Coni: tetto agli extracomunitari e via ai test sangue-urine

Lo ha deciso la giunta nazionale. La proposta sarà girata al Ministero dei Beni Culturali

Tetto agli extracomunitari e via al test sangue-urine. Le novità sono state decise dalla giunta nazionale del Coni. Saranno 1850 gli atleti extracomunitari per la prossima stagione sportiva. Nel corso della riunione al Foro Italico la giunta ha ultimato la proposta che sarà ora sottoposta al consiglio nazionale prima di essere inviata al ministero dei Beni Culturali che poi dovrà approvarla con un decreto ministeriale. All'interno della cifra complessiva, definita in base alle esigenze presentate dalle diverse federazioni, 40-60 unità sono state considerate per soddisfare eventuali esigenze future che si dovessero presentare.

L'altra novità riguarda il doping: partirà infatti subito la campagna sperimentale di test sangue-urine. In merito invece alle scommesse-concorsi-pronostici la giunta Coni e il consiglio nazionale in programma nella giornata di mercoledì avanzeranno la proposta di riportare al Comitato olimpico la gestione dei giochi sul calcio ma non sarà “muro contro muro” ha detto il presidente del Coni, Gianni Petrucci, “il Coni non si schiera contro il Ministero dell'Economia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.