Potranno arrivare solo sorprese

Il campionato si appresta a girare la boa con l’ultima di andata. Pronostici apparentemente scontati, a rischiare di più la Danesi impegnata in casa col Paternò e la Telemarket che ospita il Modena

Gradite o sgradite che siano, potranno uscire solamente delle sorprese dal prossimo turno del campionato di A1, l’ultimo prima del giro di boa che per molti coincide anche con i primi bilanci stagionali. T&A San Marino e Prink Grosseto, impegnate in Coppa Campioni, chiuderanno più avanti la prima metà della regular season con stati d’animo completamente differenti. I primi sono la grande sorpresa, a tutt’oggi possono vantare il miglior attacco di tutto il campionato. I campioni d’Italia dovranno invece veramente inventarsi qualcosa, per non trasformare la stagione che li vedeva con lo scudetto sul petto in un autentico incubo.
Ma lasciando da parte queste due, dicevamo, dalla prossima giornata potranno arrivare solamente sorprese. Anche perché il pronostico del derby emiliano tra Palfinger Reggiana e Italeri Bologna appare chiuso. La squadra di Mazzotti è reduce da sei vittorie importantissime in scontri diretti delicati quali quelli contro Parma e Nettuno, vantano i due lanciatori con migliore pgl. E a proposito di pitcher, è atteso all’esordio anche il destro italocanadese Chris Cerchie, per tre anni con la Niagara University. Darà una mano al bullpen felsineo vista l’indisponibilità di Incantalupo. Rinforzi a parte, solo un’impresa potrebbe consentire alla Reggiana di strappare almeno una vittoria, anche se sul proprio campo.
Terza in classifica, il Ceci&Negri Parma andrà a far visita all’Acegas Trieste con la grande novità di Beppe Massellucci al timone della squadra. Difficilmente in pochi giorni l’allenatore della nazionale P.O. riuscirà a fare miracoli, anche qui dunque vale lo stesso discorso fatto in precedenza, pronostico chiuso e tutto quello che si discosterà dalla tripletta parmense dovrà essere salutato con stupore.
Rischiano invece qualcosa in più le due quinte forze. La Danesi Nettuno ha assorbito senza troppi drammi il pesante ko del Gianni Falchi, frutto di un weekend storto arrivato dopo le belle imprese contro Rimini e Grosseto ed una lunga striscia vincente. Ma di fronte la formazione di Bagialemani si troverà i Warriors Paternò, rinfrancati dalla doppietta contro i maremmani che ha consentito loro un bel balzo in avanti. Idem per la Telemarket Rimini, che contro il Fiume Modena potrà contare sul fattore campo ma dovrà fare i conti anche con una condizione attualmente pessima, se si pensa che dopo l’inizio lampo (12 vittorie e 3 sconfitte) negli ultimi tre turni ha rimediato un misero 2-7, contro Nettuno, Paternò e San Marino.
Un turno apparentemente interlocutorio, ma c’è da star certi che sabato sera qualche pronostico sarà saltato. Chiudiamo con un dato, in 120 partite si sono visti appena 36 fuoricampo, inning più inning meno uno ogni trenta riprese. E lo dimostra anche la classifica individuale, con otto giocatori appaiati a quota due. Il cambio delle palline non ha reso come doveva? E’ dovuto alla qualità dei battitori, o dei lanciatori? C’è tutto un girone di ritorno per dare anche in questo caso una risposta più calzante.

Mauro Cugola
Informazioni su Mauro Cugola 537 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento