C'è ancora molto da chiarire

Si lotta per i 'play off' e la salvezza. Alla ripresa giornata di scontri diretti in testa e coda

La classifica non ha un volto definitivo e non potrebbe averlo, visto che devono ancora essere recuperate le gare tra Italeri Bologna e T&A San Marino. Prima della pausa per i Giochi Olimpici è possibile comunque fotografare la situazione della serie A1 con un margine di errore tutto sommato non elevato.

La Prink Grosseto domina.
La stagione maremmana è esemplificata dallo straordinario record di Rollandini, che in 80 riprese non ha subito un solo punto guadagnato. Miglior attacco, miglior monte di lancio, miglior difesa: come farà il Grosseto a non vincere?
Partendo dal presupposto che i 'play off' raccontano una storia a parte, accontentiamoci per ora di affermare che per lo meno gli uomini di Pedro Medina sono sicuri di aver avuto accesso alla post season. Lo dice anche la matematica.
L'aritmetica potrebbe presto venire in soccorso anche dell'Italeri Bologna, che pure ha velleità di primo posto e le eserciterà nello scontro diretto del 27 e 28 agosto.

Quel che ci può emozionare dalla ripresa alla fine della stagione regolare è però onestamente altro, ovvero la lotta per gli altri 2 posti buoni per i 'play off'.
Il Ceci & Negri Parma è in vantaggio e ha avuto una tabella di marcia migliore (almeno 1 vittoria a Grosseto) rispetto alle inseguitrici. Danesi Nettuno e Telemarket Rimini alla ripresa si scontreranno e Parma avrà la possibilità di allungare. Per la verità, l'impegno che attende alla ripresa La Fera e compagni è a Messina contro la Città dei Normanni Paternò, che spera per l'occasione di trovare a sua volta la forza di recuperare posizioni.

Onestamente non credo che Paternò abbia possibilità concrete di qualificarsi tra le prime 4, ma certo può dare filo da torcere a tutti, specie se Franklyn Torres e Pezzullo si riavranno dal super lavoro della prima fase e Victor Arias e Huffman manterranno un rendimento in linea con quello dell'esordio.
Parma è una formazione che ha un attacco leggero e potrebbe essere messa in difficoltà da uno staff di lanciatori di qualità.
Catanoso però sembra aver trovato un buon equilibrio con il 'rookie' Zileri che prende confidenza col ruolo di terza base a questi livelli e Olenberger riportato nel ruolo di partente.
Per essere davvero una squadra di vertice, il Ceci&Negri deve ritrovare un rendimento accettabile del catcher Parisi e deve avere maggiore continuità da Rafael Medina, che alterna serate da super star ad altre meno convincenti.

Nettuno è alle prese con una stagione abbastanza sfortunata e al momento pare l'anello debole della catena. Rispetto a Rimini ha meno potenza in battuta e meno qualità sul monte e contro Parma ha già giocato (e perduto 2 volte) nel girone di ritorno.

In coda i giochi sono quasi fatti. Quel 'quasi' è dovuto al fatto che all'Elettron Anzio resta qualche barlume di speranza, che si alimenterà o spegnerà da qui a fine agosto. Ai giovanissimi di Carlo Morville servono 3 vittorie del Bologna sul San Marino nel recupero e una tripletta nello scontro diretto, in calendario alla ripresa. Se non si verificherà una di queste 2 condizioni, potranno essere certi di seguire il Saim Rajo Ambrosiano in A2.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.