4 luglio dolceamaro per gli Yankees

Raul Mondesi batte il primo fuoricampo con la nuova maglia, ma Derek Jeter si procura un infortunio al ginocchio

14 partite sono state disputate ieri nelle Majors, e molte hanno avuto come contorno cerimonie a sfondo patriottico, in occasione del 4 luglio, la festa dell’indipendenza americana:

Nell’AMERICAN LEAGUE, nella gara che ha visto gli Yankees avere la meglio sugli Indians per 7-1 si è chiusa a 7 la striscia di partita consecutive con un fuoricampo di Jim Thome; per New York, è arrivato il primo home-run con la nuova casacca di Raul Mondesi, e Jason Giambi ha aggiunto un altro fuoricampo, da tre punti, mentre Derek Jeter ha subito una lieve distorsione al ginocchio.
I due punti battuti a casa da John Olerud, ottenuti entrambi su un doppio nell’ottavo inning, hanno portato i Mariners alla vittoria 2-1 sui Twins; Charles Gipson ha segnato il punto del pareggio per Seattle, poi ha messo a segno una gran presa nel nono, all’esterno sinistro, sulla battuta di Bobby Kielty.
I Red Sox hanno ottenuto il loro primo cappotto in 13 anni in una inusuale serie da 5 gare, sconfiggendo i Blue Jays 7-5; il partente di Boston Derek Lowe ha ottenuto la dodicesima vittoria dell’anno, concedendo 5 punti e 7 valide in 6 inning e 2 terzi, mentre Nomar Garciaparra ha portato a casa 4 punti.
Steve Sparks ha vinto per la prima volta in 6 partenze dal 19 maggio, e i Tigers si sono imposti 6-5 contro i White Sox, recuperando uno svantaggio iniziale grazie ai 4 punti segnati nell’ottava ripresa approfittando del crollo del bullpen di Chicago. Sparks, lanciatore di knuckleball, ha concesso 5 punti e 4 valide in 7 inning, con ben 7 basi-ball.
Gli Athletics hanno avuto la meglio 3-2 sui Royals; il punto decisivo è entrato nella seconda parte della nona ripresa, quando Raul Ibanez non è riuscito a controllare la rimbalzante di Scott Hatteberg con le basi riempite in precedenza dalle valide di Terrence Long e Olmedo Saenz e dalla base-ball concessa a Greg Myers.
Gary Matthews Jr. ha messo a segno un doppio da due punti, e Marty Cordova ha battuto 3 valide in 3 turni, portando gli Orioles alla vittoria 7-2 sugli Angels. La matricola 30enne di Baltimore Travis Driskill ha concesso 2 punti e 8 valide in 6 inning, con 3 strikeout e zero basi-ball.
I Rangers hanno completato il cappotto nella serie di tre gare contro i Devil Rays con la vittoria 11-8 di ieri. Rafael Palmeiro ha battuto un home-run da un punto, il suo 19esimo stagionale e 466esimo in carriera, in apertura dell’ottavo inning, rompendo la parità; l’ex Oriole ha così raggiunto Dave Winfield al 22esimo posto della graduatoria assoluta dei fuoricampisti.

