Padova sciocca l'IBL: San Marino KO in gara-2

Splendido esordio dei debuttanti veneti che dopo aver ceduto 5-1 nell'incontro di venerdì, hanno ottenuto una storica vittoria in gara-2 a San Marino. Chapelli si prende una rivincita sugli ex compagni

Esordio storico in IBL per la squadra Patavina, subito alla prova del fuoco, opposta ai campioni del 2013 della T&A San Marino. Sconfitta onorevole in gara-1, caratterizzata dalla sfida sul monte tra Guerra e Uviedo. Una sfida che termina con il 5-1 per la squadra di Bindi, ma la neopromossa non sfigura affatto, tenendo bene il campo, nonostante le ovvie difficoltà in battuta. La gioia per i veneti arriva però sabato sera alle pendici del Titano, quando la squadra di casa deve cedere alla voglia di rivalsa dell'ex Chapelli, devastante in battuta, alla vena di Nosti, Sguassero e Sandalo. Decisivo però, dopo l'ottima prova di Crepaldi, la prestazione sul monte di Jesus Medina, ottimo ad arginare il tentativo di rimonta sanmarinese
GARA-1 (a Padova) Padova-San Marino 1-5

Debutto in casa per il Padova-Tommasin contro i campioni d'Italia del San Marino. I padroni di casa reggono bene il confronto con i quotati avversari, condotti da uno Junior Guerra che dal monte non fa veder palla ai biancorossi (6ip, 1h, 12so); anche il partente Uviedo non sfigura affatto, concedendo 3 sole hits (che valgono però un punto) agli avversari nei primi 4 inning lanciati. Al 5° attacco gli ospiti piazzano il break decisivo: due battute da extrabase (Albanese e Pantaleoni) e un errore difensivo valgono il 4-0 per San Marino.

Con l'uscita di Guerra per D'Amico i padovani trovano più fiducia e iniziano a pungere: al 7° attacco Sartori batte valido, ruba la 2° e viene spinto a casa dalla base-hit di Chapelli, siglando così il primo punto in IBL nella storia della Società patavina. Con Acosta sul monte padovano, al successivo attacco San Marino ristabilisce le distanze: Mazzuca batte un profondo doppio e corre verso la terza base, Sciacca assiste per Epifano: l'out in 3° ci può stare, ma l'interbase padovano cicca clamorosamente l'assistenza, mandando la pallina (evidentemente bagnata) addirittura nel dogout ospite, per il quinto punto degli ospiti.

E' l'ora dei closer: Cubillan per D'Amico e Tonellato per Acosta. Non succede più niente: finale 5-1 San Marino.

GARA-2 (a San Marino) San Marino-Padova 5-7

Il Tommasin sbanca il Serravalle di San Marino con una prestazione gagliarda, rimontando i campioni d'Italia, piazzando la dura mazzata all'8°, e resistendo strenuamente al furibondo ritorno dei padroni di casa.

Nella gara riservata ai lanciatori italiani il mound padovano viene affidato a Crepaldi; Cooper il partente di San Marino. Inizio spumeggiante di Padova che si porta subito in vantaggio col leadoff Nosti, spinto a punto da un gran doppio di Pestana. Replica immediata dei sanmarinesi che pareggiano con Ramos, grazie anche ad un errore difensivo degli ospiti. La gara e' bella ed equilibrata; Padova batte di più ma non concretizza. Sono anzi i campioni d'Italia che passano in vantaggio al 3° con Bittar, ancora favorito da un'incertezza della difesa ospite (2-1 San Marino). Ad inizio 4°, sul mound padovano sale Medina che sfodera una prestazione maiuscola, concedendo poco e niente, nella parte centrale del match, alle poderose mazze di casa.

Dai e dai, Padova agguanta il pareggio al 6° attacco: Chapelli, dopo una battuta da 2 basi, tocca il piatto su base-hit di Sguassero. Si prosegue in estremo equilibrio fino all'8° inning, in cui succede di tutto: Padova castiga pesantemente i rilievi sanmarinesi Simone e Andreozzi: in sequenza Sciacca, Chapelli, Moccia, Sguassero e Sandalo (gran doppio da 2 rbi) vanno a punto per l'incredibile 7-2. Furibonda, come detto, la reazione di San Marino che infligge nell'8° attacco 5 delle complessive 9 battute valide concesse da Medina, portandosi sul 7-5. L'ultimo inning e' tesissimo: Chapelli (partitone, contro la sua ex squadra) piazza la 4° valida della sua prova nel box, ma l'ultimo attacco Padova è tutto qui. Sul mound padovano si ripresenta Jesus Medina che chiude la sua maestosa prestazione in maniera perfetta (3on, 3 out). Con la mazza, oltre a Chapelli, in grande evidenza Nosti, Sguassero e Sandalo.

Grande festa in casa Padova, grandissima soddisfazione per lo staff tecnico e per il patron Bobo Tommasin. I 250 km del ritorno non pesano per niente.

Informazioni su Matteo Desimoni 337 Articoli
Nato a Parma l'8 febbraio 1978, laureato all'Università di Parma in Scienze della comunicazione, con tesi di laurea "La comunicazione in una società sportiva: il caso dell'A.S.D. Baseball Parma", collaboratore della "Gazzetta di Parma", iscritto all'ordine dei giornalisti, elenco pubblicisti, dal settembre 2009. Ha collaborato nel 2005 anche con "L'informazione di Parma". Dal luglio 2009 a fine agosto 2011 ha ricoperto l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa della società A.S.D. Baseball Parma. E' l'ideatore e direttore responsabile del periodico gratuito "Baseballtime" distribuito sui campi da baseball della provincia di Parma. Ha iniziato la carriera da giocatore a 8 anni, nel 1986 nelle giovanili dell'Aran Group, poi ha militato in diverse squadre della provincia di Parma e debuttato in serie B con il Sala Baganza e in serie A2 con la Farma Crocetta nel 1998. Dal 2002 al 2008 ha allenato le giovanili di Crocetta e Junior Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.