American League: festeggiano Oakland e Anaheim

E’ stata la notte dei verdetti, nella AMERICAN LEAGUE.La divisione Ovest, l’ultima a dirci com’è finita, ha negli Oakland A’s i suoi campioni ed esprime con certezza la wild card, che va ad Anaheim. Gli

E’ stata la notte dei verdetti, nella AMERICAN LEAGUE.La divisione Ovest, l’ultima a dirci com’è finita, ha negli Oakland A’s i suoi campioni ed esprime con certezza la wild card, che va ad Anaheim. Gli Angels sono usciti da un incubo e, dopo quattro sconfitte consecutive e il paventato tentativo di rimonta di Seattle, hanno battuto 10-5 i Rangers e conquistato i playoff che mancavano dal 1986.Troppo cocente, nel 1995, era stata la beffa dell’ultimora ad opera proprio dei Mariners, con Garret Anderson e Troy Percival che giocavano la loro prima stagione da matricole. Questa notte tutto si è messo a posto, quando nel quinto inning, sul punteggio di 2-2, Tim Salmon ha battuto una valida in campo interno che ha rotto l’equilibrio, prima che arrivasse a chiudere proprio Anderson con un fuoricampo da tre. Ma, in caso di sconfitta, la squadra di Anaheim sarebbe lo stesso in grado di festeggiare, perché proprio contro gli A’s si è spezzato il sogno dei Mariners. Miguel Tejada (seriamente candidato al titolo di MVP) ha pareggiato l’incontro con un fuoricampo nel nono inning e nel decimo ci ha pensato Scott Hattebberg, con un doppio da due punti in situazione di due out, a laureare se stesso e i propri compagni campioni della division. Le due squadre californiane hanno di che festeggiare, ma già da settimana prossima inizierà la fase più attesa della stagione: nella AL si sfideranno per la corsa al pennant A’s e Twins, già da tempo trionfatori della divisione Central e Angels e Yankees, pluricampioni ad Est.

Dettagli importanti sono arrivati anche nella NATIONL LEAGUE, dove i campioni di Arizona hanno messo in tasca una vittoria preziosissima contro Colorado, soprattutto per cacciare gli spettri di una crisi dell’ultimo momento con i Giants alla finestra. Chi meglio di Randy Johnson poteva rendersi utile allo scopo? The Big Unit ha concesso solo sei valide nell’intera partita, permettendo ai suoi di vincere per 4-2 e tenere Bonds e soci a 2 partite e ½ di distanza. Johnson ha toccato quota 24 vittorie, superando il collega Schilling sul tetto delle Majors. I suoi impressionanti numeri di stagione regolare lo vedono dominare anche nel conto degli strikeouts (334, 8 ieri) e per la media Era più bassa (2.32). Se, come sembra oggi più probabile, fosse Arizona a laurearsi campione della Nl Ovest, i Cardinals sono pronti ad incrociare i guantoni. Manca solo un tassello, quello della Wild Card. San Francisco non giocava, mentre Los Angeles ha approfittato per rosicchiare mezza gara e portarsi a 2 punti e ½ di distanza. Un'altra volta, i Dodgers devono dire grazie a Brian Jordan, che ha battuto a casa il punto vincente nell’ottavo inning contro i Padres, dopo che Marquis Grissom, appena tre turni prima, era riuscito a riacciuffare il pareggio con un fuoricampo. La vittoria finale è stata di 6-5, con un contributo decisivo in attacco anche di Hideo Nomo, autore di un home run.

Informazioni su Emiliano Raccagni 119 Articoli
26 anni, collaboratore baseball Usa

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.