Un altro infortunio per Ken Griffey Jr.

La stella dei Reds si lussa una spalla nella gara persa da Cincinnati contro i Cubs

Continua la serie di infortuni di Ken Griffey Jr.. L’esterno dei Reds, che dal suo arrivo a Cincinnati non è mai riuscito ad esprimersi al meglio a causa di una serie di problemi fisici, si è lussato una spalla nel corso della gara persa ieri dai Reds, 9-7, contro i Cubs. L’ex stella dei Mariners, infortunatasi nel tentativo di effettuare una presa in tuffo, è stata portata in ospedale per sottoporsi a degli esami, e di sicuro Griffey dovrà rimanere fuori per un lungo periodo di tempo.

Nelle altre gare della NATIONAL LEAGUE, Tom Glavine ha ottenuto la prima vittoria con la casacca dei Mets. Dopo la pessima prova d’esordio con New York, l’ex lanciatore dei Braves ha guidato la sua nuova squadra al successo 3-1 contro gli Expos, concedendo un solo punto in 5 inning e 2 terzi.
Ancora una volta, Brad Ausmus si è calato nel ruolo dell’eroe, per gli Astros. Per il secondo giorno consecutivo, il catcher di Houston ha portato a casa il punto decisivo per i suoi: dopo aver messo a segno un fuoricampo nel 12esimo inning venerdì, ieri Ausmus ha dato agli Astros la vittoria 2-1 sui Cardinals con un singolo nella nona ripresa.
E’ terminata la serie positiva di inizio stagione dei Pirates, e non c’è stata storia. Finalmente i Phillies hanno mostrato la loro potenza offensiva, dominando Pittsburgh 16-1; Jimmy Rollins ha messo a segno 5 valide e portato a casa 3 punti, ma il partente Kevin Milwood ha lasciato la gara in anticipo per un problema all’inguine.
Grazie anche ad un altro fuoricampo di Benito Santiago, i Giants hanno vinto la quinta gara consecutiva, sconfiggendo 6-5 i Brewers. San Francisco ha vinto tutte le partite finora disputate quest’anno, mentre Milwaukee è ancora a secco di successi.
L’inizio stagione di Greg Maddux è, per il giocatore, il peggiore negli ultimi 14 anni. Il partente numero uno dei Braves ha concesso tre fuoricampo e ben 9 punti in 2 sole riprese, e Atlanta è stata sconfitta 17-1 da Florida, che in tutto ha messo a segno ben 17 valide.
Il doppio di Preston Wilson nel decimo inning ha portato i Rockies alla vittoria 4-3 sui Diamondbacks. La battuta decisiva è arrivata con Miguel Batista sul monte, con un eliminato nella decima ripresa, dopo la base-ball ottenuta da Todd Helton.
Infine, Brian Lawrence ha dominato sul monte per otto riprese, mettendo in ombra il suo avversario diretto Hideo Nomo. I Padres hanno così sconfitto Los Angeles 3-0, con Lawrence che ha concesso solo 4 valide in giornata.


Nell’AMERICAN LEAGUE, i Red Sox hanno pagato ancora una volta la cronica debolezza del loro bullpen. La gara iniziata con il duello sul monte tra Pedro Martinez e Jason Johnson è stata decisa quando Chad Fox ha concesso una base-ball con i cuscini pieni a Tony Batista nel nono inning, e gli Orioles hanno così sconfitto Boston 2-1.
E’ arrivata la prima sconfitta dell’anno degli Yankees, e a provocarla sono stati i Devil Rays, che per sconfiggere New York hanno rimontato nella seconda parte del nono inning. Il singolo di Al Martin con un eliminato ha portato a casa il punto vincente, e Tampa Bay si è imposta 6-5.
Adam Piatt ha sfruttato al meglio una delle sue poche occasioni di essere in campo da titolare. L’esterno di Oakland ha battuto un doppio e un fuoricampo, che hanno permesso agli Athletics di sconfiggere gli Angels 4-2. John Halama, partente di Oakland, non ha concesso punti guadagnati in 5 inning e due terzi.
Dopo aver perso 100 partite la scorsa stagione, i Royals hanno iniziato il 2003 vincendo la prime 5 gare dell’anno, per la prima volta nella loro storia. Runelvys Hernandez, che già aveva sconfitto i White Sox nella partita d’apertura, ha concesso solo 2 valide in 7 riprese agli Indians, battuti 2-1 da Kansas City.
Nel freddo polare di Chicago, i White Sox hanno mandato sul monte Mark Buehrle, lanciatore noto per il suo ritmo elevato in pedana. Buehrle ha risposto con solo 3 valide concesse in 7 riprese, e Chicago ha sconfitto Detroit 7-0, grazie anche ai fuoricampo di Sandy Alomar Jr., Frank Thomas e Josè Valentin.
Al termine di una serata per lui negativa, il fuoricampo di Josh Phelps con un eliminato nella prima parte dell’11esimo inning, su lancio di Eddie Guardado, ha regalato a Toronto la vittoria 4-3 su Minnesota. Phelps era andato lungo anche nella gara di venerdì.
Infine, continua l’ottimo inizio stagione di Juan Gonzales. L’esterno dei Rangers ha messo a segno due fuoricampo nella vittoria di Texas 8-4 su Seattle. Hank Blaylock ha aggiunto 4 valide e un home-run, per i texani.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.