La Roma ALL BLINDS accede alle Final Four 2013

Schiaffeggiati dai Thunder's Five in avvio di giornata (sconfitta per 12-2), i gladiatori romani sfoderano il "match della vita" contro i Lampi, surclassando i meneghini con un perentorio 15 -3 che vale un posto nella postseason

Ricordate l'incipit onirico al magnifico "Somewhere over the raimbow", brano scritto da E.Y. Harburg nel 1939, arrangiato da Harold Arlen, interpretato magistralmente da un'eterea Judy Garland semplicemente sublime nei panni di Dorothy Gale, tema principale contenuto nella colonna sonora del celebre film "The Wizard of Oz"? Liriche decisamente azzeccate, quasi profetiche, più che mai appropriate oggi nel descrivere lo spettro di colori sgargianti, a prevalenza giallorossa, leitmotiv dell'arcobaleno abbacinante che ha rapito domenica scorsa il diamante Leoni di Casteldebole, teatro di un temporalone estivo in piena regola che ha visto darsi battaglia Thunder's Five, Lampi Milano, Roma ALL BLINDS e CVINTA Ravenna.
Un nastro infinito nel cielo quell'arcobaleno mozzafiato, sorprendente, francamente inatteso, cavalcato furtivamente dai giovanotti capitolini, scaltri e repentini nel farsi scivolare addosso il fango delle difficoltà. Una forza di squadra, quella giallorossa, cementata da microaffermazioni individuali che forgiano la consapevolezza di una compagine capace di subordinare i successi in diamante (che comunque prima o poi arrivano) al duro lavoro e ad un'etica improntata allo spirito di sacrificio. Sarà quindi la Roma ALL BLINDS la quarta semifinalista a sorpresa del 17° Campionato di baseball per ciechi.
La formazione capitolina allenata da Corazza, Nardecchia, Azzaro e Signori ha infatti staccato il prezioso lasciapassare alla "Final Four" grazie al successo perentorio per 14-3 ottenuto a spese dei Lampi Milano (già qualificati alla postseason), al termine di una giornata davvero rocambolesca per i laziali, in cui comunque si riconoscono piuttosto nitidamente le molteplici sfumature contrastanti. La domenica bolognese si era infatti aperta sotto i peggiori auspici per gli ALL BLINDS, sepolti ed impallinati dalle bordate dei Thunder's Five Milano in un match a senso unico andato in archivio in meno di un'ora con l'eloquente punteggio di 12-2, interrotto dopo 5 riprese per manifesta superiorità dei Tuoni. 18-4 l'impietoso computo finale delle valide a segno a favore dei milanesi, trascinati al successo dal quartetto letale costituito da Sarwar "Homer King" Ghulam (5 su 6 nel box, 1 fuoricampo, 5 punti battuti a casa), Francesco "El Presidente" Cusati (4 su 6, 3 punti battuti a casa), Fabio "Littorina de Trastevere" Scali (5 su 7, un punto battuto a casa), Cristiano "Tatone" Tedoldi (4 su 7, 1 punto battuto a casa).
Sterile la resistenza offerta dagli ALL BLINDS all'armata meneghina, concentrata nei flebili sussulti di Somma (1 su 4, un punto battuto a casa) e del DH Famiglietti (1 su 4, un punto battuto a casa). Il successo ottenuto dai Tuoni regalava ai ragazzi di manager Brivio il primo posto assoluto nel Girone Ovest.
Il pronto riscatto della Roma si materializzava infatti a 20 minuti circa dall'imbarcata rimediata contro i Tuoni. Reazione d'orgoglio veemente, straripante e rabbiosa dei capitolini che andavano a conquistarsi con i denti l'accesso alla postseason. Ne facevano le spese i Lampi Milano, reduci dal successo conquistato una settimana fa sui Bologna White Sox, già qualificati ai playoffs con tre turni d'anticipo, giunti probabilmente scarichi sul Leone di Casteldebole. Il comprensibile calo di concentrazione dei milanesi (o se preferite l'ebbrezza da vetta patita dai Giurleo Boys in presenza di vertigini) non devono tuttavia ridimensionare la grande impresa compiuta dalla Roma, protagonista di un "Perfect Game" dalle statistiche impressionanti su entrambi i lati del campo. Capitolini scatenati nel box sin dal playball, avanti 6-0 dopo 2 riprese, 10-0 a metà gara, a valanga nel 14-3 finale al termine di un match incredibile per disparità di forze in campo, sospeso dopo sei riprese per impossibilità di rimonta dei Lampi. ALL BLINDS guidati nel box da un immenso Federico "Gatto Papone" Bassani (6 su 8, 3 punti battuti a casa), spalleggiato dal vulcanico capitano Alfonso "Talpone" Somma (7 su 8 al piatto, 2 punti battuti a casa), dal redivivo Giuseppe Checchi (4 su 7, 3 punti battuti a casa) e da una sontuosa Daniela Pierri (5 su 7, 3 punti battuti a casa), protagonista della sua migliore prestazione stagionale. Nella prova grigia ed abulica dei Lampi, spicca il fuoricampo da 2 punti del senegalese Bara Mbacke Dieng (3 su 4 al piatto, 2 punti battuti a casa) ed il 3 su 4 comunque infruttuoso di Claudio Levantini, davvero poca cosa rispetto agli standard usuali dei Milanesi.
Nelle dichiarazioni a fine gara di Ada "Passion Flower" Nardin, tessera importante all'interno di una cuota rosa capitolina in crescita costante, è racchiusa la gamma cromatica che infiamma il nucleo di questi ALL BLINDS. "L'occhio analitico dell'osservatore più attento", ha dichiarato una Nardin estremamente pacata, fluttuante tra il poetico ed il metafisico, "potrà scorgere nelle nostre prestazioni di oggi la tensione, a volte ingiustificata, la capacità di mantenerci freddi e determinati sino in fondo ai nostri match, la voglia di lottare, la grinta e la rabbia spesso contenute a stento, ma soprattutto una gioia da non contenere mai".
La giornata funesta dei Lampi si è chiusa successivamente con la sconfitta patita dai meneghini ad opera della CVINTA Ravenna. 3-il finale a favore dei romagnoli al termine di un match molto chiuso, onestamente brutto, caratterizzato anche da una dose di nervosismo del tutto ingiustificabile considerando l'ininfluenza della gara in termini di classifica.
Bravi comunque i ravennati ad approfittare delle amnesie mentali dei Lampi e segnare in avvio di match i punti di un vantaggio striminzito che tuttavia riusciranno a conservare grazie ad un paio di splendidi doppi giochi orchestrati dai veterani Mancinone, Lapietra e Ferrigno che hanno avuto vita facile sulle minacce piuttosto velleitarie portate dai Meneghini, vittime di una giornata decisamente storta.
I risultati di questa sedicesima giornata apparecchiano perciò la succulenta tavola delle semifinali di questo 17° Campionato, in programma il prossimo 15 e 16 giugno, sempre sul Leoni di Casteldebole. Il Bologna White Sox, giunto primo nel Girone Est, affronterà i Lampi Milano in una gara dal forte sapore di rivincita dopo l'inatteso sgambetto confezionato dai Giurleo Boys ai felsinei guidati da Stefano Conti. Nella seconda semifinale, la Roma ALL BLINDS, giunta seconda nel Girone Est, se la dovrà vedere con i Thunder's Five nel tentativo di vendicare la pesante sconfitta rimediata domenica a Casteldebole.
Il torneo proseguirà domenica prossima sul Leoni con gli scontri di intergirone tra Bologna White Sox e Tigers Cagliari (inizio fissato per le 14.00) seguito dalla sfida tra i sardi e la CVINTA Ravenna. Si gioca per l'orgoglio.

