Finale scudetto, stangata sul Nettuno

Bagialemani e Gatti interdetti fino al 15 giugno, Costantini fino al 31 dicembre 2008 – Quattro giornate a Schiavetti

Mano pesante del giudice sportivo sul Nettuno dopo gara sette. Ci sono voluti venti giorni ma oggi è ufficiale la decisione dell´avvocato Vincenzo La Rocca che anzitutto sanziona con 2000 euro la società per responsabilità oggettiva.
A seguire: interdizione fino al 15 giugno 2008 per il manager Ruggero Bagialemani, entrato in campo nonostante fosse squalificato e autore di una "insensata aggressione fisica nei confronti degli ufficiali di gara". Pena giustificata, tra l´altro con "un´abitualità reiterata nel rendersi protagonista di tale specie di episodi".
Interdizione fino al 15 giugno anche per Paolo Gatti per aver tentato di colpire l´arbitro Serafini "scagliandogli una palla da gioco" che non l´ha raggiunto poiché ha colpito proprio Bagialemani.
Non giocherà fino al 31 dicembre 2008, invece, Marco Costantini che per infortunio non ha disputato l´intera stagione ed è accusato di "aver colpito con due pugni al petto l´arbitro capo".
Quattro giornate di squalifica, infine, per Igor Schiavetti rivoltosi "con frasi ingiuriose e altamente offensive" nei confronti dell´arbitro capo.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.