Salvezza da record per Ginanneschi : 5-4 per il Prink

Brividi al nono inning con un triplo di Pezzullo che porta i siciliani vicini al pareggio

Il Prink presenta alcune variazioni rispetto a ieri sera: Ramos spostato all’esterno destro e Bischeri in prima, Alagan dietro il piatto sostituisce Andrea De Santis nel line up. I siciliani presentano solo Astuto al posto di Pezzullo all’esterno sinistro. Sul monte Rollandini viene opposto ad Huffman. Gli arbitri effettuano la loro consueta rotazione e si schierano in senso antiorario a partire da casa base con: Albanese Menicucci e Maestri.
Il Prink va subito in vantaggio: con due out, base ball a Ramos che va in seconda su palla mancata ed a punto sul singolo in campo opposto di Caravajal. Al secondo attacco Casimiro tocca la seconda valida della partita, va in seconda sulla rimbalzante di Arias e in terza sul singolo di Rizzo. Gorrin viene colpito: l’arbitro giudica che c’è un tentativo di girata e chiama strike (una chiamata un po’ dubbia , secondo no): sul lancio successivo batte un pop sulla seconda e viene poi seguito da Astuto che batte direttamente su Rollandini, terminando l’inning.
Al terzo vantaggio per i siciliani: dopo il primo out Di Mare batte su Ramos che non trattiene la volata e Bruzon ottiene la base; Agli si conferma concreto come nel resto del campionato e batte un lungo doppio al centro per il 2-1. Fila tutto più o meno liscio fino al quarto inning del Grosseto quando il Prink mette subito in base due uomini: base a Casolari e valida di Ozuna con una linea sull’interbase, non trattenuta. Dopo la visita di Duret, Bischeri ottiene un’altra base ball ed Esposito batte una lunga volata al centro: Bruzon cade, poi si rialza ma non raggiunge in tempo la palla ed entrano due punti. Sul tentativo di arrivare a casa dalla prima però Bischeri si fa eliminare a casa dal taglio di Lo Cascio. Altra visita e cambio sul monte per Torres che concede subito un texas ad Alagna ma poi ottiene due out in fila senza ulteriori danni. Al quinto ancora Prink: errore su Carvajal del suo pari ruolo paternese e singolo di Casolari che mette i corridori agli angoli. Ozuna può così portare il Grosseto sul 4-2 con una volata di sacrificio.
Al sesto, dopo 66 lanci (26 ball) viene sostituito Rollandini ed entra Badii che concede un’unica valida: un homer di Rizzo sopra la testa di Ramos che vale il 4-3. Sempre in questo inning tutti e tre gli out sono arrivati per la via 53 con delle assistenze di Carvajal molto scontrollate a causa di un taglio ad un dito, ben tenute però da Bischeri, a causa di un taglio ad un dito.
Al settimo attacco del Grosseto Ermini apre con un doppio seguito dall abase intenzionale a Ramos. A Carvajal viene chiamato un bunt che lui esegue verso sinistra. Bravo Torres a giocare in terza ed eliminare Ermini. Con Casolari nel box i corridori partono per una doppia rubata, Torres effettua un lancio pazzo e Casolari arriva fino a punto. Dopo un settimo inning tranquillo, Badii inizia l’ottavo con 4 ball su Bruzon ma poi ottiene un provvidenziale doppio gioco, iniziato da Bischeri che gli toglie le castagne dal fuoco.
Al nono entra Ginanneschi per chiudere la partita: mette prima due strike out, poi colpisce Gorrin e con Pezzullo nel box al posto di Astuto, concede un lungo triplo al centro per il 5-4. Partita sul filo ma Lo Cascio nel box appare spaesato e gira un paio di lanci molto alti per il terzo strike out, la fine della partita e il record delle salvezze per il campionato italiano.

Informazioni su Ivano Luberti 324 Articoli
Ivano è cresciuto in Maremma dall'eta' di 6 anni e ha visto la sua prima partita di baseball a 9 anni. Ha abbandonato la sua passione per il batti e corri a 19 anni quando si è trasferito a Pisa per l'Universita' e lo ha riscoperto dieci anni dopo quando ha cominciato ad utilizzare Internet per lavoro. Si definisce uno spettatore informato con una logorrea innata che ha deciso di sfogare scrivendo qualche articolo, dopo che il forum di Baseball.it non gli bastava piu'. Laureato in Scienze dell'Informazione e informatico di professione crede nella cooperazione al punto di aver fondato una cooperativa a Pisa, città dove risiede e che purtroppo è un deserto per lo sport che ama.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.