Informazioni su Matteo Briglia 180 Articoli
Matteo Briglia è nato a Milano nel 1968 e lavora come Analista Programmatore Senior presso la Engineering SPA - Ingegneria informatica. Diplomatosi nel 1992 come traduttore simultaneo, due anni più tardi consegue la Laurea in lingue presso lo IULM di Milano (inglese, francese). Da sempre appassionato di sport, in particolare quelli americani, segue sin dall'adolescenza il football e il basket di cui ha iniziato a scrivere nel 1993 pubblicando brevi articoli su riviste online riguardanti la postseason NFL e i playoffs NBA. Ha poi cominciato ad interessarsi anche alla Major League Baseball intorno al 1994, nella stagione dominata dai Toronto Blue Jays, formazione di cui si è immediatamente innamorato una volta comprese a fondo le regole del gioco e migliorato l'inglese tecnico (per poter seguire via radio le cronache direttamente dai diamanti a stelle e strisce). Dal 1998 circa scrive appassionati resoconti sulla Major League, con approfondimenti su New York Yankees e Atlanta Braves, squadra del cuore ormai da un ventennio. Matteo segue in diretta in particolare la postseason della MLB, con testi cariche di emotività, colore e pathos emozionale che hanno sempre caratterizzato le sue cronache di non vedente rendendole più vicine alle narrazioni Blog. Da tre anni circa, ha scoperto il baseball per non vedenti, entrando in contatto con l'AIBXC (Associazione Italiana Baseball giocato da ciechi). L'esperienza lo ha talmente elettrizzato tanto che dopo una prova iniziale ha deciso di proseguire a giocare con i Lampi Milano. Dal maggio 2011 collabora con Baseball.it seguendo da vicino tutto quello che succede nel movimento del baseball per ciechi.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.