Schilling, bentornato sul monte di lancio

Di nuovo in campo il forte pitcher che nel 2004 ha trascinato Boston alla conquista delle World Series – L’11 aprile, al Fenway, i Red Sox riceveranno l’anello MLB, davanti agli Yankees

Dopo 4 operazioni alla caviglia, Curt Schilling è tornato per la prima volta sul mound. Nella mente ancora vivide le immagini del trentottenne lanciatore di Boston dalla cui caviglia destra continuava a spillare sangue, attraverso le calze, durante gara-2 delle scorse World Series.
Tutto è ormai passato. Nessun dolore. Schilling, che è alla sua seconda stagione con Boston, è sceso sul diamante di Fort Myers, in Florida, sotto gli occhi logicamente soddisfatti del manager Terry Francona. Una serie di 47 lanci, tanto per iniziare, durante un allenamento di 16 minuti, ma ciò che più contava era superare le apprensioni del rientro dopo il brutto infortunio. Schilling era stato operato 16 giorni dopo che i suoi Red Sox avevano massacrato i St. Louis Cardinals con un secco 4-0.
E se il recupero, come sembra, proseguirà a gonfie vele non è escluso che Schilling possa anche lanciare all’opening day il 3 aprile prossimo allo Yankee Stadium probabilmente contro il suo ex-compagno di squadra Randy Johnson, ceduto da Arizona a New York.
Al debutto casalingo del 2005, al Fenway Park, i Boston Red Sox riceveranno ufficialmente davanti ai propri fans il prestigioso ‘anello” MLB, simbolo della grande vittoria ottenuta nel campionato passato dopo 86 anni. E per una strana ironia della sorte, l’11 aprile, a fronteggiare Boston (e ad assistere alla cerimonia) saranno proprio i rivali di sempre, i New York Yankees.
Per la cronaca: il presidente, Larry Lucchino, farà consegnare da un rappresentante dei Red Sox lo storico anello anche ad alcuni determinanti ex-giocatori come Pedro Martinez, Derek Lowe e Nomar Garciaparra.

Informazioni su Filippo Fantasia 673 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio (Roma) è giornalista pubblicista dal 1987. Grande appassionato di sport USA, e in particolare di baseball e basket, svolge a tempo pieno attività professionale a Milano come Responsabile Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali presso importanti corporate. Nel corso degli anni, ha collaborato con diverse testate nazionali e locali tra cui Il Giornale, La Stampa, Il Resto del Carlino, Tuttosport, Guerin Sportivo, Il Tirreno, Corriere di Rimini, e con testate specializzate come Play-off, Newsport, Sport Usa, Baseball International e Tuttobaseball. In ambito radio-tv ha lavorato per molti anni come commentatore realizzando anche servizi giornalistici per diversi network ed emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Dimensione Suono Network, RDS Roma, Italia Radio e Radio Luna. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali legati ad importanti avvenimenti sul territorio per alcune televisioni locali. Nel 1998 ha ideato e realizzato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto tricolore della squadra tirrenica di cui è stato per oltre un decennio anche capo ufficio stampa. Significative sono state anche le esperienze professionali negli USA, grazie agli ottimi rapporti instaurati con gli uffici di Media Relations di diversi club (in particolare dei Boston Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati alla comunicazione sui media del baseball professionistico americano. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it nel 1998, anno di nascita della testata giornalistica online, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito ad assumere il ruolo di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano durante le finali nazionali del massimo campionato. Nell'estate del 1998 ha fatto parte del team dell'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.