cup, giocata sul diamante di Hoofddorp contro il Solingen Alligators. I tedeschi, che si erano comunque difesi discretamente contro il San Marino il giorno prima, a questo punto sono ancora in corsa per una qualificazione seppur difficoltosa, mentre per il Nettuno i giochi sono ormai definitivamente chiusi a meno di un miracolo.

Rispetto al match d'esordio il manager Scerrato conferma tutti tranne ovviamente il lanciatore, con la pallina stavolta affidata a Yuri Morellini. Ma il pitcher nettunese regge sostanzialmente un inning, nel quale tra l'altro i tirrenici erano andati molto vicini a siglare il primissimo punto della propria European Cup. Con due uomini in base su singolo e zero out, Pezzullo batteva in doppio gioco, seguiva quindi la base ad Evangelista che rubava anche la seconda ma Sforza, con due corridori in posizione punto e due fuori, non andava oltre la volata all'esterno destro.

Al secondo i tedeschi facevano loro il match. Una sequela di sei valide, tra cui un triplo di Gotze e un doppio di Wulf consentivano alla squadra di Solingen di siglare sette punti. Al terzo ancora un triplo, stavolta di Leighton, spingeva a casa Steffens per l'8 a 0. La partita di Morellini (3,1 rl, 11 bv, 9 p, 8 pgl, 2 b e 1 k) finiva al quarto, dopo l'undicesima valida subita. A sostituirlo Ciarla, che a causa di una palla mancata del ricevitore era costretto a veder subito i tedeschi segnare il nono punto, ancora attribuibile a Morellini a livello statistico.

La partita di fatto terminava lì. C'era solo da attendere la fine, con il Solingen che segnava ancora al quinto, sesto e settimo, e il Nettuno che se non altro alla prima parte della sesta ripresa rompeva il ghiaccio mettendo a segno grazie ad un doppio di Evangelista il primo punto della sua campagna olandese. A toccare il piatto di casabase era Mirko Caradonna, arrivato in prima per quattro ball. Alla fine i tedeschi riuscivano a mettere a segno 15 valide, contro le 3 nettunesi. Il migliore sicuramente è stato lo statunitense Tanner Leighton, autore di un 4 su 4 con un doppio e un triplo.

Domani, sempre con inizio alle ore 13, terzo impegno del Nettuno Bc in European Cup, contro i cechi del Kotlarka Praga, che nel primo match hanno impensierito non poco i padroni di casa del Pioners e nel secondo hanno venduto carissima la pelle contro il San Marino, dopo che si erano trovati avanti per 3 a 0 al sesto. Con due sconfitte e le partite sulla carta più difficili ancora da affrontare, il Nettuno a questo punto può solamente puntare a non chiudere a zero la kermesse europea. E l'occasione migliore sembra proprio quella di giovedì pomeriggio.  

Informazioni su Mauro Cugola 545 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.