Pedro Martinez già in forma campionato

Il dominicano di Boston lancia 5 riprese e porta i suoi alla vittoria in amichevole

Buona prova, quella di ieri, per Pedro Martinez. Il pitcher dei Red Sox ha lanciato la sua miglior gara stagionale, rimanendo sul monte per 5 inning nella vittoria di Boston 5-3 su Detroit.
Si allungano le presenze sul monte dei partenti, con l’avvicinarsi della regular season, e ieri è andato bene anche David Cone, che tenta l’ennesimo rientro. L’ex Yankee ha concesso 1 punto in 4 inning ai Devil Rays, e i Mets si sono imposti 8-2 su Tampa Bay.
Horacio Ramirez, in lizza per il quinto posto nella rotazione dei Braves, ha vinto la sua quarta gara stagionale, guidando Atlanta al successo 6-3 sugli Expos.
Roy Halladay, invece, non ha concesso punti in sei riprese, ma i suoi Blue Jays hanno perso 1-0 contro i Phillies.

Sui campi dell’Arizona, Sammy Sosa ha messo a segno il suo secondo home-run dell’anno, nella vittoria 6-4 dei Cubs sui Padres.
I fuoricampo di Josè Cruz Jr. e Rich Aurilia hanno permesso ai Giants di sconfiggere i Rockies 10-6, mentre, grazie anche al grande slam di David Dellucci, Arizona ha avuto la meglio su Milwaukee 15-2.
Inoltre, grazie agli home-run di Eric Byrnes, Adam Melhuse e Bobby Crosby, gli Athletics hanno sconfitto 8-5 i Mariners.

Sarà Hideo Nomo il partente dei Dodgers per la gara d’apertura della stagione, il prossimo 31 marzo contro Arizona e Randy Johnson. Lo ha annunciato ieri il manager di Los Angeles Jim Tracy.
Lo skipper degli Athletics Ken Macha ha invece ufficializzato ieri la nomina di John Halama a quinto partente.

Il closer dei Cardinals Jason Isringhausen, ancora in fase di recupero dopo l’operazione alla spalla della offseason, non lancerà in amichevole fino alla prossima settimana, e potrebbe aprire la regular season in lista infortunati.
Potrebbe saltare i primi giorni della stagione anche l’esterno dei Royals Carlos Beltran, che è fermo dal 10 marzo a causa di uno stiramento ai muscoli laterali.
Inoltre, il pitcher dei White Sox Danny Wright, che all’inizio dello spring training era un dei candidati per il quarto posto nella rotazione di Chicago, è risalito sul monte ieri per la prima volta dal 4 marzo. Wright è rimasto fermo a causa di un’infiammazione al gomito.
Il mancino dei Rockies Danny Neagle, invece, ha effettuato ieri una serie di lanci nel bullpen , e le sue condizioni saranno rivalutate oggi. Neagle ha saltato la sua ultima prevista uscita a causa di un dolore al gomito.

I Mariners hanno tagliato il lanciatore Norm Charlton, ma hanno offerto al 40enne un posto nella dirigenza della società, nel settore dello sviluppo dei giocatori.
I Rangers hanno mandato il catcher Gerard Laird al camp di minor league.
Il pitcher degli Yankees Sterling Hitchcock ha invece detto ieri che si aspetta di essere ceduto, vista l’abbondanza di lanciatori partenti nel roster di New York.
Sempre dai ‘Bronx Bombers” arriva la notizia della scomparsa dell’ex interbase Joe Buzas, 84 anni.

Sono state presentate ieri al comitato apposito le candidature di Washington e Portland, le due città favorite per ospitare gli Expos a partire dalla prossima stagione. I rappresentanti della capitale hanno detto che la città è disposta a pagare una percentuale variabile dal 50 all’80{8c41107f3fabdf2bf36e3f6ad18663538ab5fb69af5705122daafe8cdfe71b4f} dei costi per un nuovo stadio, mentre quelli di Portland hanno ribattuto di essere pronti a spendere 300 milioni di dollari per un nuovo impianto. Secondo il numero due delle Majors Bob DuPuy, la decisione definitiva sarà raggiunta presto.
Arriverà invece la prossima settimana, prima dell’opening day, la decisione dell’Associazione Giocatori relativa alla proposta delle Majors di conferire il vantaggio campo nelle World Series alla lega che vince l’All-Star Game.

Per problemi nella preparazione del campo, gli Orioles hanno spostato da Camden Yards a Fort Lauderdale l’amichevole del 28 marzo contro i Mets. L’impianto casalingo di Baltimore sarà sicuramente pronto per l’inizio della stagione regolare.
Infine, gli Astros hanno reso noto che, prima dell’inizio della gara del primo aprile che apre la loro stagione, ricorderanno i 7 astronauti morti nella tragedia dello Shuttle Columbia.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.