Per l'Unipol Bologna ultimo scoglio prima della Coppa

Stasera e domani la squadra bianco blu anticipa le sfide con i Knights in vista delle qualificazioni europee. Andrea D'Amico out per malattia. Davide Anselmi esordio, poi volo transoceanico per il suo sogno a stelle e strisce

Complici gli anticipi delle squadre impegnate in European Cup, quello dell'ultima giornata del girone d'andata del campionato IBL 2013 sarà un weekend articolato dal giovedì al sabato, come ai "bei tempi". La Unipol Fortitudo Bologna sarà impegnata nella trasferta più vicina, rendendo visita ai Godo Knights. Le partite si giocheranno nella cittadina romagnola giovedì 30 e venerdì 31 maggio, con inizio alle ore 20.30. Contemporaneamente, con gara1 a Rimini e gara2 a San Marino, si affronteranno le due squadre finaliste 2012, che oggi occupano la terza e quarta posizione in classifica, dunque "sfida di cartello". Turno invece agevole sulla carta per la capolista Nettuno (ex aequo con i biancoblu) che sabato ospita il Mastiff Grosseto (una volta era il derby del Tirreno, ma con un altro Grosseto…), mentre si presenta incerta la sfida di coda fra Novara e Ronchi, anche questa da consumarsi nella giornata del sabato. Infine, venerdì e sabato sera e a campi alternati, il derby del formaggio (più buono del mondo, n.d.a.) fra Reggio e Parma, che si giocheranno anche l'ultimo posto a sinistra della classifica del girone d'andata.
Sulla carta, la sfida fra Bologna e Godo vede la squadra di Marco Nanni partire con il ruolo di favorita, anche se negli ultimi due weekend ha incassato qualcosa di troppo a Nettuno ed ha attaccato con le polveri bagnate contro il San Marino, ottenendo così una sola vittoria nelle ultime quattro gare disputate, dopo un brillante 12 su 12 di inizio campionato. Conseguentemente sono peggiorate le medie di squadra, fino a due settimane fa dominate dai biancoblu, che ora sono terzi in attacco (.291), secondi sul monte di lancio (2.04) e in difesa (16 errori, .973) ma davvero ad un'incollatura dagli avversari che sono Rimini e Nettuno per l'attacco e i titani per mound e difesa. Non male comunque le medie dei ravennati, sesti a livello offensivo (.249) e in difesa (23 errori, .957), settimi sul mound (5.16).
"Puntiamo a fare bottino pieno e a giocare domani sera" sono le parole del manager biancoblu, che da un lato sprona i suoi a non sottovalutare l'impegno e a concentrarsi sul campionato, rimandando a domenica i pensieri legati alla European Cup, dall'altro lato "balla una macumba" per allontanare lo spettro della pioggia, che tutte le previsioni danno per certa per giovedì e anche nella zona di Godo, frazione di Russi. In caso di rinvio, si porrebbe un problema sulla data, visto che è stato chiesto l'anticipo proprio per non giocare di sabato, a ridosso della trasferta di Ratisbona. "Il Godo negli anni scorsi ci ha sempre impegnato e quasi sempre ci hanno portato via una partita – continua Nanni – vogliamo che non succeda in questa occasione".
I lanciatori partenti saranno Luque e D'Angelo, ai quali – fa presente ancora Nanni – "seguiranno un bel numero di lanciatori…", aprendo spazio dunque a lunghe staffette, con l'obiettivo di preservare il braccio dei pitcher che fra qualche giorno saranno impegnati a livello europeo. Convocato anche il giovane Davide Anselmi, che non sarà a Ratisbona perché parte per l'avventura negli States, ma che già in gara1 potrebbe esordire in maglia biancoblu. Chi non sarà della partita è invece il terza base Andrea D'Amico, che almeno fino a domenica non può uscire di casa, trovandosi come molti bolognesi in questo periodo a letto con la febbre alta. Anche Alex Bassani è out per l'infortunio alla spalla.
Il Godo, allenato da Daniele Fuzzi, è stato finora un team piuttosto indecifrabile. Dato inizialmente come un possibile outsider, con una società ormai abituata da tempo a calcare i diamanti IBL, ha iniziato la stagione in modo deludente, salvo poi rimediare qualche vittoria in corso d'opera, che al momento non allontana la squadra ravennate dai bassifondi della classifica. Complice un calendario ostico, dovendo affrontare in successione Rimini, Parma, Nettuno e San Marino, oltre a diversi infortuni, i Knights hanno ottenuto un successo nelle prime otto gare, poi una doppietta contro il Mastiff sembrava il prodromo di una rimonta, ma un doppio capitombolo in casa contro il Novara e una divisione della posta contro i Black Panthers hanno di nuovo ridimensionato le ambizioni dei prossimi avversari dei biancoblu, che debbono recuperare un intero weekend contro la Reggiana. Insomma, un mercato interessante aveva fatto sperare in qualcosa di meglio. Ennio Retrosi e Mirco Caradonna, arrivati da Nettuno per fare esperienza, non stanno ripagando le attese con il bastone in mano, viaggiando a medie rispettivamente di .186 e .222. Anche la scelta di puntare sul veterano Liu Rodriguez (media .217 e 9 errori in difesa) nel ruolo di interbase, rinunciando ad Epifano, approdato a Reggio, si è rivelata per ora perdente. Il miglior battitore è finora l'ex biancoblu Eugenio Monari (.353), ma, anche per un infortunio, con sole cinque gare all'attivo, tre da titolare. In realtà l'attacco dei goti dipende ancora in grande parte dalla forza del ricevitore Danilo Sanchez (media .286, con 2 doppi, 2 fuoricampo e 13 RBI), ben supportato da Bucchi (.326), Gerali (.279) e Tanesini (.269), insomma gli italianissimi veterani del Godo. Sul monte di lancio, i goti avrebbero sulla carta una coppia interessante formata da Josè Pinango (MPGL 2.35 ma due sconfitte) e dall'ex biancoblu Yulman Ribeiro, che ha concesso un solo punto in oltre nove riprese lanciate ed ha una vittoria all'attivo. L'arrivo del venezuelano dal passaporto portoghese ha seguito il "ben servito" a Mejas, autore di un inizio stagione "disastroso". I problemi alla schiena di Pinango, che potrebbero anche portare al "taglio" del lanciatore, hanno costretto i goti a schierare spesso come partente Daniele Del Bianco, con risultati non lusinghieri (0-4, 6.75) La gara dei lanciatori di scuola italiana è affidata al partente Matteo Galeotti (2-4, 5.22). Positivi e generalmente con buone medie i rilievi Casarini (una vittoria), Bucchi e Volodin (una salvezza ciascuno). Contro Bologna, mentre Galeotti dovrebbe essere uno dei due partenti, la tattica di Fuzzi potrebbe essere quella di schierare Ribeiro come partente nella gara dello straniero, oppure utilizzarlo anche in questo weekend come rilievo, scegliendo di schierarlo in una piuttosto che nell'altra gara in base all'equilibrio del match nel momento dell'ingresso dei rilievi, dunque converrebbe ai biancoblu dare un indirizzo preciso alle gare sin dalle prime riprese.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.