Classic, su il sipario: Giappone-Cina in scena

Al Tokyo Dome si apre il WBC 2009 con la sfida tra i defender nipponici e la Cina – Occhi puntati sul lanciatore Yu Darvish, 208 strike-out in 200 inning (record 16-4), padre iraniano e mamma giapponese

Quando a Tokyo saranno le 6 e mezza del pomeriggio, in Italia le 10.30 di giovedì e negli USA ancora notte fonda, sul World Baseball Classic 2009 si alzerà ufficialmente il sipario con il primo lancio tra i campioni in carica giapponesi e l'emergente Cina, allenata dall'ex-Major Leaguer Terry Collins.
I defender sono caricatissimi e contano soprattutto sui due assi Daisuke Matsuzaka dei Boston Red Sox (Most Valuable Player nel 2006) e Ichiro Suzuki dei Seattle Mariners (MVP della American League nel 2001 e otto volte nella All-Star). Ma c'è anche grande attesa per vedere all'opera il lanciatore ventiduenne dei Nippon Ham Fighters, Yu Darvish (padre iraniano e madre giapponese) che l'anno passato ha totalizzato un record di 16-4 con 1.88 di media PGL e 208 strikeouts in 200.2 inning. Gli scout stanno già lavorando per lui…
L'attenzione per il mega-show che riunisce le 16 più forti squadre nazionali al mondo, infarcite di professionisti delle leghe maggiori che indossano la casacca del proprio paese, cresce di ora in ora. Saranno 52 le stelle di Major che brilleranno sui diamante di Tokyo, Citta del Messico, San Juan de Portorico e Toronto. Otto di questi campioni hanno conquistato un totale di 10 titoli di MVP della American o della National League e due lanciatori sono stati eletti 4 volte vincitori del Cy Young Awards. Ancora qualche curiorisità sul WBC 2009. Quattro giocatori hanno ottenuto il riconoscimento di Most Valuable Player nel campionato professionistico giapponese e in 3 hanno conquistato altrettante Japan Series come MVP, insieme a due coreani che in 6 occasioni sono risultati i giocatori più utili.
Tra i manager ed i coach che partecipano al Classic ci sono Larry Walker (skipper del Canada e MVP della National League), Barry Larkin e Mike Schmidt (con gli USA). Ma occorre anche ricordare il nostro Mike Piazza, 12 volte nella All Star della National League, e Bert Blyleven (pitching-coach dell'Olanda), Lee Smith (coach del Sud Africa, maggior numero di salvezze nella storia della MLB e 7 volte All-Star), Fernando "El Toro" Valenzuela (coach del Messico, vincitore del Cy Young Award della National League nel 1981). E ancora ex-allenatori di Major come Mike Hargrove e Tom Trebelhorn (entrambi coach azzurri), Felipe Alou (manager della Repubblica Dominicana), Luis Pujols (coach della Dominicana) e Davey Johnson (manager della nazionale USA).

Informazioni su Filippo Fantasia 664 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.