“We’re the world”: il Giappone esulta sul tetto del mondo

Il World Baseball Classic si chiude con un match emozionante senza le grandi stelle delle Majors che vede trionfare la nazionale nipponica sui grandi maestri cubani

Sarebbe bastato un ‘gran batazo”, un ‘grande slam”, uno di quei lunghi fuoricampo a cui Cuba ed i suoi campioni ci hanno da sempre abituato per riaprire i giochi e rimettere in discussione la finalissima di San Diego. Invece no. Pur essendosi preparata al meglio (nell’isola caraibica il campionato è stato sospeso fino al 24 marzo per permettere all’allenatore Higino Velez di poter allestire la miglior formazione possibile), Cuba ha dovuto abbassare la guardia contro i motivatissimi nipponici. Il 10-6 nel match conclusivo e decisivo del primo World Baseball Classic ha permesso al Giappone di gioire per il trionfo. Meritatamente. Viva il Giappone.
Al Petco Park la squadra del Sol Levante ha giocato duro, di potenza, ha mostrato grandi capacità tattiche unitamente ad una indiscussa tecnica. Parole di Higinio Velez, l’allenatore di quella nazionale cubana che per la trentasettesima volta aveva raggiunto una finale tra Olimpiadi (4), Campionati del Mondo (20), Coppe Intercontinentali (12) e ora il World Baseball Classic.
D’altronde l’aveva promesso il suo esimio collega avversario, Sadaharu Oh, 65 anni ma senza nessuna voglia di peccare di presunzione: il Giappone avrebbe assicurato una prestazione eccezionale giocando comunque, sia in caso di vittoria che di sconfitta, con lo stesso cuore e lo stesso orgoglio che aveva condotto la squadra fino in fondo dopo una maratona lunga 17 giorni e 39 gare disputate tra Tokyo, Arizona, Florida, Portorico e California.
L’entusiasmante epilogo al Petco Park di San Diego davanti a quasi 43.000 spettatori, tra due squadre con giusto un paio di campioni delle Majors schierati. Il Giappone di ‘big leaguers” ne aveva due: l’esterno Ichiro Suzuki (da 5 anni a Seattle) ed il rilievo Akinori Otsuka (da 2 stagioni proprio a San Diego e ora con i Texas Rangers). Ed ha vinto. Cuba neanche uno. Ed è arrivata seconda.
Tanto per dimostrare che pur avendo a disposizione i migliori giocati del mondo, almeno sulla carta, il successo non è affatto garantito.
E allora celebriamo l’oro di questa nazionale nipponica, compatta, sorniona ed estremamente attenta al risultato, che si era qualificata per la semifinale solo dopo l’inaspettata esclusione degli USA, padroni di casa estromessi dai cugini messicani.
Un 10-6 che porta la firma soprattutto del lanciatore Daisuke Matsuzaka nominato MVP. Ha una palla veloce che sfiora i 150 chilometri all’ora. Lunedì notte, con il Giappone già avanti 4-0 (3 lanciatori caraibici utilizzati alla prima ripresa), aveva incassato un fuoricampo dal lead-off Eduardo Paret poi per quattro inning ha messo letteralmente ko Cuba (12 avversari eliminati su 15 affrontati).
Le ‘furie rosse” di Velez si erano trovate ancora sotto 6-1 a metà gara, avevano recuperato coraggiosamente fino al 6-5 all’ottavo inning con un ‘jonron” di Frederich Cepeda.
Quando sembrava che stesse per andare in scena l’ennesimo finale thrilling, i nipponici di Oh sfoderano 4 punti proprio nell’ultimo inning regolamentare. Cuba riesce solo a segnare un punto. Finisce 10-6. Il Giapppone conquista il World Baseball Classic.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.