Che bella sorpresa, mr. Loardi!

16 strike-out in 6 inning per il lanciatore di Codogno che ottiene la seconda vittoria stagionale con la Skyline High School di Longmont (Colorado), mentre Castagnini mette il sigillo finale

A Longmont ormai non si parla d'altro che dei tre "moschettieri" italiani. Niccolò Loardi, Flavio Vincenti e Federico Castagnini continuano ad essere il tridente vincente dei Falcons, la squadra di baseball della Skyline High School che milita nella Northern Conference del campionato della Colorado High School Activities Association (CHSAA).
"Nice surprise" titolava qualche giorno fa il quotidiano locale "Longmont Times-Call" ricordando la monumentale performance del lanciatore emiliano e dell'utility veneto, con l'interno pugliese ad incitarli dal dug-out. L'ultimo exploit, in ordine cronologico, porta la firma di Niccolò Loardi, autore di ben 16 strike-out in 6 riprese che hanno permesso ai Falcons della Skyline di battere 6-5 i Raptors di Silver Creek. Un capolavoro per Niccolò che sul mound ha saputo mischiare sapientemente palle curve e veloci, con qualche cambio qua e là, piazzando subito 8 k consecutivi. Una prestazione da record che è valsa la seconda vittoria stagionale al ragazzo nato e cresciuto a Codogno, poi trasferitosi nella vicina Piacenza e successivamente nelle file della Under 21 Elite del Parma Baseball. "Tanto di cappello a Loardi" ha detto il coach dei Raptors, Trevor Platt. "Quando un lanciatore mette al piatto fila i primi 8 battitori del line-up in tre inning, cos'altro c'è da fare?"
16 strike-out si diceva di cui ben 15 realizzati con gli avversari che giravano a vuoto. Una piacevole sorpresa anche il parmense che si sentiva particolarmente in palla. La vittoria era dunque già nell'aria e poco importa per le 5 valide concesse, i 5 punti subiti e la base per ball. Missione compiuta Mr. Loardi. E peccato che a godersi la festa c'era solo l'assistant coach della Skyline, Dale Nehls, che ha guidato la squadra in assenza del manager Mike Hoog in trasferta di lavoro a London. Hoog, che è in stretto contatto con Bill Holmberg, va oggi fiero di quel terzetto che continua a dargli soddisfazioni.
Niccolò aveva avuto un attimo di defiance al quinto quando Silver Creek si era rifatta sotto ma il mancino ha tirato fuori gli attributi eliminando gli ultimi 5 battitori affrontati con 4 strike-out. Qualche cambio e tante dritte e veloci prima di uscire e lasciare le consegne a Federico Castagini per la degna chiusura. Ed era stato proprio l'enfant prodige scaligero (il primo a sbarcare in Colorado l'anno scorso, seguito da Loardi, entrambi allievi della scuola Frozen Ropes di Verona) a portare i Falcons sul 3-0 al secondo inning grazie ad un singolo al centro con 2 punti segnati.
Loardi non ha solo braccio, ma è anche mazza temibile. La sua media battuta è intorno ai .470, seconda solo a quella di Federico Castagnini, di pochissimo superiore.

Informazioni su Filippo Fantasia 654 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.