Chicago adesso ci… Crede!

Il terza base Joe Crede trascina alla vittoria i White Sox contro gli Indians, gli unici a porterli sfidare per il” pennant” di Central Division – Colorado, che schiaffo a San Diego!

L’eroe del giorno, di questo incredibile e rocambolesco finale di stagione è Joe Crede. Un vero mito per i tifosi dei White Sox ed autentico incubo per gli Indians visto che è stato lui l’ago della bilancia di una gara combattuta fino al decimo inning, cioè fino a quando il forte terza base dei ‘South Siders” decide di mettere fine all’incontro grazie al diciannovesimo fuoricampo in carriera, il secondo in questa importantissima gara tra le due contendenti al ‘pennant” di Central Division della American League. La serie adesso è ferma sull’uno a uno e c’è da scommetterci che gara tre, l’ultima a Chicago, sarà altrettanto eccitante.
Ma le emozioni non arrivano solo dagli scontri diretti, come ci insegnano i ragazzi dei Colorado Rockies. La squadra di Denver, peggior compagine della National League, giocava contro i San Diego Padres, in testa alla West Division ed in piena corsa per le post-season. Ebbene con il cuore e con attaccamento straordinario al sacro gioco del baseball, i ‘Rox” non solo hanno vinto la partita con un roboante 20-1, ma hanno scritto una pagina importante nel libro dei record della squadra. Il margine di vittoria più ampio per Colorado era infatti il 19-2 che avevano inflitto ai D-Backs nel settembre del 2000 ed era dal 1999 che non producevano un primo inning con ben sette punti (in quell’occasione furono gli Angels a subirli).
Questo il punto sulle squadre protagoniste dell’ ‘Hunt for October” partendo dalla American League.
Nella East Division, gli Yankees stanno rimontando i Red Sox che per ora mantengono solo mezza partita di vantaggio. A Boston, restano da giocare le gare a Tampa ed a Baltimora e poi tra mura amiche contro i Blue Jays ed i Bronx Bombers. New York dovrà affrontare gli Orioles e Toronto in casa per poi chiudere la stagione in trasferta a Baltimora ed al Fenway Park.
Nella Central i White Sox mantengono tre partite e mezzo di vantaggio sugli Indians. Dopo la prossima gara che li vedrà affrontarsi per l’ultima volta in stagione a Chicago, i South Siders giocheranno contro i Brewers in casa e chiuderanno la stagione prima a Detroit e poi a Cleveland. Agli Indians invece resta la trasferta di Kansas City e poi terminerà la ‘regular season” in casa contro i Devil Rays ed i White Sox.
Nella West Division sono avanti i Los Angeles Angels of Anaheim con una partita e mezzo di vantaggio sugli Oakland Athletics. Alla squadra di Mike Scioscia restano da giocare in casa le gare con i Rangers e con Tampa prima di partire per Oakland e per il Texas. Gli A’s chiuderanno la prossima notte la serie contro i Brewers, poi affronteranno i Rangers e saluteranno il Mc Afee Colosseum nella sfida contro gli Angels. Finiranno la stagione con la trasferta di Seattle.
Nella Wild Card, la speciale classifica che assegna un posto ‘extra” alle post-season per la miglior seconda classificata della Lega, la lotta vede al momento in testa gli Indians con gli Yankees a mezza gara di distanza e Oakland a quattro lunghezze.
Nella National League, archiviato il ‘pennant” della Central Division a favore dei St.Louis Cardinals, resta da assegnare il posto nella East Division, dove Atlanta mantiene comunque un rassicurante più cinque su Philadelphia. Le due squadre si stanno affrontando in Georgia, poi i Braves ospiteranno i Marlins, per poi andare in Colorado ed in Florida, mentre Philadelphia dopo essere passata per Cincinnati tornerà a casa per le gare contro i Mets ed i Nationals.
Nella West Division situazione analoga alla East con San Diego (che affronterà Colorado e Arizona in trasferta e San Francisco e Dodgers in casa) con cinque partite di vantaggio su San Francisco del ritovato Barry Bonds.
Vera bagarre nella lotta alla Wild Card dove gli Astros (Pirates, Cubs e St.Louis in trasferta, ancora Cubs in casa) hanno due partite di vantaggio sui Philles e tre sui Marlins (Mets e Braves in trasferta, Washington e Atlanta in casa). Troppo staccati sembrano i Nationals con ben cinque gare da recuperare.

Informazioni su Andrea Tolla 532 Articoli
Nato a Roma nel 1971, Andrea è padre di 3 figli, Valerio, Christian e Giulia. Collabora con il quotidiano Il Romanista dove si occupa, tra le altre cose di baseball e football americano. Appassionato di sport in genere collabora anche con il mensile Tutto Bici e con il quotidiano statunitense in lingua italiana America Oggi. Ex-addetto stampa della Roma Baseball, cura una rubrica di baseball all'interno di una trasmissione sportiva di un'emiitente radiofonica romana.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.