New York – Tampa Bay, tocca a voi!

Si apre domani in Giappone la stagione 2004 della Major League

Dov’eravamo rimasti? Già, è vero, a gara-6 delle World Series 2003, poco più di cinque mesi fa. Un 2-0 secco ad opera del 23enne Josh Beckett che azzittisce le mazze newyorchesi regalando il secondo titolo ai suoi Marlins nell’arco di sette stagioni. Ed i ‘poveri” Yankees? Riprendono il discorso proprio da quel 25 ottobre. Tenteranno nuovamente l’assalto per vincere le World Series per la ventisettesima volta ma cominciando da molto lontano. Chi vorrà vedere all’opera i New York Yankees contro i Tampa Bay Devil Rays dovrà alzarsi alle 5 del mattino (negli USA), perché la storica ‘opening game” della stagione 2004 va in scena infatti domani sera al Tokyo Dome, già tutto esaurito, con biglietti schizzati a 250 dollari l’uno e con imponenti misure di sicurezza (oltre 450 poliziotti sorveglieranno lo stadio e zone limitrofe). Toccherà al primo ministro nipponico, Junichiro Koizumi, e all’ex-sindaco di New York, Rudolph Giuliani, effettuare il tradizionale primo lancio. Poi fuoco alle polveri per la gara d’apertura della regular-season nel paese del ‘Sol Levante”. Ma tutti gli occhi dei 55.000 del Tokyo Dome saranno puntati sul ‘figliol prodigo”, quel Hideki Matsui che dopo 10 anni di onorata carriera con gli Yomiuri Giants aveva ceduto nel 2002 alle lusinghe degli Yankees firmando un contratto triennale da 21 milioni di dollari. Joe Torre, per le prime due sfide contro Tampa Bay (si replica mercoledì sempre alle 19 locali), ha promosso Derek Jeter a lead-off, conservandogli anche il posto da interbase titolare, seguito da ‘Godzilla” Matsui e con Alex Rodriguez terzo in battuta, posizionato a difesa dell’angolo caldo. Sconcertato Kenny Lofton dalla decisione di Torre che, dopo 13 stagioni giocate in Major League come primo uomo del line-up, lo ha relegato all’ultimo posto. Sul mound salirà Mike Mussina. Attesa tranquilla per Lou Piniella, manager dei Devil Rays, che si è visto rinnovare il contratto da Vince Naimoli fino al 2006. Già decisa la formazione che andrà in campo per l’opening-day: ad aprire le danze l’esterno Carl Crawford, seguito dal terza base Damian Rolls e dal ‘nostro” Rocco Baldelli. Partente sarà il mancino Geoff Blum.

Informazioni su Filippo Fantasia 656 Articoli
Nato nel 1964 ad Anzio, si occupa di sport USA e in particolare di baseball, pur svolgendo a tempo pieno attività professionale come Ufficio Stampa e Relazioni con i Media italiani e internazionali. Dal 1992 collabora con Il Giornale, in precedenza ha scritto per Tuttosport, La Stampa, Il Resto del Carlino, Il Tirreno, Corriere di Rimini, Guerin Sportivo, Play-off, Newsport, Baseball International, Sport Usa, Tuttobaseball. In ambito radio-televisivo ha effettuato radiocronache e servizi per conto di diverse emittenti quali Radio Italia Solo Musica Italiana, Italia Radio, Radio Luna LT, Radio Enea etc. Ha inoltre condotto programmi e realizzato speciali per alcune televisioni locali: nel 1998 ha curato il video "Fantastico Nettuno" dedicato alla conquista dello scudetto della squadra tirrenica (di cui è stato anche capo ufficio stampa). Significative sono state anche le esperienze vissute personalmente negli USA: gli ottimi rapporti instaurati con gli uffici stampa di diversi club (in particolare dei Red Sox) e con le redazioni dei quotidiani Boston Globe e Boston Herald che gli hanno permesso di approfondire i diversi aspetti legati al baseball e alla comunicazione sui media. E' stato il primo Responsabile Editoriale di Baseball.it, incarico che ha dovuto momentaneamente abbandonare per impegni professionali, tornando poi in seguito per assumere l'incarico di Direttore Responsabile. Nell'ottobre del 1997, durante le finali scudetto, ha curato il primo “play-by-play” in diretta su Internet del baseball italiano. Nell'estate del 1998 ha svolto attività di supporto all'Ufficio Stampa del Campionato del Mondo di baseball, con ampi servizi in voce per Radio Dimensione Suono Network e RDS Roma.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.