Due sfide al vertice di grande tradizione

Grosseto-Nettuno e Rimini-Parma il piatto forte dell'ultima di andata. Grande interesse in coda per Firenze-Anzio.

Con cinque squadre in vetta nello spazio di una sola lunghezza ogni singola partita, nel bene o nel male, è importante. E più che mai lo sono in questa ultima giornata di andata, quando quattro di queste cinque si incontreranno tra loro in match infuocati dal sapore play off. Ad avere il turno sulla carta più favorevole è senza la minima ombra di dubbio l’Italeri Bologna che, pur dovendo affrontare la trasferta più lunga dell’anno in quel di Paternò, in teoria dovrebbe avere nelle proprie possibilità la tripletta ai danni dei siciliani. E proprio nell’Italeri ci sarà l’esordio di Marc Cerbone, libero di giocare dopo aver ricevuto tale autorizzazione. I due big match della settimana invece sono sfide classiche della serie A. Per tradizione e rivalità tra le due squadre Grosseto–Nettuno è certamente quella più affascinante. Allo Iannella ci sarà il secondo esordio della giornata, quello di Wilson Heredia, lanciatore straniero chiamato a far dimenticare un deludente Brosnan. Dall’altro fronte i campioni d’Italia sono attesi ad una prova di riscatto dopo le delusioni di Coppa Campioni, scongiurando l’eventualità di extrainning che sino a questo punto del campionato hanno sempre condannato i verdazzurri. L’altra ‘quarta” che affronta una ‘prima” è il Parma che fa visita al Rimini, ed anche queste due squadre di storia ne hanno fatta veramente tanta, così come a livello di classifica attuale può essere fatto lo stesso discorso della sfida di Grosseto. La sfida tra Sanchez e il parmense Tonkin di venerdì promette molto, così come ci si aspetta tanto spettacolo e pochi punti complessivi, considerato che gli stessi Pirati possono contare sulla migliore media pgl di tutta la serie A1. Passando al secondo blocco della classifica, il Modena con ancora qualche residua speranza di rientrare nel giro che conta riceve un Codogno a caccia di vittorie per allontanare l’incombente Firenze. Il recupero della terza di andata, che si è disputato nel fine settimana della sosta, ha sicuramente condannato ormai in via definitiva il Paternò, ma ha altresì rilanciato prepotentemente le azioni del Faliero Sarti, che con le due vittorie in Sicilia si è riportato pari al Codogno e ad una sola lunghezza di distacco proprio dall’Anzio. Così la sfida casalinga contro il Colavita appare un crocevia fondamentale nella lotta per la salvezza di questo campionato 2002 combattuto e interessante come pochi altri.

Informazioni su Mauro Cugola 546 Articoli
Nato tre giorni prima del Natale del 1975, Mauro è laureato in Economia alla "Sapienza" di Roma, ma si fa chiamare "dottore" solo da chi gli sta realmente antipatico... Oltre a una lunga carriera giornalistica a livello locale e nazionale iniziata nel 1993, è anche un appassionato di sport "minori" come il rugby (ha giocato per tanti anni in serie C), lo slow pitch che pratica quando il tempo glielo permette, la corsa e il ciclismo. Cosa pensa del baseball ? "È una magica verità cosmica", come diceva Susan Sarandon, "ma con gli occhiali secondo me si arbitra male". La prima partita l'ha vista a quattro mesi di vita dalla carrozzina al vecchio stadio di Nettuno. Era la primavera del '76. E' cresciuto praticamente dentro il vecchio "Comunale" e, come ogni nettunese vero, il baseball ce l'ha nel sangue.

Commenta per primo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.