Nel 2014 MLB al via per la prima volta in Australia

Il 22-23 marzo le prime due partite di regular season tra Arizona Diamondbacks e Los Angeles Dodgers al Cricket Ground di Sidney. 31 finora gli australiani in MLB, c'è anche l'ex-riminese Dave Nilsson

Il baseball in Australia ha una storia lunga quasi 150 anni. E non è un caso che la prossima stagione della Major League Baseball comincerà proprio da Sidney. Accadrà sabato 22 e domenica 23 marzo 2014 quando gli Arizona Diamondbacks e i Los Angeles Dodgers, dopo gli spring-training in Arizona, scenderanno in campo allo storico Cricket Ground per disputare le "Opening Series". L'annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa tenutasi ieri a Sidney dal Premier dello stato del Nuovo Galles del Sud, Barry O'Farrell, a cui hanno partecipato anche Tom Nicholson, direttore della MLB Australia e Oceania, e Tim Slavin, Direttore Business Affairs e Senior Counsel del Sindacato dei Giocatori di Major League.
Le "Opening Series 2014" metteranno di fronte gli storici rivali della West Division della National League per le prime due partite di regular season della MLB giocate in Australia. Già in diverse occasioni passate, l'avvio della stagione regolare è avvenuto fuori dal territorio americano: a Monterrey (Messsico) nel 1999, a Tokyo (in Giappone) ben quattro volte, nel 2000, 2004, 2008, 2012 e a San Juan (Portorico) nel 2001.
Quelle del prossimo anno in Australia saranno delle partite "speciali", fortemente volute dalla Major League, sempre più aperta (finalmente) a globalizzare il baseball e presto (lo speriamo di cuore) anche in Europa: le prime partite MLB nel Vecchio Continente, le "Amsterdam Series", sarebbero infatti in programma tra l'anno prossimo e il 2015 nel nuovo stadio in fase di costruzione a Hoofddorp, un complesso di 6 campi e investimenti pari a 12 milioni di euro.
A Sidney le Opening Series 2014 celebreranno la festa del centenario della prima partita di esibizione in Australia giocata dai Chicago White Sox e i New York Giants proprio al Cricket Ground (interamente rinnovato per ospitare l'evento secondo gli standard MLB). Era il 3 gennaio 1914 quando i White Sox sconfissero i Giants 5-4, davanti a circa 10.000 spettatori. Ma in precedenza, sempre al Sydney Cricket Ground, fece tappa nel dicembre 1888 lo Spalding's World Tourists con una serie di gare amichevoli di baseball tra cui un match che attirò circa 5.500 spettatori.
"La Major League Baseball è entusiasta che gli Arizona Diamondbacks e i Los Angeles Dodgers apriranno la stagione regolare 2014 a Sydney" ha detto il Commissioner Bud Selig. "La globalizzazione del nostro gioco continua a essere di primaria importanza per la Major League Baseball e l'Australia rappresenta un elemento essenziale del nostro impegno a lungo termine per far crescere questo sport. Non vediamo l'ora di scrivere un nuovo capitolo nella storia del baseball internazionale al Cricket Ground a marzo".
"I giocatori sono elettrizzati per l'opening del campionato in Australia e vedono queste partite come una conferma del loro impegno per aumentare la popolarità del baseball a livello mondiale ", ha detto Michael Weiner, Executive Director della MLBPA. "Desideriamo ringraziare per questo la Federazione australiana di baseball e i tfosi per averci accolto nel loro paese. Sarà un'esperienza memorabile per tutti, giocatori e tifosi".
Fino ad oggi sono 31 i giocatori di origine australiana (28 nativi) che hanno giocato almeno una partita in Major. Il primo assoluto fu l'interno Joe Quinn, nel 1884. Il giocatore australiano col maggior numero di partite in grande lega è stato il ricevitore dei Milwaukee Brewers, David Nilsson, che nel 2003 giocò a Rimini collezionando 5 fuoricampo in 9 partite giocate (.280 di media battuta, 7 valide su 25 turni, .920 di media bombardieri).

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.