Bonds, altri due missili

Fuoricampo da 467 e 462 piedi ad Atlanta per Barry, mentre Pujols realizza il 40° homer e il 100° pbc della stagione

La notte delle stelle. Innanzitutto quella passata e presente, Barry Bonds, che ad Atlanta dà l’ennesimo saggio di potenza e onnipotenza: 4/5, due fuoricampo (da 467 e 462 piedi, solo Sammy Sosa ha fatto meglio al Turner Field…), sei pbc. E così siamo a 696 homer vita, meno di sessanta dal super record di Hank Aaron. Ah, ovviamente ha vinto San Francisco per 9-5. Quella presente e futura, invece, è Albert Pujols, che nello stesso giorno festeggia il 40° fuoricampo stagionale e il 100° punto battuto a casa. Anche in questo caso inutile dire che a Pittsburgh hanno vinto i Cardinals (4-0) con l’ottimo Marquis sul monte. Passando alla lotta per la wild-card, i Cubs perdono per la terza volta consecutiva in casa con Houston (10-3, homer di Berkman) e vengono agganciati dai Giants e dai Padres, che dominano la scena a Montreal con l’ottimo David Wells e i fuoricampo di Klesko e Greene (11-3). Cercano di restare in scia (a –4 come gli Astros) anche i campioni in carica di Florida, che liquidano Colorado (8-4, settima sconfitta di fila per i Rockies) con un grande Burnett, che piazza la bellezza di 14 strike-out, record di franchigia. Un homer da due punti di Dunn suona la riscossa di Cincinnati, che piega in rimonta Arizona (6-2), mentre il grande slam dell’eterno Robin Ventura dà il via alla facile vittoria di Los Angeles a New York (10-2). Tutto facile anche per Philadelphia, che spazza via Milwaukee con un 10-0 tutto targato Lidle: shutout sul monte e fuoricampo nel box.
Nell’American League le squadre del giorno sono Oakland, Boston e Anaheim. Gli Athletics si fanno raggiungere al 9° con due out da Tampa Bay (homer consecutivi di Huff e Cruz Jr) ma poi si impongono con il fuoricampo da tre di McMillion conquistando la settima vittoria consecutiva, la nona in dieci partite (9-6). Sesto successo di fila e nono in dieci partite anche per i Red Sox, che battono Detroit (6-1) con un solidissimo Wakefield sul monte (tre valide concesse). Nona vittoria in dieci partite anche per gli Angels, che piegano Minnesota in rimonta con un homer da due di Kennedy al 9° (4-2). A rimetterci sono stati i Rangers, sconfitti 7-6 in casa da Baltimore del solito Mora (tre valide, quattro pbc) e ora un po’ staccata nella corsa per il titolo all’ovest e per la wild-card, e gli Yankees, domati a Toronto da un ottimo Batista (6-4) e ora a sole quattro vittorie e mezza di vantaggio su Boston all’est. Continua la corsa record di valide di Ichiro Suzuki che piazza un altro 3/4 con relativo fuoricampo e trascina da solo Seattle alla vittoria contro Kansas City (5-4). Netta infine la vittoria di Cleveland su Chicago (9-0), con la two-hitter di Elarton e i due fuoricampo di Blake.

Informazioni su Andrea Perari 154 Articoli
Andrea Perari, 55 anni, è nato a Perugia ma vive a Rimini dal 1977. Sposato con Nicoletta e papà di Filippo, lavora come vice-capo servizio della redazione sportiva del "Corriere Romagna". Ha collaborato anche con "Superbasket", come corrispondente riminese per partite e interviste. La sua carriera nasce però dal batti e corri. Nel 1986, infatti, fresco di maturità scientifica, si occupa della pagina settimanale de "Il Fo" sull'allora Trevi Rimini. Nello stesso anno comincia l'avventura radiofonica, la sua vera passione, con trasmissioni settimanali sul baseball e soprattutto con le radiocronache delle partite interne ed esterne. Nel 1987 sbarca in Romagna la "Gazzetta di Rimini" e da collaboratore esterno per il baseball, Andrea finisce per essere assunto nel 1990 e diventare giornalista professionista nel maggio del 1992. Da allora ha sempre seguito in prima persona il baseball romagnolo per la Gazzetta (fino al fallimento del '93) e per il "Corriere di Rimini" dal 1993 ad oggi. Ha collaborato con "Tutto Baseball", "Baseball International", "Baseball & Softball", "Radio San Marino", "Radio Rimini" e nel 1999 con "Radio Icaro", riportando dopo tanti anni, con l'inseparabile collega e amico Carlo Ravegnani, le dirette radio dei Pirati in occasione della finali scudetto giocate a Nettuno dalla Semenzato. Super (a dir poco) appassionato di baseball americano, ama trascorrere le vacanze negli States o in Canada e ha già all'attivo una ventina di partite viste dal vivo a Toronto, Montreal, New York, Boston, Miami, Tampa Bay, Chicago, Los Angeles, San Diego, San Francisco e Oakland. Ha partecipato per anni al Fantasy Baseball della Cdm con ottimi risultati e...dollari guadagnati, e tra i sogni nel cassetto c'è quello di commentare su tv locali o nazionali le partite delle Major League.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.