San Francisco campione di National League

I Giants battono i strafavoriti Phillies e sfilano il pennant di National League a Philadelphia. Lo straripante Cody Ross nominato Most valutable Player della serie

La quarantunesima National League Champiomship Series regala emozioni e sorprese ed alla fine sono gli "under dog" San Francisco Giants ad usurpare il titolo ai Philadelphia Phillies, che lo avevano vinto due volte consecutive nell'ultimo biennio. Con 4 vittorie e 2 sconfitte nella serie i Giants conquistano il loro 21esimo "pennant" di National League, il quarto da quando la franchigia si è spostata da New York a San Francisco, il terzo da quando viene assegnato con questa modalità. Dopo le prime due gare giocate a Philadelphia e chiuse con una vittoria per parte, la serie si è spostata in California dove a lanciare per i campioni in carica c'è l'MVP delle World Series 2008, Cole Hamles, mentre per i padroni di casa sul monte parte l'All Star Matt Cain. I primi tre inning sono dominati dai rispettivi partenti che permettono una sola valida (Ruiz singolo su Cain). Poi al quarto inning Hamles subisce prima la valida di Renteria e poi quelle di Cody Ross (che sporca per primo lo score), e Aubrey Huff che siglano i primi due punti del match. Nella è Aaron Rowand, autore di un doppio, ad essere riportato a casa dalla valida di Sanchez per il definitivo 3-0 per i padroni di casa. Passata questa fiammata delle mazze californiane i rispettivi lanciatori tornano ad essere protagonisti e dal quinto inning a fine match concederanno solo una valida al nono (singola di Rollins sul closer di casa Wilson) lasciando di fatto il risultato inchiodato sulla vittoria per i Giants.
Di tutt'altro tono gara4 che si apre con i partenti Joe Blanton per i Phillies e ed il 21enne Madison Bumgarner per i Giants. Sono ancora i padroni di casa a passare per primi, stavolta in apertura di match e con la complicità di Blanton che regala due lanci pazzi che permettono a Sanchez, autore di un singolo, di finire in terza base ed essere riportato a casa da un singolo di Posey. Al terzo inning è ancora il giovane rookie di San Francisco, stavolta con un doppio, a segnare un altro punto che porta a casa Huff, autore di un singolo al turno di battuta precedente. Sembra che tutto fili liscio per i fan assiepati all'AT&T Park, ma i Phillies si ricordano di essere una franchigia di grandi battitori al quinto inning e si ridestano dal lungo torpore di 14 riprese senza punti realizzati. La ripresa si apre con i singoli di Francisco e Ruiz portati in seconda e terza dal sacrificio di Blanton. Il singolo di Victorino segna il primo punto, una buona giocata della difesa (Rowand assiste Posey a casa base), evita il secondo punto di Ruiz che viene eliminato. Il singolo di Utley chiude la partita di Bumgarner ma i Phillies ormai sono lanciati e Casilla, il rilievo di casa, deve subire il doppio di Polanco che vale altri due punti. Casilla ci mette del suo e con un "hit by pitch" su Werth ed un lancio pazzo permettono a Polanco di tornare a casa per il 2-4 che porta provvisoriamente avanti Philadelphia. Tra la parte bassa dello stesso quinto (singolo di Huff che porta a casa Torres) ed il sesto inning (doppi di Ross e Sandoval dopo la base per ball a Burrell) i Giants si riportano in vantaggio per 5-4 ma sono ancora i Phillies a pareggiare all'ottavo con i doppi di Howard e Werth. A chiudere la gara a vantaggio di San Francisco la volata di sacrificio di Uribe che porta a casa Huff autore di un singolo su Roy Oswalt, chiamato a fare il closer senza grande successo.
Si ricomincia dagli spot numeri 1 della rotazione dei partenti in gara5 e sul monte di lancio tornano Tim Lincecum e Roy Halladay. E' ancora il giovane catcher Buster Posey ad apire le danze portando a casa Huff per il vantaggio di San Francisco in apertura di match, ma stavolta al terzo inning i Philles prendono un vantaggio che non perderanno più. Al singolo di Ibanez segue l'"hit-by-pitch" su Ruiz ed il bunt di sacrificio di Halladay che porta i corridori in seconda e terza base. Un erroraccio del prima base Huff su una rimbalzante di Victorino consente a Ibanez e Riuz di correre a casa, poi un singolo di polanco porta a 3 i punti degli ospiti. I doppi di Burrell e Ross nel quarto inning portano il parziale sul 2-3 per Philadelphia che chiude i conti nella parte alta del nono inning con il fuoricampo di Werth, il primo e l'unico realizzato all'AT&T Park in questa serie, che fissa il risultato sul 2-4 con la complicità del closer dei Phillies Brandon Lidge che non concede valide e conquista la 12esima salvezza su 12 opportunità con Philadelphia.
La serie torna in Pennsylvania ed in apertura sembra sorridere ai padroni di casa che colpiscono subito il partente dei Giants Jonathan Sanchez che in apertura di partita regala uan base per ball a Polanco che poi viene spinto in seconda da un lancio pazzo e successivamente a casa dal doppio di Chase Utley. Il secondo punto arriva da una volata di sacrificio di Werth che porta a casa lo stesso Utley per il provvisorio 2-0. I Giants riequilibrano le sorti del match al terzo inning che si apre con le valide di Jonathan Sanchez e Andres Torres a cui segue il bunt di Freddy Sanchez che spinge in seconda e terza i corridori. Il singolo di Huff porta a casa solo Sanchez perché Torres viene eliminato a casa dall'assitenza puntuale di Victorino e per il pareggio biosognerà attendere la battuta di Posey che arriva salvo in prima base per un errore di Polanco e porta a punti Huff. Le 7 valide complessivamente battute dalla parte bassa del terzo alla fine del settimo inning non producono punti ed il match si mantiene in equilibrio fino all'ottavo inning quando, con due eliminati sulle spalle, il rilievo di Philadelphia Ryan Madson si lascia colpire da un fuoricampo di Juan Uribe che porta il match sul 2-3 per i Giants. La parte bassa dell'ottavo vede salire sul monte di lancio per San Francisco Tim Lincecum nell'insolita veste di rilievo, dopo un solo giorno dalla partita giocata, e persa, come partente. Dopo un solo eliminato e due valide concesse a Victorino ed Ibanez, il manager dei Giants Bruce Bochy inserisce il closer della squadra, Brian Wilson. E' lui a chiudere i conti ai padroni di casa ed a consentire ai San Francisco Giants di vincere la partita con la quale viene chiusa la National League Championship Series con il complessivo 4-2. Anche il "composite box" parla di una sfida di enorme equilibrio. Alla fine i Phillies realizzano 20 punti contro i 19 dei Giants che, a loro volta, hanno il vantaggio delle valide prodotte (49 contro 41).

Informazioni su Andrea Tolla 532 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.