Italeri sulla Prink in gara-uno

Matos (10 strikeout in sei riprese) e Bazzarini fermano l'attacco grossetano a quota sei valide

Alla ripresa dopo le Olimpiadi, il primo dei tre scontri al vertice fra prima e seconda in classifica ha visto affrontarsi due squadre entrambe col bisogno di riabituarsi alla partita vera. Ne è uscito un incontro, tecnicamente, con più no che sì, che l’Italeri Bologna ha fatto suo riuscendo a tenere a solo sei valide (con Matos e Bazzarini) l’attacco della Prink Grosseto e mettendo sei uno sparsi per gli inning nelle caselle della sua successione punteggio e prevalendo alla fine per 6 a 3.
I campioni d’Italia hanno iniziato dando l’impressione di poter dominare. Subito a segno al 1°, con un fuoricampo di rimbalzo di Liverziani, un singolo di Solano e un 1 a 0 ‘rubato” a casa base da Liverziani sulla rubata della seconda di Solano. Quattro valide su Navarro nelle prime due riprese, cinque dopo tre, e sul monte un Matos che macinava eliminazioni al piatto: sei sui primi otto uomini affrontati, che diventeranno dieci al momento del cambio, alla fine della sesta ripresa.
Dopo il secondo doppio con due out, non sfruttato al 3° dai bolognesi, la partita però ha cambiato passo. Ozuna, in formato diesel, dal 4° al sesto inning ha concesso tre valide in tutto, e all’Italeri per segnare i punti del 3 a 1 prima e del 4 a 3 poi ha avuto bisogno dell’aiuto di una palla mancata di Bischeri al 5° e di un errore di Ozuna all’interbase al 7°. Mentre, sull’altra sponda, Matos con un doppio di Bischeri e tre singoli di Andrea De Santis, Carvajal e Ozuna a metà sesto aveva visto la Prink arrivare sul 3 a 3.
Sul 4 a 3, due volte il Grosseto ha avuto sulla mazza la possibilità di cambiare l’inerzia del match, ma fra 7° e 8° ha lasciato ben cinque corridori sulle basi, sull’ingresso in partita di un Bazzarini che aveva cominciato con due colpiti e una base ball. Ha trovato invece la strada del valido solo due volte, finendo a quota 14 strikeout subiti e lasciando invece che fosse l’Italeri ad allungare, con un singolo di Rigoli e la volata di Solano (2 su 3) all’8°, e ancora con il solo-homer di Sheldon (3 su 4) al 9°.

Informazioni su Mino Prati 844 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.