Indipendence Day: una festa a suon di fuoricampo

A Cleveland 3 homerun di Hafner in un double-header, mentre Giambi firma nel Bronx due fuoricampo importanti – 13 lanciatori utilizzati in Giants-Reds

Per la celebrazione del 4 luglio, la grande festa nazionale (forse la più importante dell’anno per gli americani), lo spettacolo pirotecnico dei fuochi d’artificio fa restare senza fiato. Un po’ come le esplosive prestazioni nel box di battuta degli slugger delle Majors.
Già perché l’Indipendence Day non ferma il massimo campionato professionistico di baseball, anzi l’occasione è ghiotta per offrire uno ‘show nello show”, con una girandola di fuochi d’artificio offensivi.
Come quelli di Travis Hafner, battitore designato dei Cleveland Indians, che in un double-header casalingo ha sparato lontano tre fuoricampo contro i lanciatori di Detroit ed ha allungato a 4 partite la serie negativa dei Tigers (prima gara completa per Scott Elarton).
Come i redivivi New York Yankees, alla terza vittoria di fila, che schiantano i Baltimore Orioles con un big-inning e rovesciano a proprio favore le sorti dell’incontro: solo nella penultima ripresa, sull’8-6 per gli ospiti, i Bronx Bombers segnano ben 7 punti trascinati da Jason Giambi, autore di due fuoricampo, che sta cercando faticosamente di allontanarsi dalla bufera del doping in cui è rimasto coinvolto.
Come Bobby Abreu (selezionato per la All Star Game) ed il suo grande-slam al terzo inning: una battuta profondissima che ha messo le ali ai Philadelphia Phillies in un portentoso rally (12-1) au danni dei malcapitati Pittsburgh Pirates.
Come le mille emozioni di San Francisco in una gara vinta per 11-10 dai Cincinnati Reds sui padroni di casa con Jason LaRue (6 punti a casa) e Willy Mo Pena (un fuoricampo e 3 RBI) autentiche spine nel fianco dei Giants. A conferma dell’intensità del match basti pensare all’utilizzo sul mound di ben 13 lanciatori.
Ma i fuochi d’artificio non si sono ammirati sono nel box. Anche i lanciatori hanno brillato sul mound nel giorno dell’Independence Day.
Come Roy Oswalt che concede solo 4 valide e con l’aiuto di Craig Biggio (fuoricampo da 3 punti) affonda i San Diego Padres (4-1 finale per gli Houston Astros).
4 valide anche per Ben Sheets in 8 innings ma soprattutto fanno notizia i suoi 10 strike-outs. Milwaukee trafigge 3-2 i Florida Marlins.
Salgono a dieci, infine, le vittorie del partente dei St. Louis Cardinals, Matt Morris: 1 punticino in 7 innings, Arizona battuta per 10-3.

Informazioni su Filippo Fantasia 664 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.