Il mercato è in grande fermento

Con l'inizio della nuova stagione sempre più vicino, il mercato di serie A2 vive un momento di grande fermento.Grosse novità a CODOGNO, un club che parlerà ancora più argentino nel 2004. Oltre ai riconfermati fratelli

Con l'inizio della nuova stagione sempre più vicino, il mercato di serie A2 vive un momento di grande fermento.

Grosse novità a CODOGNO, un club che parlerà ancora più argentino nel 2004. Oltre ai riconfermati fratelli Mauro e Ramiro Schiavoni, infatti, approderanno nel Lodigiano il lanciatore Comoglio e il ricevitore Angrisano, proveniente dallo Junior Parma. Arrivi che chiuderanno lo spazio come giocatore straniero all'hawaiiano Joel Lono, che a differenza dello scorso anno è stato tesserato solo come manager e che si concentrerà dunque esclusivamente sulla conduzione tecnica della squadra assieme al pitching coach Angelo Rossi.
Il manager è in attesa di un altro importante colpo di mercato: si parla di un interbase che consenta a Mauro Schiavoni di disimpegnarsi come lanciatore insieme al nuovo arrivato Comoglio. Non ci sarà più infatti il cubano Delgado, mentre Piazzi sembra sulla strada del ritorno a Milano assieme al catcher Anedda; la rosa dei ricevitori sarà dunque composta dal giovane Bulgarelli, riconfermato, e dai nuovi arrivi Angrisano e Luca Talpo, ex C2 aggregato assieme all’esterno Silver Cremonesi, al lanciatore Alessandro Grazioli e agli interni Augusto e Massimiliano Palazzina alla formazione di Lono. Nell’elenco dei catcher non figura più Francesco Bellanova, che ha deciso di abbandonare l’attività, al pari dell’esterno Michele Nani.
Quanto all’annunciato ritorno a casa di Mariano Marchini, dopo la stagione all’Italeri Bologna tormentata dagli infortuni che non gli hanno fatto gustare appieno la gioia dello scudetto, la cosa è assodata a livello federale ma rimane legata appunto al recupero di una condizione fisica accettabile da parte del giocatore, alle prese con problemi alla schiena e alla spalla: anche nella migliore delle ipotesi peraltro Marchini non sarà il lanciatore partente ma si schiererà come esterno e potrà eventualmente essere impiegato come closer.

Novità anche per lo JUNIOR PARMA. Innanzitutto l'accordo commerciale con l'azienda “Gelati Sanson”, nuovo sponsor della squadra. Il manager Roberto Bianchi aveva più volte, durante la pausa invernale, sollecitato il consiglio a cercare rinforzi per il lineup, dopo la notizia che Andrea Bovo e Claudio Mazzoli, due fra le mazze più pesanti dello scorso campionato per i rosso-blu, non avrebbero disputato il campionato 2004 per motivi personali Bovo e per il trasferimento in Francia per Mazzoli.
Non ci sarà più anche Juan Pablo Angrisano, il ricevitore argentino che tanto bene si era comportato lo scorso anno, come già detto approdato al Codogno. Al problema del ricevitore la squadra ha ovviato con il ritorno di Francesco Bellanova che garantisce l'esperienza necessaria anche di supporto alla formazione dei ricevitori più giovani.
L'arrivo più importante è quello di Daniele Saccò, prima base/ricevitore/esterno che lo scorso anno ha militato in serie A1 con Reggio Emilia, e che quest'anno ha deciso di rimanere a Parma per vestire i colori dello Junior. Con il suo arrivo il vuoto apertosi in prima base o alternativamente in campo esterno viene riempito da un atleta che può certamente garantire anche un valido apporto nel box di battuta.

Cambiamenti sul fronte dirigenziale per i REDSKINS IMOLA. Il compito di formare la squadra del 2004 è stato affidato a Luigi Parisini, ex presidente dell'Ozzano Baseball e grande conoscitore del gioco. I dettagli della formazione ancora oggi sono avvolti dal massimo riserbo, anche se già si parla di giocatori provenienza States. Sarà ancora di Marco Avallone il ruolo di manager, coadiuvato dal tecnico cubano dell'Habana Andrès Avelino Rendon Torres. La responsabilità della formazione dei lanciatori della società anche quest'anno è stata affidata a Franco De Marco il quale, reduce dalla sua esperienza cubana dove ha frequentato gli allenamenti delle migliori squadre locali, provvederà all'insegnamento dei pitcher delle giovanili unitamente a Ferrante e ad Andrès Rendon Torres.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.