Gli Angels raggiungono gli Athletics

Anaheim corona la difficile rincorsa su Oakland con la vittoria di ieri

Oakland non crede ai propri occhi. Pur avendo infilato una serie di 20 successi consecutivi, terminata la scorsa settimana, sono bastate 3 sconfitte nella serie di 4 gare contro gli Angels perché Anaheim raggiungesse gli Athletics nella graduatoria della AMERICAN LEAGUE West. Ieri, nell’ultima partita della serie, è stato il singolo di Scott Spezio con due eliminati nel nono inning a dare agli Angels il successo sui rivali al termine di una sfida combattuta fino all’ultimo; Anaheim ha ora vinto 13 delle ultime 14 gare disputate, e si prepara ad altre quattro sfide dirette contro i rivali californiani a partire da lunedì prossimo.
Nel frattempo continua, apparentemente inarrestabile, la caduta libera dei Mariners, che hanno subito il ‘cappotto” nella serie di 4 gare contro i Rangers, fanalino di coda della West division; ieri Herbert Perry ha messo a segno 3 valide in 4 turni per Texas, che è andata a vincere 7-3 completando il primo ‘cappotto” in 10 anni ai danni di Seattle, finita a 7 gare di ritardo dai leader della corsa alla Wild Card Oakland e Anaheim.
Gli Yankees hanno completato il cappotto nella serie di 4 gare contro Baltimore; David Wells ha guidato per la quarta volta quest’anno New York al successo contro gli Orioles, 7-3, ma per i Bronx Bombers la partita è stata segnata dall’infortunio al polso occorso a Jason Giambi, colpito da una pallina. I Red Sox, che ormai hanno perso le speranze di agganciare New York nella East division, hanno mantenuto a 7 gare e mezzo il loro ritardo dalla testa della corsa alla Wild Card con la vittoria 6-5 sui Devil Rays; Boston ha segnato 4 volte nella nona ripresa, ottenendo il vantaggio decisivo grazie al singolo da due punti di Trot Nixon, ed ha così completato il cappotto nella serie di 4 partite contro Tampa Bay.
Gli Indians hanno ritardato di qualche giorno la festa dei Twins per la conquista matematica della Central division; Cleveland ha sconfitto Minnesota 5-4, segnando 4 volte nel settimo inning, con 3 punti entrati sul doppio di Omar Vizquel.

Gara 1 della serie al vertice della NATIONAL LEAGUE Central ha visto la vittoria 6-3 degli Astros, che hanno fermato la striscia vincente dei Cardinals che durava da 8 gare, e hanno ridotto a 5 lunghezze e mezzo il loro ritardo da St.Louis in classifica. Josè Vizcaino ha messo a segno un fuoricampo da tre punti per Houston nell’ottavo inning, in cui gli Astros hanno segnato 4 volte; con Los Angeles e San Francisco entrambe sconfitte, i texani hanno anche ridotto a 4 gare e mezzo il loro ritardo dalla testa della corsa alla Wild Card.
I Giants hanno subito la seconda sconfitta consecutiva, grazie al singolo della matricola Sean Burroughs con due eliminati nel decimo inning, che ha permesso a San Diego di segnare il punto della vittoria 3-2 su San Francisco. E’ diventato così di 7 gare lo svantaggio di Barry Bonds e compagni sui Diamondbacks nella graduatoria della West division, visto che Arizona usufruiva ieri di una giornata di riposo; in testa alla classifica per la Wild Card, i Dodgers sono rimasti appaiati ai Giants, a causa della sconfitta 7-1 subita ieri contro i Rockies, per cui il partente Danny Stark ha concesso solo 2 valide in 7 inning. L’unico punto per Los Angelus è entrato sul 42esimo fuoricampo stagionale di Shawn Green.
Infine, da segnalare che i Braves, già campioni della East division, ieri erano a riposo, mentre Cubs e Reds hanno disputato una delle gare più ricche di segnature dell’anno, finita 15-12 a favore di Cincinnati.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.