La Danesi punisce un Ceci falloso

Tre gravi errori ed il Nettuno prende il largo, 7-2 il risultato finale

Serata decisamente negativa per Juan Bautista, il forte interbase del Cantine Ceci ha sulla coscienza buona parte della colpa di questa sconfitta casalinga, ma veniamo al dettaglio dell’incontro.
La Danesi colpiva duro subito, dopo una linea di Schiavetti sul primo lancio, arpionata da Camilli in terza, Tovar spediva la pallina oltre le recinzioni di fondo campo, per il momentaneo 1-0.
Moreno e Ozuna contenevano gli attacchi fino alla quarta ripresa, ma nella parte alta del quinto il Nettuno aumentava cospicuamente il vantaggio.
Dopo due comodi out un clamoroso errore di Bautista, a cui sfuggiva la pallina dal guanto, consentiva a Paoletti di arrivare salvo in prima, e dava il via ad un autentico festival degli orrori.
Due gran doppi di Schiavetti e Tovar portavano a casa due punti, un errore di Camilli allungava la ripresa, un altro errore analogo di Bautista consentiva al Nettuno di segnare il terzo punto, il quarto arrivava su una base per ball a De Franceschi con basi piene, ed il quinto su balk, totale: Nettuno 6 Cantine Ceci 0.
La formazione parmigiana accorciava le distanze al settimo, con due out e corridori in prima e seconda Vasini batteva un triplo a destra che portava la situazione sul 2-6.
Brambilla rilevava Moreno (4bv 3bb 4k 1pgl) all’ottavo, e chiudeva comodamente la ripresa, aiutato dalla difesa che coglieva due corridori fuori base.
La Danesi aumentava in vantaggio al nono grazie ad una volata di sacrificio di D’Auria, a basi piene, che permetteva a Frezza di segnare il punto del 7 a 2.
L’ultimo inning veniva lanciato da Salsiccia che affrontava solo tre battitori, comodamente eliminati dalla difesa.
Il Cantine Ceci è riuscito a perdere battendo più valide (9 a 6) degli avversari, ovviamente pesano come macigni i tre errori commessi in un quinto inning da dimenticare, e comincia a preoccupare lo slump di Camilli e Ceriani, anche stasera deludenti in attacco.
La Danesi ha giocato una buona partita, senza sbagliare niente, aggressiva nel box, tutti aspettavano De Los Santos, invece il pubblico di Parma ha fatto la conoscenza di Edgar Tovar.

Presente sugli spalti il calciatore del Parma, Matteo Brighi, appassionato di baseball e tifoso del Rimini.

Informazioni su Davide Bertoncini 138 Articoli
Davide Bertoncini nasce il 04/12/1974 a S.Secondo (PR), in gioventù pratica gli sport più disparati, ed arriva a conoscere il baseball quasi per caso, a 23 anni dopo essere stato “costretto” da un amico a giocare in una squadra di slow-pitch.Dopo lo smarrimento iniziale Davide si appassiona al gioco e comincia seguire il baseball professionistico americano e in seguito quello italiano.Dopo un anno si ritrova, non per meriti, ma per necessità, a giocare nel “Dopolavoro Ondaemilia” squadra allenata e diretta da Riccardo Schiroli.Vista la passione crescente, Davide si propone di collaborare ad un progetto nato da poco Baseball.it , e dopo qualche mese comincia a scrivere nelle sezione dedicata al baseball USA.In seguito gli viene affidata la gestione di Softball.it, sito gemello di Baseball.it dedicato esclusivamente al softball, e segue come inviato gli Europei Juniores di Chocen ed i Mondiali Seniores di Saskatoon, oltre a vari tornei minori.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.