Federico Castagnini, "the boy of summer"

Il 22enne terza base veronese ha esordito stanotte nella prestigiosa Northwoods Summmer League con la maglia dei Green Bay Bullfrogs in occasione della double header contro i campioni in carica dei Lacrosse Loggers

Giusto il tempo di digerire la delusione per l'infelice conclusione della sua prima stagione in NCAA Division 1 con la maglia dei Blue Jays di Creighton University, ed ecco Federico Castagnini già trasferito "mazza e guantone" nel Wisconsin dove ha già disputato le sue prime due partite nella Northwoods Summer League fra le fila dei Green Bay Bullfrogs sul diamante casalingo del Joannes Stadium. Per il giovane terza base veronese un totale di 4 turni alla battuta con due basi ball ottenute nella sfortunata double-header della sua nuova squadra contro i campioni in carica dei Lacrosse Loggers.
La Northwoods League, nata nel 1994, è una delle più importanti leghe estive indipendenti riservate a giocatori ancora eleggibili per la NCAA dell'intero panorama a stelle a strisce ed è composta da 16 squadre divise in due Division che si affrontano dai primi di giugno alla metà di agosto utilizzando, cosa molto importante, mazze di legno: un aspetto questo che da ancor di più un "assaggio" di Minor League ai partecipanti provenienti dal campionato NCAA. La stragrande maggioranza delle squadre sono localizzate nel Minnesota e nel Wisconsin e proprio in quest'ultimo stato degli Stati Uniti settentrionali si trova la cittadina di Green Bay famosa come "Title Town" per la sua squadra di National Football League i Packers più volte vincitori del SuperBowl. A testimonianza dell'importanza e del valore "formativo" di questa Summer League basterà citare solo alcuni dei giocatori ora in Major League che vi hanno giocato negli anni passati: Curtis Granderson dei New York Yankees, Allen Craig dei St. Louis Cardinals, Ben Zobrist ora ai Tampa Bay Rays, Andre Ethier dei Los Angeles Dodgers e l'interbase dei Pittsburgh Pirates Clint Barmes.
Castagnini ha già fatto l'esperienza della Summer League lo scorso anno nella Coastal Plain fra le fila dei Columbia Blowfish (.240 media battuta e 19 punti battuti a casa le sue statistiche finali) e cercherà di far tesoro di questa ennesima esperienza americana (in pochi anni ha giocato in rapida successione a livello di high-school, junior college, summer league ed NCAA) guadagnando nel contempo ancor più feeling con la sua nuova posizione a difesa del cuscino di terza base. Il giovane field manager dei Bullfrogs, Karl Johnston, assistente allenatore alla Midland University, gli ha affidato da subito lo spot numero due nel line-up viste le sue ottime capacità nel bunt ed il suo controllo della mazza.

Informazioni su Andrea Palmia 134 Articoli
Andrea Palmia è nato a Bologna il 4 aprile 1968 e vive nel capoluogo emiliano con la moglie Aurora e la figlia Lucia di due anni. Laureato in Pedagogia con una tesi sperimentale sui gruppi ultras, lavora dal 1995 come educatore professionale con utenti disabili mentali e fisici. Appassionato di sport in genere ed in particolare di quelli americani, ha sempre avuto come sogno nel cassetto quello di fare il giornalista sportivo. Dal baseball giocato nel cortile del condominio con una mazza scolorita alle partite allo stadio Gianni Falchi con i fuoricampo di Roberto Bianchi e Pete Rovezzi, il passo è stato breve. Fortitudino nel DNA, nutre una passione irrazionale per i "perdenti" o meglio per le storie sportive "tormentate" fatte di pochi alti e di molti bassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.