All-Star Game, stasera Haren e Peavy lanciatori partenti

Vladimir Guerriero, esterno dei Los Angeles Angels, ha conquistato stanotte l’Home Run Derby e tra poche ore scendono in campo anche i campioni della American e della National League

Saranno Dan Haren degli Oakland Athletics e Jake Peavy dei San Diego Padres i due lanciatori che apriranno questa sera all’AT&T Park di San Francisco la 78esima All-Star Game.
Dan Haren (10 vittorie e 3 sconfitte, 2.30 di media pgl, 129.1 riprese lanciate, 97 valide concesse, 32 basi e 101 strike-outs) è alla sua prima apparizione e sarà il partente per la American League. Haren, 27 anni da Monterey, si aggiunge ad altri lanciatori degli A’s (Vida Blue, Catfish Hunter, Dave Stewart, Bob Welch e Mark Mulder) scelti come starter della All-Star Game. Dopo due stagioni con i Cardinals, Haren è quest’anno al suo terzo campionato con Okakland.
Jake Peavy (9 vittorie e 3 sconfitte, 2.19 di media pgl, 119 innings lanciati, 92 valide, 34 basi e 125 strike.outs) ha già partecipato a due All-Star e sarà il partente per la National League. Peavy, 26 anni, originario dell’Alabama, è il primo giocatore dei San Diego Padres, dopo LaMarr Hoyt nel 1085, ad essere selezionato per aprire la Midsummer Classic. Peavy ha disputato finora sei stagioni, sempre con la maglia dei Padres.
I due manager della American League e della National League, Jim Leyland e Tony La Russa, hanno intanto ufficializzato i line-up che tra poche ore daranno vita all’attesa sfida. Va ricordato che la lega che risulterà vincente avrà il vantaggio del fattore campo alle prossime World Series.
L’American League schiererà Ichiro Suzuki (esterno centro), Derek Jeter (interbase), David Ortiz (prima base), Alex Rodriguez (terza base, .317 di media battuta, 30 fuoricampo, 86 punti battuti a casa), Vladimir Guerriero (esterno destro), Magglio Ordoñez (esterno sinistro), Ivan Rodriguez (ricevitore) e Placido Polanco (seconda base).
La National League scenderà in diamante con Jose Reyes (interbase), Barry Bonds (esterno sinistro), Carlos Beltran (esterno centro), Ken Griffey Jr. (esterno destro), David Wright (terza base), Prince Fielder (prima base, .284 di media battuta, 29 fuoricampo, 70 punti battuti a casa), Russell Martin (ricevitore) e Chase Utley (seconda base).
Ieri sera, intanto, ghiotto anticipo con l’Home Run Derby. La sfida a suon di fuoricampo tra i migliori slugger delle Majors è stato vinta dall’esterno dominicano degli Angels Vladimir Guerrero che ha battuto l’esterno dei Toronto Blue Jays Alex Rios nel round finale.
Dopo aver conquistato il trofeo (aveva partecipato anche nel 2000), Guerrero ha sventolato ripetutamente la bandiera del suo paese natio. ‘Sono orgoglioso di aver compiuto questa impresa all’All Star Game, in rappresentanza di tutti i giocatori latino-americani. Ed è una cosa importante, perché ogni volta che fai bene qualcosa, vuoi tirar fuori la tua bandiera”.
Barry Bonds, che è a quota 751 fuoricampo (a -4 dal record di tutti i tempi detenuto da Hank Aaron), ha rifiutato di partecipare all’Home Run Derby, ma sarà regolarmente in campo stasera sin dall’inizio come esterno sinistro della National League.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.