Caccia alla Danesi!

Sarà ancora faccenda solo per Semenzato, Italeri e Grosseto?

Signori in carrozza! Si parte. Campionato di A1 al via, non senza qualche polemichetta.
Bagialemani, graziato, alla guida dei campioni in carica della Danesi Nettuno sono quello che fa più notizia, nell’immediata vigilia, ma non è questo lo spazio dove parlarne (e infatti trovate la nuova rubrica ‘Il Bianco & il Nero” sull’home page a trattare l’argomento da due diverse angolazioni).
Si parte con la conferma dei tre incontri (la delibera sulle due partite non stava bene a nessuno e fu solo una decisione ‘tattica” per far capire quali erano le forze all’interno del consiglio federale), e con la Gb Modena al posto del Caserta (che ufficializzata così a ridosso dello starter – quando i sussurri giravano ormai da tempo – sa molto di ‘contromossa”).
Soprattutto se è vero quel che ha detto il presidente federale Fraccari alla presentazione al Casinò di Venezia, non ci sarebbero ‘problemi di ordine economico dietro a questa decisione”. Più il terzo straniero.

Sul campo invece, troppe le novità per inquadrare la stagione che comincia, senza ricorrere alla sfera di cristallo. Anche perchè in più di un roster c’è qualche casella ancora da riempire, e se questa dovrà contenere il nome di un lanciatore ‘oriundo” è chiaro che la differenza potrebbe non essere solo un dettaglio. Poi gli stranieri, che sono per la maggior parte ancora da vedere.
Le quattro candidate a un posto in semifinale comunque dovrebbero essere le stesse che hanno centrato l’obiettivo un anno fa. Con non poche differenze però. La Danesi in realtà assomiglia abbastanza a quella che ha messo le mani sullo scudetto 2002. Almeno è quella che ha cambiato meno, rispetto alle altre. Gli Orioles Grosseto invece parrebbero decisamente più muniti sul monte, confrontati a quel che erano nel finale della scorsa stagione, dopo l’ingaggio di Vitale. L’Italeri Bologna, che sarebbe stato interessante vederla nei playoff un anno fa con un Wakita a posto, ha dominato la prima parte del mercato, assicurandosi due elementi del calibro di Liverziani e Sheldon. La Semenzato Rimini invece dopo aver disfatto ha rifatto, gettandosi sulle spoglie del Caserta, e dominando negli acquisti degli ultimi giorni.
L’incognita è la Ceci Parma, che dovrà dimostrare di aver recuperato il gap della disastrosa stagione da cui è reduce. Al momento mi pare corta sul monte.
Il resto è tutto da scoprire. Faliero & Sarti Firenze e Semex Codogno, in aggiunta al fatto di essere matricole, potrebbero patire il passaggio alle mazze di legno. La Città dei Normanni Paternò mi sembra si sia indebolita. La Colavita Anzio potrà ancora dare grattacapi a molti, sopratutto se Sangilbert è a posto. Rimane la Gb, alla quale tutti dobbiamo dire grazie, per aver permesso un torneo a dieci squadre. Spero proprio che i modenesi riescano a fare un ottimo campionato, anche se al momento del ripescaggio avevano già ceduto Kelly e si sono poi trovati a fare di corsa il loro mercato.

A proposito, sii comincia, come detto, a Nettuno, con l’anticipo fra Danesi e Gb. L’ ‘Opening Game”.
Avevo avuto aria fritta, come risposta dell’addetto al marketing della Fibs, alla mia domanda su cosa prevedeva la manifestazione. Questo in occasione sempre della presentazione al Casinò di Venezia mercoledì scorso. Si era sentito dire solo dal presidente Fraccari di una prima palla lanciata o da Pescante e da Petrucci (della quale nessuna notizia ci è poi pervenuta in forma di comunicato e quindi non siamo in grado di confermare). Si sa che c’è un concorso fotografico. Alle ore 12 del giorno prima: nessuna altra notizia dal fronte. Per me resta un anticipo!

Informazioni su Mino Prati 844 Articoli
Mino Prati, giornalista dal 1979, ha scritto di baseball per 'Il Giornale Nuovo', la 'Gazzetta di Bologna', 'Stadio', 'Tuttobaseball' e 'Baseball International' e 'Agenzia ANSA' e 'Il Resto del Carlino', oltre ad essere stato il curatore del sito BaseballNow. É stato anche direttore responsabile, a livello bolognese, di diverse testate tra cui 'Fuoricampo', 'Baseball Time' e 'Baseball Oggi', nonchè addetto stampa della Fortitudo Bologna. Ha lavorato per l'Ufficio Stampa F.I.B.S. Ha pubblicato l'Almanacco del Baseball, per la Nuova Sagip, nel 1980. Oltre che giornalista, vanta un'esperienza anche dall'altra parte "della barricata": ex-tecnico, dirigente di società, a livello di categorie minori praticamente da sempre (dal 1972) a Minerbio (in provincia di Bologna dove è stato uno dei fondatori della società), e come Direttore Tecnico nelle Calze Verdi Casalecchio (Serie A2-1991) prima e nella Fortitudo Bologna (Serie A1-1992/93) poi. Più volte eletto negli organismi locali della Federbaseball a livello provinciale e regionale. E' stato il Responsabile Editoriale di Baseball.It nel 2002.

Commenta per primo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.