Nella NATIONAL LEAGUE, i fuoricampo a basi vuote di Albert Pujols e Jim Edmonds hanno permesso ai Cardinals di imporsi 3-2 sui Dodgers. Il partente matricola di St.Louis Travis Smith è uscito da diverse situazioni con corridori in base, ed ha ottenuto il suo primo successo dal primo maggio.
Il lanciatore dei Diamondbacks Brian Anderson, che aveva infilato una serie di 17 partenze senza vittorie, ha concesso 2 punti su 4 valide in 7 inning, guidando Arizona al successo 6-3 sui Giants. Anderson ha ora ottenuto 3 successi nelle ultime 4 partenze, vincendone due consecutive per la prima volta in più di un anno.
Brad Wilkerson ha battuto un fuoricampo da due punti con due eliminati nella nona ripresa, su lancio di Josè Mesa, dando agli Expos la vittoria 2-1 sui Phillies. L’home-run di Wilkerson ha permesso a Brian Schneider, che aveva ricevuto una base-ball, di segnare uno dei due punti decisivi.
Lance Berkman ha portato a casa 3 punti, e gli Astros hanno vinto per la settima volta nelle ultime 9 gare, per 8-6 contro i Pirates. Il doppio da due punti di Berkman è stata la battuta chiave nel terzo inning, in cui Houston ha segnato 5 volte contro il partente di Pittsburgh Joe Beimel; in seguito, Berkman ha aggiunto un altro doppio, da un punto, nel quinto.
Il pinch-hitter Pablo Ozuna ha messo a segno un triplo da due punti, e i Marlins hanno sconfitto Al Leiter e i Mets 9-7. Il partente di Florida Julian Tavarez ha rischiato di sprecare un vantaggio di 6-1, ma alla fine è riuscito ad ottenere la sua sesta vittoria in 9 partenze; a New York non è bastato il 18esimo fuoricampo di Mike Piazza.
Javy Lopez è stato decisivo per la seconda gara consecutiva, mettendo a segno il doppio da un punto che ha spezzato la parità e ha permesso ai Braves di superare i Cubs 5-1. Atlanta ha vinto 13 delle ultime 15 gare, e ha portato il suo record a 54-31, migliore nelle Majors insieme a quello Seattle; Chicago ha invece perso 8 delle ultime 10 partite.
Infine, il doppio da due punti di Eric Young, con due eliminati nella nona ripresa su lancio di Danny Graves, ha portato i Brewers al primo successo stagionale sui Reds, per 5-4. La battuta di Young ha permesso a Robert Machado e Alex Sanchez, autori di due singoli, di segnare i punti decisivi.

Informazioni su Matteo Gandini 704 Articoli
Giornalista pubblicista e collaboratore di Baseball.it dall’ottobre 2000, Matteo è un grande appassionato in genere di sport, soprattutto del mondo sportivo americano, che segue da 10 anni in modo maniacale attraverso giornali, radio, web e TV (è uno dei pochi fortunati in Italia a ricevere la mitica ESPN).Per Baseball.it ha iniziato seguendo le Majors americane. Ora, oltre ad essere co-responsabile della rubrica giornaliera sul baseball a stelle e striscie, si occupa di serie A2. Inoltre, nel 2002, per il sito e l’ufficio stampa FIBS ha seguito da inviato lo stage della nazionale P.O. in Florida, la Capital Cup e i mondiali juniores di Sherbrooke (Canada), il torneo di Legnano di softball, e la settimana di Messina, a cui ha partecipato anche la nazionale seniores azzurra. Nel 2003 è stato invece inviato agli Europei Juniores di Capelle (Olanda). Nel 2001 ha anche collaborato alla rivista “Tutto Baseball e Softball”.Per quanto riguarda il football americano, da 3 anni segue il campionato universitario e professionistico americano per Huddle.org, oltre ad essere un assiduo collaboratore alla rivista AF Post. Nel 2003 partecipa al progetto radio di NFLI, ed è radiocronista via web delle partite interne dei Frogs Legnano.Dopo aver collaborato per un periodo di tempo ai siti web Inside Basketball e Play it, nel 2001 ha seguito i campionati di basket americani (NBA e NCAA) per Telebasket.com, in lingua italiana e inglese. Ora segue la pallacanestro d’oltreoceano per Blackjesus.it.Più volte apparso come opinionista di sport americani a Rete Sport Magazine, trasmissione radiofonica romana, lavora stabilmente nella redazione di Datasport, dopo una breve esperienza in quella di Sportal.Nel 2003 ha lavorato anche per l’Ufficio Stampa delle gare di Coppa del Mondo di sci a Bormio.Ha 26 anni, è residente in provincia di Lecco e si è laureato in scienze politiche alla Statale di Milano. La sua tesi, ovviamente, è legata allo sport: il titolo è “L’integrazione dei neri nello sport USA”. Il suo sogno è dedicare tutta la vita al giornalismo sportivo, in particolare nel settore sport USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.