60esimo campionato al via, Grosseto a caccia del back-to-back

Stasera due anticipi, domani tutte le altre gare del primo turno – Tra emozioni e speranze, grandi campioni e giovani promesse, le magnifiche otto della A1 tutte pronte per il fatidico play-ball

nQuarantadue partite, quarantadue chance di potersi qualificare alle Italian Baseball Series, con otto pretendenti in corsa. Eccole lì, Grosseto, Nettuno, Parma, Bologna, Rimini, San Marino, Godo e la debuttante Redipuglia, schierate sulla griglia di partenza, a partire fa stasera con due anticipi, per il tradizionale ed atteso opening day 2008. n

n

nE' il campionato numero sessanta quello che va ad incominciare su quattro diamanti italiani tra oggi e domani. Con tante aspettative, tanti spunti d'interesse, anche con qualche incertezza. Ma si parte e si gioca davvero sul serio. n

n

nC'è il Grosseto che ha una grossa sfida da affrontare, con il tricolore sul petto: ripetere l'impresa della Semenzato Rimini, l'ultima squadra ad aver realizzato un "back-to-back" nel 1999 e 2000. "Quello del 2008 sarà un campionato all'insegna dell'equilibrio, come d'altronde è accaduto anche negli ultimi anni – sostiene Mauro Mazzotti, manager dei campioni d'Italia del Montepaschi Grosseto – Sei, sette squadre hanno la possibilità concreta di poter ambire alla fase finale. Noi ci presentiamo più o meno con la stessa ossatura dell'anno scorso: abbiamo cercato di rinforzare il monte di lancio inserendo qualche lanciatore oriundo in modo da poterlo schierare anche in Coppa. Dobbiamo però essere bravi ad azzerare tutto. Occorre ricominciare tutto daccapo, con la consapevolezza di dover costruire la stagione, mattone su mattone". n

n

nC'è il Nettuno che festeggia i 60 anni della nascita della società. Anche per questo cerca e vuole la rivincita dopo la scottante debacle allo Jannella in gara-7. Era il 18 agosto. Sono passati otto mesi esatti ed i laziali sono più motivati che mai, vista la campagna acquisti con le stelle Cruz e Menechino, al fianco di Carrara ed il bomber Camilo. n

n

n"Troppe poche partite per poter prendere il largo, quindi si lotterà fino in fondo – ribadisce Ruggero Bagialemani – Spero di poter ripetere la finale, è troppo bella l'atmosfera di quelle sfide per lo scudetto. Da giocatore ne ho disputate dodici di cui 10 consecutive ma anche adesso da allenatore avrei piacere di giocarne e vincerne altrettante. Nettuno e Grosseto? Che dire, potremmo anche ritrovarci a settembre a Barcelona per la Supercoppa. D'altronde Grosseto è in Coppa Campioni e noi parteciperemo alla Coppa Ceb". n

n

nMa attenzione anche al Rimini. Rino Zangheri, il presidentissimo, ha allestito una ciurma di pirati battaglieri e molto competitivi in diamante, agli ordini di Romano. I romagnoli non staranno certo a guardare con quel po' po' di assi che si ritrovano. Addirittura quattro e-Major Leaguer come gli interni Juan Melo, Amaury Garcia e soprattutto Manny Alexander, oltre al lanciatore Matt Beech. Oltre al buon Roberto Cabalisti che all'età di 47 anni (è il più anziano della A1) non ha nulla da invidiare ai pro d'oltreoceano come risultati, impegno e professionalità. In bocca al lupo, Caba! n

n

n"Il nostro obbiettivo è migliorare quanto abbiamo fatto nel 2007 – dice Gilberto "Gibo" Gerali, manager del Cariparma – Ci sarà una competizione altissima, sono almeno sei secondo me le squadre lottano per i 4 posti dei play-off. Su tutti metto Grosseto, Nettuno e Rimini. Noi e il Bologna un pelo sotto, ma questo solo sulla carta. Avete visto tutti l'anno scorso cosa è succeesso con Rimini e San Marino. Il Godo potrebbe creare qualche fastidio, per il Redipuglia invece sarà un po' dura. Noi dobbiamo partire subito con il piede giusto, anche se Ortiz è ancora a Panama per i play-offs. Se arriva in finale, non lo vediamo prima della fine di aprile. Eppoi c'è Bazzarini che ha un'infiammazione al gomito. Una preparazione non proprio serena, motivo in più per tirar fuori il nostro carattere". n

