Joe Randa e Kansas City, che record!

Il terza base stabilisce il nuovo primato nelle Majors dei punti segnati in una sola gara (6) ed eguaglia il record della American League per numero di valide (6), mentre i Royals totalizzano 26 punti

Ben tre double-header da commentare (New York, Detroit e Pittsburgh), qualche inaspettata sconfitta (Boston in primis), un gradito ritorno (gli Yankees) ma soprattutto un paio di record da scrivere negli annali delle Majors.
Joe Randa, trentaquattrenne terza base dei Kansas City Royals, ha impressionato anche se stesso. Nel primo dei due match in programma contro i Detroit Tigers, Randa ha stabilito ieri pomeriggio il nuovo record in Major League per maggior numero di punti segnati (6) ed ha contemporaneamente eguagliato il primato per numero di valide (6, di cui 5 singoli ed un doppio) nella AMERICAN LEAGUE. Randa ha terminato con un impressionante 6/7 ed è stato tenuto a riposo nella seconda partita. Al Comerica Park un altro record non ha resistito: con i 26 punti segnati (contro i 5 dei Tigers) ed altrettante hits, Kansas City ha battuto anche il record di squadra. Al terzo inning, i Royals avevano siglato ben 11 punti con 13 uomini consecutivi in base. Nella sfida in notturna, pronto riscatto dei Detroit Tigers con uno shut-out firmato dal lanciatore Jeremy Bonderman (8-0).
Ritrovano la consueta verve i New York Yankees che strapazzano i Tampa Bay Devil Rays per 9-1 (vincente Mike Mussina) e 10-5 (chiude a 3/5 Derek Jeter con un fuoricampo e 2 RBI), completando così una bella cinquina davanti a oltre 40.000 spettatori. Per la squadra di Lou Piniella è arrivata invece l’undicesima sconfitta di fila.
Crollo dei Boston Red Sox che rimediano un sonoro 7-1 dai Seattle Mariners ispirati sul mound da Bobby Madritsch (8 riprese senza subire punti) e da Jose Lopez nel box (3/4 con un fuoricampo). Sul punteggio finale pesano parecchio i 2 errori della difesa di Boston (5 punti non guadagnati). 2/4 per Ichiro Suzuki che batte valido per il 14esimo incontro consecutivo e sale a 229 valide totali: solo 28 separano il nipponico dal record assoluto di Gorge Sisler che perdura da ben 84 anni.
Successi in trasferta per i Chicago White Sox (7-3 sui Texas Rangers, Buehrle solo 3 valide concesse, homerun per Paul Konerko e Joe Crede) e Toronto Blue Jays (5-4 sugli Anaheim Angels grazie al fuoricampo da 2 punti di Carlos Delgado).

Finisce in parità il double-header tra Pittsburgh Pirates e Houston Astros. Straordinaria la prestazione di Oliver Perez nella gara iniziale (14 strike-outs e 3 sole valide) che permette ai ‘Pirati” di vincere per 3-1. Cambia la musica nel match sotto la luce dei riflettori con gli Astros che scattano avanti 9-2 con Lance Berkman e Brad Ausmus in gran serata (2 valide ed altrettanti punti prodotti). Il lanciatore Mike Gallo ottiene la seconda vittoria in carriera.
I New York Mets espugnano il Pro Player Stadium superando 4-0 i Florida Marlins e mettendo così fine ad una striscia negativa di 11 sconfitte. Funziona benissimo il tandem Eric Valent – Kris Benson: il primo piazza un fuoricampo importante, il secondo sfodera 6 riprese senza sbavature.
Un singolo di Aaron Miles al settimo inning consente ai Colorado Rockies di segnare 2 punti e di trionfare sui San Diego Padres per 9-7 nella prima di 4 gare al Coors Field. Tre valide e ben 4 punti segnati per Piedra che ha rimpiazzato all’ultimo istante Jeromy Burnitz, tris anche per Clayton. 34esima salvezza di Shawn Chacon.
Con 5 punti segnati negli ultimi tre innings, i Philadelphia Phillies sorpassano gli Atlanta Braves per 9-4 a Turner Field. I Braves erano riusciti a recuperare lo svantaggio iniziale di 4-0 (l’esterno centro Jason Michaels manda oltre il limite la pallina battuta da Charles Thomas regalandogli un fuoricampo) ma hanno poi ceduto contro i rilievi di Philadelphia subendo anche 4 homerun da Rollins, Polanco, Lieberthal e Burrell.
Due lunghe battute di Steve Finley stendono gli Arizona Diamondbacks. 5-3 per i Los Angeles Dodgers che realizzano uno ‘sweep” con 3 successi di fila.
Infine, vittoria esterna dei Milwaukee Brewers per 7-2 sui Cincinnati Reds. Wes Helms legna un grande slam, Brady Clark conclude con un 4/4 contro i suoi ex-compagni di squadra.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.