Il ritorno di Shane Reynolds

L'ex lanciatore degli Astros, approdato quest'anno ai Braves dopo essere stato tagliato da Houston, se la sta cavando egregiamente con la nuova casacca

Quello tra Shane Reynolds e Atlanta ha tutta l'aria di essere un binomio destinato a durare. L'ex lanciatore degli Astros non ha concesso punti in 7 inning e un terzo ai Phillies, portando i Braves alla vittoria 8-1. In assoluto Reynolds non ha ancora concesso punti nei suoi 12 inning giocati dall'arrivo ad Atlanta.

Sempre nella NATIONAL LEAGUE, Sammy Sosa ha raggiunto nella lista dei fuoricampisti di sempre Eddie Murray, con il numero 504 della sua carriera, ma la sua giornata sarà ricordata per la pallina lanciata da Salomon Torres che lo ha colpito in testa, rompendo il casco. Solo paura e niente di grave per Sosa, i cui Cubs sono usciti sconfitti 8-2 dai Pirates.
La gara tra Arizona e Colorado, vinta 1-0 dai Diamondbacks, è stata salvata dal closer di Arizona Matt Mantei, al ritorno da un grave infortunio. Mantei ha eliminato gli ultimi tre battitori con 3 strikeout, arrivando anche a 100 miglia orarie su uno dei lanci.
I Mets hanno rimontato contro il bullpen dei Marlins e sono andati a vincere 7-4 contro Florida. Vance Wilson ha messo a segno un fuoricampo, e Mo Vaughn ha battuto un singolo da due punti nel settimo inning, in cui New York ha segnato 5 volte.
Al termine di una giornata ricca di fuoricampo, i Reds hanno lasciato Portorico con una importante vittoria, 7-5 su Montreal. In tutto sono stati 6 gli home-run che hanno permesso a Cincinnati di interrompere la serie di 5 sconfitte consecutive.
Per i Giants, è arrivata la prima sconfitta esterna dell'anno. Fred McGriff ha portato a casa 4 punti, con 4 valide in 5 turni, e Hideo Nomo ha ottenuto la sua vittoria numero 100 nelle Majors; 16-4 è stato il secco punteggio finale, a favore dei Dodgers.
Keith Ginter, che i Brewers avevano acquisito da Houston lo scorso agosto, ha aiutato Milwaukee ad avere la meglio sulla sua ex squadra, portando a casa 3 punti nella vittoria 5-4 dei Brewers sugli Astros. Il suo singolo nel sesto ha pareggiato la gara, quello nel settimo ha dato a Milwaukee la vittoria decisiva.
Infine, Shawn Chacon e due rilievi hanno messo a segno il 21esimo shutout nella storia di Coors Field, il campo di casa dei Rockies. Colorado, che quest'anno sta avendo un aiuto inaspettato dai suoi partenti, ha sconfitto 8-0 i Padres.

Nell'AMERICAN LEAGUE, Nomar Garciaparra ha messo a segno un fuoricampo in apertura del nono inning, portando i Red Sox alla vittoria 6-5 sui Blue Jays. Stavolta, il tanto bistrattato bullpen di Boston non ha concesso punti in 3 riprese, permettendo ai Sox di recuperare uno svantaggio di 5 punti.
Continua il momento d'oro di Carl Everett, che ha messo a segno un fuoricampo per la quinta gara consecutiva, nella vittoria dei Rangers 2-1 su Oakland. Si tratta già di un record per la squadra texana, che ha vinto per la prima volta dopo 4 sconfitte.
Vittoria numero 700 per Joe Torre alla guida degli Yankees. Ieri New York si è imposta 8-2 sui Twins, per il dodicesimo successo consecutivo contro Minnesota, mentre prima della gara i Bronx Bombers hanno deciso di spedire il cubano Josè Contreras a Tampa, per dell'”extended spring training”.
I fuoricampo di Ellis Burks, Shane Spencer e Karim Garcia, tutti su lanci di Mark Buehrle, hanno portato gli Indians alla vittoria 7-4 sui White Sox, che interrompe la striscia di 4 successi consecutivi di Chicago.
Per i derelitti Tigers è arrivata la 16esima sconfitta in 17 gare stagionali. Questa volta è stato un errore di tiro di Tony Pena, che ha permesso a Desi Relaford di segnare il punto della vittoria nella seconda parte del nono inning. La gara è stata vinta 4-3 dai Royals.
Omar Daal ha interrotto la sua striscia negativa personale, e ha dato agli Orioles la prima vittoria da parte di un partente mancino in quasi due anni. Daal ha concesso solo 5 valide in 7 inning, e grazie anche al fuoricampo di Melvin Mora, Baltimore si è imposta 4-1 su Tampa Bay.
Infine, la mazza di John Olerud ha permesso ai Mariners di recuperare l'ennesimo svantaggio negli inning finali. Il secondo singolo da un punto della partita da parte dell'ex Blue Jays ha permesso a Seattle di segnare il punto decisivo nel successo 7-6 su Anaheim.

Per chiudere, un paio di notizie. Il 24enne accusato di avere tirato il telefono cellulare che sabato ha colpito alla testa Carl Everett rischia di essere accusato di “aggressione con un arma mortale”.
Invece, il tifoso che ha attaccato l'arbitro Laz Diaz, la scorsa settimana a Chicago, ha offerto le sue pubbliche scuse. Mi spiace moltissimo. Mi pento per quello che ho fatto, ha detto Eric Dybas.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.