Hartley: "Possiamo essere competitivi"

Presentato a Grosseto il neo manager, ex-lanciatore di Major League e con il Nettuno nel 1998. Il GM Darren Harrison-Panis: "Hartley è un tecnico di esperienza internazionale, crediamo possa essere la persona giusta per noi"

"Credo che il Grosseto sia una squadra di un buon livello per la IBL e che i giocatori siano adeguati al campionato. Spero che i giocatori siano un vero gruppo, unito e che in questa prima fase di lavoro abbiano dimostrato un grande amore per questo sport". Con queste parole oggi si è presentato il nuovo manager del Grosseto Baseball, Mike Hartley. Ex lanciatore con esperienza in MLB e un breve avventura in Italia con il Nettuno nel 1998: "Il baseball in Italia è cambiato. Quando giocavo io c'erano ancora le mazze in alluminio e la partita riservata al lanciatore Under – ha spiegato Hartley –. Sicuramente il baseball italiano e quello olandese rappresentano al meglio il baseball europeo a livello internazionale. Non ricordo la partita che giocai a Grosseto, anche se fu l'ultima che disputai in Italia. Ricordo però che avevo una caviglia rotta e che terminò qui la mia avventura italiana".

Il neo manager è stato presentato dal gm Darren Harrison-Panis: "Hartley è un tecnico di esperienza internazionale e crediamo possa essere la persona giusta per il Grosseto Baseball". Hartley è in Europa dal 2008: per tre stagioni ha guidato i tedeschi dell'Heidenheim Heidekopfe (titolo nel 2009 e secondo posto in coppa Campioni nel 2010, "ko" in finale con il Bologna), mentre dal 2011 è il selezionatore della nazionale croata, qualificata ai prossimi Europei in Olanda.

"La mia esperienza di quattro anni in Europa mi ha permesso di capire che c'è differenza tra i giocatori europei e quelli degli Stati Uniti – ha proseguito Hartley – ; proverò a tenerli più tempo in campo per lavorare con loro, anche se mi rendo conto che c'è una vita anche al di fuori dal campo per i giocatori. Sono arrivato da poco e soltanto ieri ho cominciato a lavorare con la squadra perciò non so dare un giudizio alla squadra. In Italia a fare la differenza non sono tanto i battitori di potenza, ma i lanciatori, per questo credo che ci sarà da lavorare molto sulla battuta". A proposito di lanciatore, a Grosseto ci si aspetta molto da Mike Smith: "Non lo conosco ancora bene, ma da quello che ho visto e che mi dicono i suoi numeri posso soltanto parlarne bene. Anche con gli altri ci conosceremo lavorando sul campo in questi giorni, ma non posso dire di più".

Giovedì mattina sono previste sempre allo stadio Jannella le presentazioni di quattro giocatori: i lanciatori Mike Smith e Giuseppe Granitto, il ricevitore Chris Grossman e l'interbase Jay Pecci.

Informazioni su Federico Masini 266 Articoli
Nato il 28 marzo del 1979 a Grosseto, Federico risiede a Legnano dove lavora per la redazione milanese del quotidiano sportivo Tuttosport. Giornalista professionista, collabora con la testata torinese dal marzo del 2006 e dal 2009 è corrispondente, seguendo principalmente gli eventi delle squadra di calcio della città meneghina, Inter e Milan. In passato ha lavorato pure con Il Giorno (dove ha seguito le vicende delle formazioni lombarde di baseball e softball) e Libero, mentre tuttora collabora ogni tanto con Il Tirreno dove può sfogare la sua passione per il baseball seguendo le partite in casa e, soprattutto, in trasferta del Bbc (ha raccontato le partite anche per una radio locale). Collabora con Baseball.it dalla sua nascita, seguendo le vicende del Grosseto e curando, a volte, l'aspetto statistico dell'Italian Baseball League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.