In Major difficile avvio per le favorite

Ad una settimana circa dall'opening 2009, nella American e nella National League non mancano le sorprese: Florida rullo compressore, Washington ancora a zero – Intanto Orlando Hudson è nella storia: cycle con i Dodgers

Prima settimana della nuova stagione di Major League che passa con diverse sorprese e questa, scusate il gioco di parole, non è una sorpresa. Il "meraviglioso mondo del baseball" (per citare gli amici Elio e Faso), ci regala da sempre emozioni incredibili e questo avvio di campionato non ha fatto eccezioni. A pagare, ed ultimamente neanche questa è una novità, sono i roster più attesi, quelli che dovrebbero far sfracelli almeno sulla carta. Ma il diamante è un'altra cosa, così anche per il 2009, seconda stagione di Joe Girardi come manager, gli Yankees iniziano soffrendo e rimediano una sconfitta per 2-1 nella serie di apertura contro gli Orioles (Sabathia ha festeggiato il ritorno in American League con una sconfitta), si riscattano parzialmente in casa contro i non irresistibili Royals portando il record sul 3-3 e cadono pesantemente in gara-1 a Tampa (15-5 il finale). Sempre nella East Division in evidenza i Toronto Blue Jays che grazie alle vittorie nella serie interna contro i Detroit Tigers (3-1) ed in quella esterna contro Cleveland Indians (2-1) sono quasi in vetta al girone, ambizioni confermate anche dalla vittoria in gara-1 contro i Twins. Davanti, seppur di poco, gli Orioles che dopo essersi imposti contro gli Yankees hanno confermato il buon momento nella serie, ancora interna, contro i Rays (2-1) e nella gara esterna vinta in Texas contro i Rangers.
Nella Central Division della AL, gli strafavoriti Indians stanno ripercorrendo la strada dei Tigers edizione 2008. Dati per vincenti prima dell'inizio del campionato, Cleveland si ritrova con 7 sconfitte ed 1 sola vittoria figlie di uno sweep subito in Texas, della gara interna persa contro Toronto (2-1) e del brutto inizio di quella a Kansas City. Così, senza eccellere, sono proprio i Royals ad essere avanti a tutti con 5 vittorie e 3 sconfitte, tallonati dai White Sox.
Anche nella West Division non sono mancate le sorprese e così ecco che Seattle parte alla grande e dopo aver pareggiato la serie esterna contro i Twins per 2-2, si impone con uno sweep da 3 ad Oakland. A due partite di distanza gli Angels che dopo aver perso la serie iniziale contro Oakland per 2-1, si sono imposti con lo stesso ruolino contro i Red Sox. All'Angel Stadium si è respirata un'aria molto particolare dopo la morte del giovanissimo pitcher Nick Adenhart, e sicuramente questo ha provocato la maxi-rissa che in gara-2 contro Boston ha visto protagonisti, tra gli altri, Josh Beckett (squalificato per 6 turni) e l'allenatore di Anaheim, Mike Scioscia.
Nella NATIONAL LEAGUE, fa un certo effetto vedere che c'è una squadra, i Washington Nationals, ancora senza vittorie, unico caso in tutta la MLB. Le sette sconfitte sono arrivate nelle serie esterne contro i Marlins ed i Braves e nella gara d'esordio in casa contro i Phillies. A proposito dei campioni in carica, dopo un inizio poco agevole (persa la serie interna d'esordio 1-2 contro i Braves), Philadelphia ha racimolato 3 vittorie consecutive esterne (2-1 contro Colorado e la vittoria a Washington) e adesso rincorre il duo di testa Braves-Marlins. Atlanta, dopo aver dominato Philadelphia, ha esordito in casa con uno sweep sui Nationals, mentre i Marlins, dopo lo sweep a Washington, hanno vinto 2-1 la serie contro i Mets.
Nella Central Division, dopo aver perso la gara d'esordio in casa contro i Pirates e l'ultima contro Arizona, St. Louis ha inanellato 5 vittorie consecutive: una contro Pittsburgh (la serie è terminata 2-2), sweep interno contro Houston e vittoria in gara-1 contro Arizona. Comandano i Cubs vincitori per 2-1 nelle prime due serie esterne contro Astros e Brewers, e della gara interna contro i Rockies. Deve rivedere qualcosa proprio Milwaukee che, con la nuova gestione di Ken Macha, perde le prime due serie 2-1 (quella esterna contro i Giants e quella interna contro Chicago), e gara-1, ancora al Miller Park, contro Cincinnati.
Nella West Division partono benissimo i Padres che pareggiano la serie d'esordio contro i Dodgers (2-2 a San Diego), per poi infliggere lo sweep a San Francisco e vincere gara-1 a New York contro i Mets. Ad una partita di distanza ci sono proprio i Dodgers di Joe Torre che dopo l'esordio al Petco Park si sono imposti 1-2 nella serie esterna in Arizona e poi hanno vinto l'opening day interno contro San Francisco con un sonoro 11-1. E proprio in quell'incontro, il seconda base Orlando Hudson è entrato nella storia dei Dodgers (non accadeva dal 7 maggio 1970 con Wes Parker) e della Major battendo un cycle.

Informazioni su Andrea Tolla 532 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.