"And the draft is… Federico Castagnini"

L'emozione dell'annuncio vissuto in diretta nella casa di Verona e raccontato da papà Paolo e mamma Giovanna. Il 22enne interno scaligero è stato scelto al draft 2013 dai Baltimore Orioles su segnalazione di Mauro Mazzotti

Borgo Venezia, appena fuori le mura di Verona. Nel quartiere, non distante dal diamante "Gavagnin", da sabato notte c'è qualcosa, anzi qualcuno, da festeggiare. La gioia è incontenibile e il telefono in casa Castagnini continua a squillare da quando Federico è stato scelto al draft 2013 dai Baltimore Orioles, primo giocatore nato e cresciuto in Italia selezionato da una franchigia di Major League su segnalazione di Mauro Mazzotti (oggi con gli O's dopo essere stato scout di Astros e Mariners, suo l'ingaggio di Liddi). Nessun calice di Prosecco o bottiglia di spumante da stappare. Basta l'emozione della grande notizia, appresa in diretta via web sul sito MLB, per inebriare papà Paolo e mamma Giovanna che, tra le attività portate avanti con passione tra Dynos e viaggi negli USA per giocare a baseball, seguono come possono Federico in questa sua bella esperienza americana.
Contrariamente a quanto accaduto un anno fa circa, Castagnini era arrivato al terzo e ultimo giorno del draft 2013 senza essere nella lista degli eleggibili. Un bel campionato davvero alla Creighton University (debutto), poi la Summer League Castagnini con i Green Bay Bullfrogs. A suo tempo, il GM del San Marino e attuale manager della Spagna, Mauro Mazzotti, lo aveva indicato all'organizzazione dei Baltimore Orioles e gli scout ne erano rimasti favorevolmente impressionati. Hanno cominciato a seguirlo e studiarlo, mentre Federico continuava a fare bene con i BlueJays in terza base (per due volte "Player of the Week" ad aprile nella Missouri Valley Conference in NCAA).
"Avevamo iniziato a scorrere i nomi delle squadre e i giocatore scelti da circa tre ore – racconta Paolo Castagnini a Baseball.it una litania senza fine, eravamo al 26° round e la testa mi cadeva ogni tanto giù. Avevo deciso di andare a letto, ma Giovanna resisteva e continuava a seguire in diretta. Sentivo Astros, Chrismon William… poi Chicago, Pena Carlos Southwest Miami… mi assopisco. Ad un certo punto Giovanna grida tre volte il mio nome".
Già, potrebbe essere il draft. No, impossibile che abbiano chiamato Federico. Basta saltare giù dal letto, fare una corsa e dare uno sguardo al monitor per soddisfare la curiosità. Ill battito cardiaco sale eppoi…: "Leggo Baltimore Orioles, round 30 pick # 909 Castagnini Federico, Creighton, Verona Italy, SS, R/R, JR… è proprio lui, non credo ai miei occhi. Ci abbracciamo. Abbiamo telefonato subito a Federico, squillava a vuoto. Chiama Mauro Mazzotti, felicissimo, suona contemporaneamente il telefono di casa. E' Federico. Ci racconta che si trovava in campo nel pre-game. Il suo allenatore l'ha chiamato e gli ha mostrato la notizia da Twitter, che sorpresa!"
Per papà Paolo e mamma Giovanna una soddisfazione enorme. E la febbre del sabato sera contagia anche il fratello Giovanni e la cognata Martina, molto attaccati al rookie veronese che si sta affermando negli USA. E' il giusto merito anche e soprattutto per Federico che da cinque anni studia e gioca tutto l'anno. Ora il 22enne interno della Creighton è però di fronte ad un bivio: se firmare per gli Orioles o proseguire con l'Università dove sta studiando con grande impegno International Business. "Siamo già contenti così – conclude Paolo – Comunque vada".

Informazioni su Filippo Fantasia 673 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.