Le ultime modifiche ai Campionati?

Ridisegnate parzialmente le Categorie giovanili. Serie B con il “legno” già da quest'anno e C1 con doppio incontro nel 2004

Nella giornata di ieri si sono registrate nuove richieste di modifiche ai Campionati agonistici del 2003.
Ha esordito la Commissione Giovanili che nella mattinata, durante un incontro con il Presidente Federale Fraccari, ha richiesto di mettere mano alle categorie giovanili.

Come affermato dal Presidente della Commissione Paolo Castagnini -raggiunto telefonicamente- “Il problema da risolvere era quello di dare un impulso per un miglioramento tecnico dei campionati come richiesto dal Presidente e come era stata data indicazione dal Consiglio Federale di Rimini, senza però trascurare le problematiche in termine di “numeri” che attanagliano le società italiane“.

Dopo un dibattito molto intenso, ma nello stesso tempo molto costruttivo, l'Assemblea -nella quale erano presenti anche i 2 Vicepresidenti Fochi e Scardino- ha deciso di “rimodellare” le norme uscite dal Consiglio Federale di Rimini dello scorso dicembre optando per un “allungamento” di un anno delle giovanili accompagnate da un restringimento delle categorie “allievi” e “cadetti”.
Il 25 gennaio il Consiglio Federale dovrebbe quindi decidere definitivamente fissando la Categoria Ragazzi (per tesserati fino ai 12 anni di età), la Categoria Allievi (13-14 anni), la Cadetti (15-16) e la Juniores che è stata “ampliata” fino ai 19 anni.
Rimane comunque la possibilità di far disputare la Categoria superiore agli atleti dell'ultimo anno ampiando ulteriormente le opzioni a disposizione delle società sportive.
Castagnini si è detto “molto soddisfatto dell'incontro poichè si è cercato di risolvere i problemi senza però perdere di vista l'aspetto tecnico. Vorrei inoltre enfatizzare il risultato per la categoria “allievi”, sperimentata lo scorso anno con buoni risultati. Si è voluto dal 2003 far diventare questa categoria indipendente dalle altre ma evidentemente il problema era riuscire ad inserirla nel contesto agonistico senza frammentare troppo le giovanili, causa questa che potrebbe portare problemi di composizione delle squadre. Ora, naturalmente dopo che il Consiglio Federale darà o meno la sua approvazione, non resta che aspettare i risultati del “campo” che, crediamo noi tutti, saranno positivi.
Bisognerà quindi attendere che le modifiche vengano deliberate nonchè regolamentate dagli organi competenti.
A venti giorni giorni dalla chiusura delle iscrizioni ai Campionati il Presidente Fraccari -anch'esso raggiunto telefonicamente- potrebbe valutare un allungamento dei termini di iscrizione così da consentire a tutte le società di rientrare nei tempi.
Ultima norma approvata nell'incontro, ma non per ordine d'importanza, è stata la possibilità per i Comitati Regionali di utilizzare le deroghe anche per le categorie cadetti e allievi mentre sarà tutta da studiare e regolamentare la formula per la partecipazione ai Titoli Nazionali per le formazioni che si aggiudicheranno i propri gironi.
A tal proposito la Commissione Giovanili lavorerà in sinergia con la Commissione Organizzazione Gare.
Sempre a Bologna ma presso l'”Albergo del Pallone” si è invece svolto l'incontro tra il Presidente Fraccari e le società di Serie B e C1.
Anche in questo caso sono state fatte diverse richieste che saranno sottoposte al Consiglio Federale.
La Serie B (presente all'unanimità) ha chiesto di rallentare la ristrutturazione del Campionato -che prevedeva uno “smagrimento” a 32 squadre nel 2004- disputando nei prossimi 2 anni un Torneo a 40 formazioni.
Ha invece richiesto di accelerare l'introduzione della mazza di legno già dal Campionato 2003.
La neonata Serie C1 si è invece detta disposta a disputare 2 incontri da 7 inning dal Campionato 2004 che vedrà la partecipazione di ben 48 formazioni.

Informazioni su Alessandro Labanti 936 Articoli
Webmaster e responsabile del dominio Baseball.it

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.