Seconda giornata, tra presenti e assenti

Molti giocatori, per problemi di tesseramento, rimarranno ai box. Ed occhio al meteo

C'è chi le sue carte d'oltreoceano le ha già scoperte, chi le sta scoprendo con calma e chi probabilmente mai le scoprirà. Sembra sarà questo il leit motiv delle prime giornate di campionato, in particolare di questa seconda alla quale ci accingiamo ad assistere. Qualche giocatore ancora non è arrivato, qualcuno attende il buon esito della pratica per essere tesserato come italiano e nel frattempo sarà costretto a guardarsi la partita dalla tribuna, qualcuno (è il caso di Marc Cerbone dell'Italeri) è ripartito negli States per problemi famigliari.
In una situazione così confusa, vale la pena ricordare che esordisce sul proprio campo nella massima serie il Saim Rho. Proprio la formazione lombarda sembra quella messa peggio, visto che aspetta ancora Martin Sanchez, atteso proprio per domani ma probabilmente non in campo, così come Brown, Ziroli e Perrucci, e il buon esito del tesseramento di Pupo. Con problemi sul monte, incontra una Danesi Nettuno che magari nel primo trittico avrà battuto un po' poco, ma rimane pur sempre un'avversaria ostica. Considerato anche che, tolto Fernando Ricci e Schiavetti ancora in forse, il manager Bagialemani ha tutti a disposizione.
Il campo principale, dicevamo, sarà l'Europeo. Il Ceci & Negri Parma, uscito vincitore dal primissimo scontro diretto in quel di Modena, ne affronta subito un altro, proprio alla vigilia della trasferta di Nettuno. Catanoso dispone di Medina, Newman e Massimino partenti per le tre partite, e l'organico al completo, niente di meglio per vedersela contro la Prink Grosseto. Attesa quest'ultima, dopo le tre vittorie casalinghe contro l'Anzio, ad un primissimo esame del reale stato di forma. Rollandini ed Esposito rimarranno ancora ai box per problemi di tesseramento, la formazione sarà tutto sommato la stessa della scorsa settimana, staffette comprese. Occhi puntati venerdì sera su Navarro, il quale più che la prestazione nel complesso deve far dimenticare soprattutto il primo inning di sette giorni fa.
Problemi di formazione, anche se di certo non insuperabili, anche per i campioni d'Italia dell'Italeri Bologna, incentrati nella già annunciata indisponibilità di Cerbone. Mazzotti potrà però contare sullo straniero Matos, prontissimo a salire in pedana visto che viene dato come ben allenato. Dopo la sconfitta nella prima partita giocata contro il San Marino, la formazione felsinea va a far visita ai Warriors Paternò. Gli isolani devono riscattare le tre sconfitte di Nettuno, e nel farlo possono contare su una tradizione che l'ha visti sempre ben comportarsi contro il Bologna. Anche se nel roster, tra indisponibilità per tesseramento, acciacchi e mancati arrivi sono tanti gli elementi che non prenderanno parte alla contesa.
Problemi di formazione non dovrebbe averne più al contrario il Fiume Modena, visti i rientri di Tinti, Garcia Bellizzi, Canate e l'arrivo di Ciavaglia. Si troverà di fronte una T&A San Marino in formazione tipo, con un bullpen rinforzato dall'arrivo di Horn e comunque ancora in essere per quanto concerne future novità. Chiude la giornata la sfida del Reatini che vedrà l'Elettron Anzio a caccia della prima vittoria stagionale. Per farlo si affiderà soprattutto ad Heredia in garauno, sperando anche nel contributo dei rilievi. La Telemarket Rimini ancora non potrà schierare Edmonson e Buccheri, in più è indisponibile Di Pace, ma confida nel resto della squadra e del bullpen, considerato il migliore della serie A, per fare bottino pieno, l'obiettivo principale della trasferta.
Considerato che siamo appena alla seconda giornata, e che la prossima promette ancora più scintille, non sembra un campionato nel quale ci si può annoiare. A patto che come sette giorni fa ci si metta la pioggia. Più che i tabellini, in quel caso sarà necessario consultare le previsioni meteo.

Informazioni su Mauro Cugola 545 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.