Il Riccione ancora sul mercato

Alle perdite di Patrone e Romanzetti la società adriatica risponde con diversi prestiti in “riva all'adriatico”. I fratelli Longoni annunciano un anno di stop.

A poco più di un mese dall'inizio del Campionato il Riccione Baseball è ancora alla ricerca di diversi giocatori da inserire in un roster incompleto.
Il problema più grosso da risolvere era sicuramente il sostituto di Sandy Patrone (13 vittorie e 8 sconfitte nel 2002) che in questo Campionato giocherà in A1 con il Rimini.
I dirigenti adriatici hanno coperto il buco con il riminese Daniele Del Bianco e il prestito, da San Marino, di Luca Achilli (10 riprese lanciate nel 2002).
Sono poi stati riconfermati Andrea Palumbo -secondo lanciatore del 2002 con 21 incontri-, Simone Pandolfi -usato nello scorso Campionato principalmente come rilievo- e Gilberto Zucconi che avrà anche un ruolo da pitching coach.
La società adriatica sta comunque saggiando il mercato con l'intento di affiancare al roster un altro lanciatore di rilievo.
Conferma anche per Mattia Pandolfi che, insieme a Michelangelo Pari in prestito da Rimini, formerà la batteria dei ricevitori.
Dovrebbe invece essere un dominicano a rilevare all'interbase Marco Romazetti che ha accettato le offerte della Faliero Sarti Firenze per giocare il massimo Campionato, mentre dal San Marino è stato acquisito sotto forma di prestito il seconda base Luca Magnani (5 errori per una media difesa di 932 nello scorso Campionato).
La rinuncia all'ultimo minuto di Michele Longoni ha invece aperto un “buco” nell'angolo caldo del terza base che nei prossimi giorni si cerchera' di ricoprire come pure nel campo esterno dove Davide Frau, lo scorso anno al San Marino, si aggiungerà ai riconfermati Cristian Giovannelli e Riccardo Gambella.
Lucio Longoni ha invece annunciato l'intenzione di non partecipare al Campionato 2003.

Informazioni su Alessandro Labanti 936 Articoli
Webmaster e responsabile del dominio Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.