n

nC'è la Fortitudo Bologna il cui obiettivo minimo – per bocca di Nanni – sono i playoff. Pur consapevole che la società non disponeva di ingenti capitali da investire sul mercato, il manager bianco blu ha comunque un'ottima formazione da gestire. Niente pronostici, parola al diamante: "Chi vince lo scudetto è sempre il favorito, ma sono curioso di vedere il Nettuno che, sulla carta, ha fatto acquisti importanti. Ma occorre verificare in campo la bontà dei giocatori stranieri, non sarebbe la prima volta che nomi eclatanti non si esprimono al meglio una volta arrivati qui. Sono orgoglioso della squadra 2008 e tentiamo di conquistare il tricolore. Per i play-off vedo 6 squadre in corsa". n

n

nC'è anche il San Marino che saluta gli arrivi di Lucena, Marrone, Da Silva e Palanzo. "Tutte le squadre si sono rinforzate, coprendo le carenze nei roster evidenziate nello scorso campionato – dice il Direttore Sportivo, Alberto Antolini – Nettuno ha potenziato notevolmente il monte di lancio con l'inserimento di Carrara in gara-2 e Richetti in gara-3. Grosseto ha confermato la squadra campione d'Italia inserendo il prospetto Avagnina al posto di Lollio e costruendo un solido monte di lancio. Sono queste le due squadre che vedo sulla carta in vantaggio rispetto alle altre che ritengo tutte allo stesso livello. Noi non abbiamo fatto altro che continuare il percorso avviato negli ultimi anni per il consolidamento di un buon gruppo: il monte di lancio che lo scorso anno aveva avuto difficoltà nella parte iniziale del campionato è stato rafforzato, prevedendo l'eventuale inserimento sul monte del veterano Lafera che potrebbe essere sostituito nel ruolo di interbase dal giovane emergente italo-brasiliano DaSilva. L'inserimento di Vasquez che copre il ruolo difensivo sia in campo esterno che interno consolida un line-up collaudato con DeBiase migliore battitore della passata stagione 2007. Il nostro obiettivo è solo di aumentare l'entusiasmo che negli ultimi anni ha portato la dirigenza a lavorare in questa direzione, seminando per racogliere. Mi piace sottolineare che Roma non è stata costruita in una notte e anche noi non possiamo e non dobbiamo accelerare i tempi per ottenere risutati che potranno arrivare solamente con tanta umiltà ed orgoglio". n

n

nE cosa dire del Godo? La campagna acquisti e la fase di precampionato sono state caratterizzate da innumerevoli difficoltà. Crudale che a 2 giorni dalla partenza del volo ha dato forfait, Walters che per problemi familiari torna negli Stati Uniti dopo una settimana etc. n

n

n"Questi inconvenienti non ci permetteranno di iniziare il campionato con la rosa al completo così come l'allenatore e la società avrebbero voluto ma così è – afferma Attilio Casadio, DS dei "Goti" – Abbiamo rimpiazzato le numerose partenze con giocatori estremamente motivati e con la giusta voglia e stimoli per ben figurare nel nostro campionato. Sono certo che, in questo, abbiamo centrato l'obbiettivo. Con i nuovi arrivi abbiamo cercato di ricreare quell'alchimia che ci ha portato nel 2006 a sfiorare i play-off, anche se siamo consapevoli che ricreare lo spirito di due anni fa non sarà facile. Obbiettivi? Vorremmo raggiungere la salvezza con largo anticipo e dare filo da torcere a tutte le squadre avversarie su ogni azione di ogni partita che giocheremo, soprattutto in casa. Partiamo subito affrontando una delle squadre più forti e meglio attrezzate del torneo e sono convinto che alla fine proprio Nettuno sarà la squadra da battere". n

n

nC'è pure il Redipuglia, simpatica neopromossa, che debutterà proprio contro i campioni d'Italia. n

n

n"Per noi è motivo di grande orgoglio far parte dell'elite del baseball italiano – dichiara Paolo Tonzar, presidente dei Rangers – ci stiamo lentamente ambientando in questo mondo tutto nuovo per noi, tra mille difficoltà ma con grande entusiasmo e passione. Il nostro intento per la stagione che inizia oggi è quello di cercare di ben figurare disputando un campionato dignitoso, in base alle nostre possibilità. Certo, ci troviamo contro squadre e società ben più blasonate di noi e con disponibilità che noi non abbiamo assolutamente. Ma cercheremo di farci rispettare ugualmente. Per noi sarà comunque un campionato esaltante, e da quello che si è visto finora, dall'elevato tasso tecnico. n

n

nBuon campionato a tutti. n

n

Filippo Fantasia
Informazioni su Filippo Fantasia 641 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento