Il venezuelano Epifano, primo acquisto del Reggio Emilia

Il 22enne interbase di Barquisimeto è il primo colpo di mercato della Palfinger in vista del prossimo campionato di IBL. E' reduce da una brillante stagione in prestito ai Godo Knights in IBL1 e in IBL2 con Piacenza (.371 di media)

E' l'interbase venezuelano Erick Epifano, 22 enne di Barquisimeto, il primo colpo di mercato della Palfinger Reggio Emilia in vista del prossimo campionato di IBL. Reduce da una brillante stagione in prestito ai Godo Knights in IBL1 e in IBL2 con Piacenza, Epifano ha mostrato doti molto interessanti sia in difesa che in attacco. Reggio Emilia ha così pensato di riportarsi a casa il giocatore, in possesso di passaporto italiano (grazie alle origini del padre), affidandogli il delicato ruolo di interbase e scommettendo su un giovane ragazzo che, in futuro, potrebbe rappresentare un importante investimento per la società emiliana.
Epifano è stato firmato giovanissimo dagli Atlanta Braves (2007), franchigia con la quale ha disputato due stagioni in Summer League prima di passare, nel 2010, ai Tampa Bay Rays per altre due stagioni di Summer League. In quattro stagioni ha giocato 131 partite con una media battuta complessiva di .284, utilizzato prevalentemente come seconda base e interbase. Rilasciato a inizio 2012, Epifano è stato opzionato dal Reggio che lo ha messo sotto contratto prima di girarlo in prestito a Piacenza, con cui ha raggiunto, da protagonista, la finale di IBL2 persa all'ultima gara contro Nettuno. Con la maglia biancorossa del Piacenza, Epifano ha chiuso con l'ottima media di .371, mentre in IBL1 con Godo ha disputato solo 3 partite chiudendo con 6 valide in 11 turni.
Le nuove regole IBL non hanno permesso alla società del presidente Graziella Casali di confermare l'antillano Joshua Ramada che tanto bene aveva fatto nella passata stagione ed è stato individuato in Erick Epifano il perfetto sostituto. Operazione conclusa in Venezuela dal GM Andrea D'Auria che ha detto: "Riportiamo a casa uno dei prospetti più interessanti del panorama italiano nel ruolo di interbase. Non potendo misurarci alla pari sul mercato con le più blasonate società di IBL, noi che siamo una matricola, abbiamo la necessità di creare un roster di qualità tenendo un occhio sempre al portafoglio. L'idea è quella di portare a Reggio giovani talenti per lanciarli nel panorama nazionale, come è stato fatto negli anni scorsi, per esempio, con Reginato e Santaniello. E se ne avremo le forze, di trattenerli e creare, in pochi anni, una squadra in grado di competere con i migliori roster italiani. Questo è il nostro progetto ed Epifano presenta senza dubbio queste caratteristiche".

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.