Semifinali, cambio di campo

Le serie si spostano a Nettuno e Grosseto, che cercheranno di sfruttare il vantaggio di giocare in casa

Il fattore campo sarà ancora determinante? E’ l’interrogativo della vigilia di questo trittico di partite, gara tre-quattro-cinque, che lunedì sera vedrà di nuovo affrontarsi le migliori quattro del campionato regolare.
La Danesi Nettuno in casa dell’Italeri Bologna è crollata in garauno ed ha fallito anche l’obiettivo minimo della singola vittoria al Gianni Falchi cedendo la seconda. I campioni d’Italia, apparsi nervosi e deconcentrati, adesso sono con le spalle al muro e se vogliono sperare ancora devono affidarsi a Vigna e cercare di portarsi innanzitutto sul 2 a 1 in garatre e sperare, martedì sera, in una prestazione diversa da parte di Ventura. Il tutto magari supportato da un attacco sinora assolutamente deficitario, appena sette valide in diciotto inning. Dall’altro fronte l’Italeri ha dalla sua il morale alle stelle e tutta l’inerzia della serie, sulla scorta delle due affermazioni del week end e l’attacco che gira a dovere. Senza stare a fare troppi calcoli, la formazione di Mazzotti può chiudere la serie già a Nettuno, o comunque tornare a Bologna in vantaggio e far valere il fattore campo, che sino a questo momento non ha tradito. Giusto andarci con le molle, ma da una situazione tale l’arrivare a pensare in negativo è solamente un esercizio di pessimismo.
Almeno sulla scorta di quanto visto nelle prime due partite, l’altra semifinale, quella che vede di fronte La Gardenia Grosseto e la Semenzato Rimini, appare decisamente più aperta nel pronostico. I romagnoli si sono imposti per due volte ma di misura. Anche qui, come già detto per l’altra sfida, determinante sarà garatre di lunedì. Da una parte sul monte salirà Joseph Moceri, autore già di una salvezza sabato sera, dall’altra dovrebbe essere il turno di Vitale, ex Caserta, che chiamato a disputare questi play off si troverà sulle spalle le speranze della sua squadra di rimanere in ballo per entrare in finale. Poi da martedì si ricomincia il giro dei lanciatori. Per la formazione di Romano può valere lo stesso identico discorso fatto per l’Italeri. Si può chiudere subito, o tornare in Romagna in vantaggio, comunque da favoriti.
E tra le tante incognite di questo secondo turno di play off, sicuramente c’è anche quella legata alle previsioni atmosferiche. Su tutta Italia imperversa una fastidiosa perturbazione che potrebbe guastare le serate allo Iannella e allo Steno Borghese, causando rinvii al pomeriggio del giorno successivo. Speriamo che il tempo regga e ci faccia godere lo spettacolo.

Informazioni su Mauro Cugola 545 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.