Gli errori costano la partita alla Faliero Sarti

La Danesi Nettuno approfitta degli errori avversari e di un ottimo Masin sul monte

Partono Ghesini sul monte per la Faliero Sarti Firenze e Masin per la Danesi Nettuno che nei primi tre inning tengono a zero le mazze avversarie.
Primi problemi per Ghesini al secondo inning che mette due uomini in seconda e terza con una base e un pop che cade tra esterno centro e interni di De Franceschi, ma costringe poi Mazzanti L ad un pop sull’interbase. Chiude l’inning Origlia con una lunga volata a sinistra.
Prima valida dell’incontro al secondo inning per Duimovich, seguita da una secca linea di Sforza sul terza base che poi cercando il doppio gioco sbaglia l’assistenza e manda in seconda Duimovich. Ma l’inning si chiude con Pinto al piatto. Al quarto inizia con una valida De Los Santos seguito da Mazzanti G. che spinge De Los Santos in terza e arriva in seconda su errore di Pinto. Le basi si riempiono su un facile pop De Franceschi che cade dalle mani di Neri. Entra il primo punto sulla base ad Origlia. Paoletti batte sull’interbase per quello che sembra un facile doppio gioco, ma ad Osella cade la palla. Sul 2-0 Mastrantonio batte una palla verso l’esterno centro che la perde nel sole ed entrano altri 2 punti. Altro doppio di Schiavetti per il quinto punto ed inning chiuso da una rimbalzante sull’interbase di Tovar. La difesa della Faliero Sarti ancora non supporta il suo lanciatore ed incassa 5 punti senza neanche uno guadagnato sul lanciatore. Rientra in attacco la Faliero Sarti e la ormai famigerata regola del balk fa la sua prima vittima anche qui a Firenze, provocando una lunga contestazione da parte del Nettuno. Banchelli in seconda grazie al balk, va a casa su un doppio (un pop caduto vicino alla linea di foul) di Duimovich, portando il punteggio sul 5-1. Si salva poi il Nettuno grazie ad una buona presa di De Franceschi a destra che assiste poi in seconda. Al quinto il Nettuno va subito in base con valida di De Los Santos . Altro errore del terza base su De Franceschi e uomini in prima e seconda. Lancio pazzo di Ghesini e uomini in seconda e terza e una susseguente palla mancata porta a punto De Los Santos e in terza De Franceschi dopo che il secondo out era arrivato con assistenza terza-prima su Mazzanti L. Si chiude l’inning con Paoletti che batte una rimbalzante sulla seconda, con il punteggio sul 6-1.
Settima segnatura al sesto inning per il Nettuno con una volata di sacrificio di Mazzanti G. che spinge a casa Schiavetti andato in base su errore e poi spinto in terza dalle valide di Tovar e De Los Santos. All’ottavo inning il lungo fuoricampo da un punto di De Los Santos porta la Danesi sull'8-1.
Sempre all’ottavo è la Fiorentina che prova a reagire con tre valide di Romazetti, Nunez e Banchelli che portano a punto lo stesso Romanzetti. Una base a Duimovich riempie le basi ma prima Gentilini batte in diamante e permette l’out forzato a casa base e poi la successiva valida di Pinto porta a casa Banchelli ma la difesa nettunese chiude bene il terzo out con una assistenza Mastrantonio – Mazzanti –Origlia a casa base su Duimovich. Solo due punti per la Fiorentina che si porta sull’8-3.
Al nono la Fiorentina carica le basi con due eliminati battendo due valide con Cortini e Pugliese ma la partita finisce con una buona battuta di Banchelli preso al volo dal sempre ottimo De Franceschi.

In conclusione una gara decisa dal brutto quarto inning in difesa della Fiorentina che peraltro in attacco ha pagato una notevole impazienza al piatto (27 eliminazioni al piatto in due partite sono decisamente troppe).
Il Nettuno da parte sua ha evidenziato un Masin in grande forma ed un attacco sempre pronto ad approfittare delle opportunità che gli si presentano, oltre ad un De Los Santos che forse e’ un po’ lento in difesa ma ha un giro di mazza di un altro pianeta.

Avatar
Informazioni su Ivano Luberti 324 Articoli
Ivano è cresciuto in Maremma dall'eta' di 6 anni e ha visto la sua prima partita di baseball a 9 anni. Ha abbandonato la sua passione per il batti e corri a 19 anni quando si è trasferito a Pisa per l'Universita' e lo ha riscoperto dieci anni dopo quando ha cominciato ad utilizzare Internet per lavoro. Si definisce uno spettatore informato con una logorrea innata che ha deciso di sfogare scrivendo qualche articolo, dopo che il forum di Baseball.it non gli bastava piu'. Laureato in Scienze dell'Informazione e informatico di professione crede nella cooperazione al punto di aver fondato una cooperativa a Pisa, città dove risiede e che purtroppo è un deserto per lo sport che ama.

Commenta per primo

Lascia un commento