Cruz intoccabile ed un Nettuno perfetto stendono Grosseto

Di Avagnina al 7° inning la prima e unica valida dei maremmani battuti 3-0 nella seconda sfida tirrenica – Duran e Ugueto brillano nella “notte delle grandi rubate” – San Marino rimonta ed espugna il Falchi per 14-9

nNETTUNO – Le braccia al cielo di Juan Camilo a casa base, dopo il tremendo colpo all'esterno destro inferto al pur sempre ammirevole Mikkelsen nella seconda metà dell'ottavo inning, è stata l'immagine di un Nettuno che aveva tanta voglia di rivincita, che voleva rialzare la testa e tornare ad esultare dopo quello scudetto perso amaramente a Grosseto più o meno un anno fa. n

n

nIn duemila ieri sera hanno varcato i due "gate" principali dello Steno Borghese per il primo dei due attesissimi match di semifinale previsti in terra laziale, in questo innovativo "round robin 2008", contro il Montepaschi campione d'Italia in carica. L'8-0 incassato allo Jannella aveva galvanizzato il roster di Bagialemani e di conseguenza anche il richiamo per il popolo verdeblu è stato fortissimo. E chi all'appuntamento non è voluto mancare, ha assistito all'ennesimo straordinario duello tra due squadre tecnicamente ineccepibili, intelligenti e belle a vedersi. Il tutto racchiuso e shakerato in 180 minuti di gioco. In quella che verrà ricordata anche come la "notte delle grandi rubate". n

n

nUna sfida, quella fra Danesi Caffè Nettuno e MPS Grosseto, che va seguita dall'inizio alla fine, tanti sono i colpi di scena, le giocate magistrali e lo spettacolo che queste due antagoniste, mai dome, riescono sempre a regalare in campo. Lasciatecelo dire, con sincerità, l'apoteosi del baseball nostrano. n

n

nScontata la partenza di Nelson Cruz e Lincoln Mikkelsen, la prima zampata è dei padroni di casa. L'1-0, ma anche gli altri 2 punti con cui il Nettuno vincerà gara-2, vede protagonisti i primi quattro uomini del line-up, i quattro latino-americani su cui sono riposte le tante speranze degli "Indians". Al primo attacco verdeblu Duran martella Mikkelsen con un doppio che si infila agli esterni in un varco tra Ermini e De Santis, Tavarez come poco prima Ugueto si fa eliminare ma Duran ne approfitta per guadagnare la terza da dove partirà, con Camilo nel box, la prima delle due sorprendenti e storiche rubate a casa base. n

n

nLo striminzito ma importante vantaggio nettunese resterà tale fino all'ottava ripresa, mentre il Grosseto proverà e proverà ad incontrare i lanci di Cruz (autore di 7 strike-out) rimediando però solo 6 basi su ball (3 su Ramos) e lasciando in totale 9 uomini sui cuscini. n

n

nSolo al quinto gli uomini di Mazzotti riescono a mettere pressione al partente dominicano quando caricano le basi con due out ma la battuta di Raul Marval si spegne nel guanto di Duran. n

n

nInizio settimo: dopo 18 eliminazioni consecutive del 36enne lanciatore di Puerto Plata Cruz arriva la prima (ed unica) valida maremmana dell'incontro firmata da Lorenzo Avagnina. E' invece nella parte dell'ottavo inning che il Nettuno ipoteca il successo: valida interna di Ugueto, bunt di sacrificio di Duran, Tavarez che batte in diamante ma fa avanzare Ugueto in terza. Ed è il leadoff, sostituto di Menechino, a strappare una standing-ovation realizzando nuovamente una grande rubata, con Camilo in battuta, contro un attonito Mikkelsen. Un fatto storico nel baseball italiano: due rubate a casa base nella stessa gara probabilmente non si sono mai viste. n

n

nPochi istanti dopo il 2-0 ed il dug-out del Nettuno è di nuovo tutto fuori: Camilo scaraventa la pallina sulle coperture delle tribune dell'attiguo campo di calcio, è il fuoricampo del 3-0, quello che stende il Grosseto. n

n

nMikkelsen tiene fino in fondo (9 valide concesse, 3 k e due basi), Cruz scende dopo 7 riprese lasciando la chiusura a Florian che spara autentici missili a casa – oltre le 90 miglia orarie – e piazza sei out di fila dopo una base gratuita. A Ugueto, Camilo e Leo Mazzanti la palma dei migliori nel box. Ma sabato notte c'è gara-3, si preannuncia ancora battaglia. n

n
n

nNell'altro confronto in cartellone, San Marino centra un importante successo nella tana della Fortitudo. Con un 14-9 finale a favore della T&A che la dice lunga sulla potenza di fuoco dei reparti offensivi. Richard Justin si conferma terribile bomber con un eloquente 3 su 3. n

n

nE pensare che Bologna si era prima portato sul 4-0 in avvio con Austin, Bautista, Liverziani, Connell, addirittura sul 7-0 al secondo grazie ad un fuoricampo dell'implacabile Justin (il secondo in post-season) con Bautista e Liverziani in base. Bindi mette fuori Estrada (solo 1.2 riprese), dentro Juan Figueroa. n

n

nDa questo momento comincia la lenta ma progressiva avanzata del San Marino. Già al terzo quando Matos lascia andare a punto Albanese e Buccheri (7-2). E' sempre Albanese in evidenza al quinto con un solo homer. Al sesto, triplo di Francesco Imperiali e singolo di Sheldon che porta a casa il 7-4. Figueroa nulla può quando ancora Austin tocca un singolo interno e Connell legna un lungo fuoricampo che permette a Bologna di allungare sul +5. n

n

nI felsinei spariscono, i Titani crescono. Al settimo, con un out, due singoli consecutivi di Buccheri e La Fera, 9-6, con conseguente uscita di scena di Matos (6.1 inning lanciati, 7 punti, 12 valide, 1 base ball e 5 strike-out) ed ingresso di Martin Vargas. La T&A non conosce ostacoli, è in serata di grazia: De Biase e Rovinelli duri nel box ed il punteggio è 9-8, mentre Bindi manda sul mound Brian Looney per sostituire Figueroa. n

n

nOttavo, con due out: San Marino raggiunge il pari, 9-9. Nanni tenta il tutto per tutto, inserendo Fabio Milano, ma De Biase scodella un fuoricampo al centro, portando per la prima volta avanti la T&A per 12-9. E nell'inning conclusivo è Suardi a battere il quinto fuoricampo della gara (da 2), quello che fissa il risultato sul definitivo 14-9 per i Titani che totalizzano 18 valide contro le 10 degli emiliani, con Looney vincente. n

n

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.