I Rangers si affidano a Thomson

L'ex Rockies e Mets sarà un loro partente. Sempre più intensi gli scambi con il Giappone

L'intento dei Texas Rangers è quello di rinforzare lo staff di lanciatori e in quest'ottica l'accordo con John Thomson rappresenta una mossa interessante.
29 anni, una stagione spesa tra Colorado e New York Mets, Thomson è un solido partente che ha messo assieme nel 2002 i migliori numeri della sua carriera. Ovvia la soddisfazione del management di Arlington per l'accordo di un anno.

Un altro buon colpo lo hanno messo a segno gli A'S, che hanno ottenuto dai Padres l'emergente pitcher Jeremy Fikac (27 anni) in cambio di un giocatore da nominare successivamente.
Sempre a proposito di lanciatori, i Cubs hanno messo sotto contratto per un anno il rilievo veterano Dave Veres (36 anni).
I Mariners hanno invece aggiunto una mazza alla panchina. Si tratta di Greg Colbrunn (33 anni) che ha firmato per 2 stagioni.

Sono sempre più intense intanto le relazioni con il Giappone.
Dopo l'arrivo della super star Hideki Matsui, che giocherà con gli Yankees, e il ritorno in patria dei lanciatori Mac Suzuki (Kintetsu) e Hideki Irabu (Hanshin), prende la via del Sol Levante anche un americano.
Si tratta del lanciatore di 27 anni Brandon Knight, che dopo qualche apparizione in Major con gli Yankees ha firmato per i Fukuoka Daiei Hawks.
Sogna l'America invece il 'closer' Akinori Atsuka, che i Kintetsu Buffaloes stanno pensando di mettere sul mercato.
Il progetto di sbarcare in Major lo ha invece dilazionato di almeno un anno il fortissimo interbase dei Seibu Lions Kazuo Matsui (27 anni), che ha firmato un contratto annuale da 350 milioni di Yen (più o meno 2.8 milioni di euro) ed è da oggi il giocatore più pagato della storia del club.
Il 'piccolo Matsui' lo scorso anno ha chiuso con una media di 332, 36 fuoricampo e 33 basi rubate.

Informazioni su Riccardo Schiroli 1196 Articoli
Nato nel 1963, Riccardo Schiroli è giornalista professionista dal 2000. E' nato a Parma, dove tutt'ora vive, da un padre originario di Nettuno. Con questa premessa, non poteva che avvicinarsi alla professione che attraverso il baseball. Dal 1984 inizia a collaborare a Radio Emilia di Parma, poi passa alla neonata Onda Emilia. Cresce assieme alla radio, della quale diventa responsabile dei servizi sportivi 5 anni dopo e dei servizi giornalistici nel 1994. Collabora a Tuttobaseball, alla Gazzetta di Parma e a La Tribuna di Parma. Nel 1996 diventa redattore capo del TG di Teleducato e nel 2000 viene incaricato di fondare la televisione gemella a Piacenza. Durante la presentazione del campionato di baseball 2000 a Milano, incontra Alessandro Labanti e scopre le potenzialità del web. Inizia di lì a poco la travolgente avventura di Baseball.it. Inizia anche una collaborazione con la rivista Baseball America. Nell'autunno del 2001 conosce Riccardo Fraccari, futuro presidente della FIBS. Nel gennaio del 2002 è chiamato a far parte, assieme a Maurizio Caldarelli, dell'Ufficio Stampa FIBS. Inizia un'avventura che si concluderà nel 2016 e che lo porterà a ricoprire il ruolo di responsabile comunicazione FIBS e di presidente della Commissione Media della Confederazione Europea (CEB). Ha collaborato alle telecronache di baseball e softball di Rai Sport dal 2010 al 2016. Per la FIBS ha coordinato la pubblicazione di ‘Un Diamante Azzurro’, libro sulla storia del baseball e del softball in Italia, l’instant book sul Mondiale 2009, la pubblicazione sui 10 anni dell’Accademia di Tirrenia e la biografia di Bruno Beneck a 100 anni dalla nascita. Dopo essere stato consulente dal 2009 al 2013 della Federazione Internazionale Baseball (IBAF), dal giugno 2017 è parte del Dipartimento Media della Confederazione Mondiale Baseball Softball (WBSC). Per IBAF e WBSC ha curato le due edizioni (2011, 2018) di "The Game We Love", la storia del baseball e del softball internazionali.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.