Girone A: I Redskins partono in quarta

Weekend con due vittorie anche per Godo e Reggio Emilia

Lanfranchi Collecchio-Oce Redskins Imola 1-8, 6-8
In gara uno i lanci del partende Delgado tengono a bada con molta efficacia le mazze collecchiesi: la prima valida dei locali arriva al sesto inning (alla fine saranno solo due) con Artze, che porta a casa anche l'unico punto della partita, segnato da Romanini (arrivato in base su ball). Discreta comunque la prova del partente del Collecchio Comani (nessun punto guadagnato su di lui), più difficile quella di Baratta. I Redskins passano in vantaggio al terzo con la volata di sacrificio di Weidner, che spinge a punto Alvisi, più il doppio di Smedding e il singolo di Monari. Poi al settimo un triplo a basi piene di Monari vale il 6-1. Al nono ancora singolo di Monari (l'ex bolognese è tra i migliori in campo) e valida finale di Bonci. Nella seconda partita gli ospiti partono forte e alla quinta ripresa sono in vantaggio 5-2: ma a quel punto il partente Trombini crolla e concede i tre punti del pareggio, a cui gli imolesi rispondono immediatamente con tre immediati punti nella ripresa successiva. Inutile al settimo il fuoricampo di Pietro Bologna, autore di tre valide e due punti battuti a casa; ottimo invece per i Redskins il lavoro in rilievo di Bassi. Delgado (tre valide compreso un triplo e due punti battuti a casa) e Bonci (due valide e due punti battuti a casa) le mazze imolesi più pesanti.

La Piada Del Borgo Riccione-Acegas Alpina Trieste 2-1, 11-22
Emozioni ed equilibrio in gara uno: la coppia Cingolani-Del Bianco limita bene le mazze triestine concedendo loro un solo punto, nella seconda ripresa, mentre i due punti decisivi arrivano nell'ottava. Crinelli viene colpito, poi dopo gli strikeout su Napolitano e Giovanelli, Sena ottiene una base ball. Mattia Pandolfi batte allora il singolo del pareggio, poi il fratello Simone quello del vantaggio decisivo. L'Alpina al nono ci prova e mette due corridori in base, con le valide di Zamò e Piani, ma la volata interna di Viezzoli si spegne nel guanto di Pandolfi e il match si chiude. Completamente diversa la seconda partita, durata ben 4 ore e 28 minuti: subito scintille nel primo inning, con nove punti messi a segno da entrambe le compagini. Ma mentre da una parte il partente Vergine si riprende (solo due punti concessi da quel momento in poi), e i rilievi Bari e De Biase chiudono i rubinetti, dall'altra la pioggia di valide continua con sei punti nella settima ripresa e due nella nona. La Piada del Borgo produce un punto al secondo (triplo di Giovanelli) e uno al quarto (volata di Ciociola), ma non basta.

Palfinger Reggio Emilia-Omav Viterbo 2-1, 15-8
La prima partita è decisa dai due punti reggiani al terzo: i laziali provano a rimontare con un punto al quinto, ma non basta. Per i padroni di casa decisiva soprattutto la prova di Uraguchi, autore di due doppi e un singolo, più un punto battuto a casa. Ottimo anche il lanciatore Porco, sul monte per la gara completa. Nella seconda partita successo più netto della Palfinger.

De Angelis Godo-Piccionetti Rosemar 4-2, 8-3
Determinante in entrambe le gare la prova in battuta di Ciaramitaro: ottimo anche Lolio, mentre Gianetti ha chiuso entrambe le gare. Nella prima partita il Godo ha risolto la pratica in quattro inning, passando subito in vantaggio 4-0, poi Gianetti ha chiuso senza intoppi. Più equilibrio iniziale nella seconda partita, poi l’allungo, nato dalle zampate offensive di Lolio e Ciaramitaro chiude il match.

Roma-Finproject Unione Picena 4-7, 12-3
La Finproject chiude il conto nella prima partita con sei punti alla seconda ripresa, la Roma tenta la rimonta nel finale, realizza quattro volte nel nono su lanci di Bassi (sul monte per la gara completa) ma non ce la fa a concretizzare, nonostante le 4 valide (2 doppi e due punti battuti a casa di Bollini). Migliore con la mazza per gli ospiti Temperini: due valide e tre punti battuti a casa. La Roma fa sua la seconda gara segnando 7 punti nelle prime cinque riprese: nel box la parte del leone la fa ancora Bollini (due doppi), più Moscatelli e De Angelis (tre valide a testa, il primo anche 4 punti battuti a casa). Il dominio dei laziali è dimostrato dalle 14 battute contro le 7 degli avversari. Sul monte il vincente è Rossi, ma sono buone anche le prove di Cioni e Romani.

Faliero Sarti Fiorentina-Nettuno 2 14-6, 0-6
Nella prima partita gli ospiti partono con tre punti nel primo inning, ma vengono sepolti dai dieci segnati dagli avversari nelle prime cinque riprese. Sul monte per la Fiorentina è ottima la prova di Parri, che lancia la gara completa, mentre nel box si fanno notare soprattutto Pinto (due valide e tre punti battuti a casa) e Guerra (tre valide e due punti battuti a casa). Netta la superiorità dei toscani in fatto di valide (15-9). Gara due è dominata sul monte da Modica e Francucci, che in due concedono solo 5 valide, senza punti, e mettono a segno 10 k. Decisivi i tre punti segnati dai nettunesi nella seconda ripresa, e i cinque errori totali della Fiorentina. Con la mazza si fa notare soprattutto De Carolis (un doppio e due punti battuti a casa).

Oce Redskins Imola 2-0 (1000), Palfinger Reggio Emilia 2-0 (1000), De Angelis Godo 2-0 (1000), La Piada Del Borgo Riccione 1-1 (.500), Faliero Sarti Fiorentina 1-1 (.500), Finproject Unione Picena 1-1 (.500), Roma 1-1 (.500), Nettuno 2 1-1 (.500), Acegas Alpina Trieste 1-1 (.500), Piccionetti Rosemar 0-2 (0), Omav Viterbo 0-2 (0), Lanfranchi Collecchio 0-2 (0)

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.